Il sito per le imprese che operano con l’estero

Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia: settore automotive

Forte di una posizione geografica competitiva e crocevia per i traffici e i flussi commerciali, a livello continentale, lungo i corridoi Paneuropei 8 e 10 e le direttrici Mar Nero – Mar Adriatico, l'Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia  si candida a diventare un hub strategico per il comparto della componentistica automotive.

La Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia è uno dei Paesi più attivi a livello internazionale nell’ammodernamento della legislazione in campo economico e produttivo (3° Best Reformer nella classifica 2012 del Doing Business Report della Banca Mondiale) ed è tra i più competitivi per il regime di attrazione degli investimenti e di stimoli all’export. Una condizione che apre ulteriori opportunità per le PMI italiane che vogliono investire in Macedonia.

Invest in Macedonia, l’Agenzia macedone per la promozione degli investimenti esteri e dell’export, presenta in particolare gli asset del settore della componentistica automotive.

Nel settore operano circa 50 imprese che generano 2.500 posti di lavoro, un valore aggiunto di 45.5 milioni di euro e export pari a 195 milioni di euro.

Le referenze internazionali comprendono: Johnson Matthey, Johnson Controls, Ruen, Kemet, Vitillo, Samvardhana Motherson Group, Kromberg & Schuber.

La vicinanza agli impianti di assemblaggio dell’Europa Centro-Orientale e della Turchia, entrambi mercati di sbocco e poli regionali  per l’industria del settore, e il sistema infrastrutturale consente di mantenere bassi i costi di distribuzione e ridotti i tempi di trasporto (link al pdf con tempi e costi e vicinanza porti).

Grazie a 3 accordi multilaterali (SAA, EFTA, CEFTA) 2 bilaterali (con Turchia e Ucraina) e a diversi accordi con Paesi Europei sulla doppia imposizione, la Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia  offre un  accesso libero a un mercato di 650 milioni di potenziali consumatori

Numerosi sono gli incentivi fiscali, soprattutto per gli investimenti realizzati nelle Zone Franche di Sviluppo Tecnologico e Industriale, che godono delle seguenti agevolazioni:

  • esenzione totale dell’imposta sugli utili per i primi dieci anni di attività (10% in seguito)
  • esenzione totale dal pagamento dell’IVA e dei dazi doganali per le produzioni destinate all’esportazione
  • connessione gratuita ai sistemi di erogazione gas, energia elettrica, acqua
  • sovvenzioni per i costi di costruzione
  • tariffe agevolate per contratti di locazione dei terreni fino a 99 anni
  • canale doganale preferenziale per le esportazioni dalle Zone Franche ai Paesi dell’Unione Europea
  • idoneità dell’investimento straniero approvata entro 10 giorni lavorativi.
  • Particolari opportunità per la componentistica si riscontrano nel segmento labor intensive e ad alto valore aggiunto (sistemi di sicurezza, sistemi elettronici, prodotti di precisione, componenti per la pressofusione e la fusione di alluminio, zinco e ghisa).

Fonte: Invest Macedonia


Paese: Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia (FYROM)