Il sito per le imprese che operano con l’estero

Produzione macchine tessili: +10% nel 2011

Per il comparto delle macchine tessili il 2011 è stato un anno positivo. I costruttori di macchinario tessile puntano su internazionalizzazione e innovazione.

Nonostante la prepotente ascesa dell’industria meccanotessile cinese sui mercati mondiali e la tradizionale concorrenza di tedeschi e giapponesi, l’offerta italiana mantiene importanti quote di mercato. La forte spinta all’internazionalizzazione e all’innovazione ha permesso al meccanotessile italiano di restare leader del settore, nonostante le difficoltà congiunturali degli ultimi anni.

L’attività di ricerca e sviluppo di nuovi prodotti, grazie soprattutto alla collaborazione con il singolo utilizzatore, ha permesso al meccanotessile italiano di sviluppare competenze anche in nuovi segmenti di mercato (rilevanti progressi sono stati fatti nella tecnologia applicata ai tessili tecnici ed innovativi).

Rispetto al 2010 si registra una crescita pari al 10%. Il valore della produzione è stato di 2,7 miliardi di euro (considerando anche il comparto delle macchine per la manutenzione del tessile), mentre le esportazioni hanno totalizzato un valore di 2,1 miliardi di euro.

Le esportazioni restano il driver principale del meccanotessile italiano. Il mercato cinese e quello indiano hanno acquistato macchinari italiani per un valore superiore a quello dell’anno precedente. Particolarmente dinamica si è mostrata la domanda tecnologica proveniente dalla Turchia.

Quanto alle previsioni per l'anno in corso le indicazioni fornite dall'indagine congiunturale Acimit si fermano al primo trimestre 2012, con l’indice degli ordini stazionario rispetto all’ultimo trimestre 2011. Esiste, tuttavia, un divario tra l’inaspettato incremento del mercato interno e il lieve rallentamento che le aziende italiane hanno subito su quello estero. Per il secondo trimestre le indicazioni qualitative mostrano una stabilità per quanto attiene il mercato italiano. All’estero, invece, si nota una maggiore differenziazione delle risposte, a testimonianza della profonda incertezza del quadro congiunturale.

Informazioni:
ACIMIT Economics - Press
Mauro Badanelli
Tel. 02 4693611
economics-press@acimit.it