Il sito per le imprese che operano con l’estero

Beni strumentali: buone prospettive fino al 2015

Beni strumentali: buone prospettive fino al 2015

L’industria manifatturiera mondiale investe in beni strumentali: il trend positivo del consumo di macchine utensili proseguirà in modo deciso da qui al 2015, interessando anche l’Area Euro.

Secondo uno studio di Oxford Economics, primario istituto econometrico britannico, nel periodo compreso tra il 2011 e il 2015, il consumo mondiale di macchine utensili crescerà del 45% fino a raggiungere il valore record di 88,6 miliardi di euro.

L’incremento della domanda di sistemi di produzione:

  • sarà più deciso nell’area asiatica ove il consumo crescerà del 53%, oltre i 61 miliardi di euro
  • ma anche in Europa la domanda di macchine utensili salirà a 16 miliardi di euro, il 28% in più rispetto al 2011.

Sebbene la sostituzione dei macchinari obsoleti e l’acquisizione di nuovi che interesserà l’Europa nel periodo 2011-2015 non saranno sufficienti a recuperare il terreno perso con la crisi del 2009, l’area Euro si confermerà seconda nella graduatoria mondiale di consumo, dopo l’Asia e prima delle Americhe (ove la domanda si attesterà a 10,7 miliardi di euro).

Più nel dettaglio, sia Germania che Italia continueranno a investire in tecnologia di produzione. Nel 2015, il consumo di macchine utensili da parte degli utilizzatori tedeschi si prevede sarà pari a 6,3 miliardi di euro, il 26% in più del valore registrato nel 2011. In Italia, invece, la domanda crescerà del 20% raggiungendo il valore di 2,4 miliardi di euro.

Secondo le stime elaborate dal Centro Studi UCIMU occorrerà aspettare la seconda parte del 2013 per assistere all’inversione di tendenza dell’andamento della domanda italiana.

Secondo l’indagine trimestrale di UCIMU, il 57,7% degli intervistati dichiara di prevedere, per l’ultimo trimestre dell’anno, una sostanziale stabilità dell’andamento della domanda interna. Il 23,1% si attente una diminuzione. Il 28% ritiene che la domanda espressa dagli utilizzatori stranieri crescerà.

Informazioni:
technical.press@ucimu.it