Il sito per le imprese che operano con l’estero

Packaging alimentare e industriale: trend materie plastiche

Pubblichiamo una sintesi dei dati emersi durante il Forum PET 2013, l’evento di aggiornamento tecnologico per gli operatori del settore degli imballaggi termoformati rigidi ed espansi, per il packaging alimentare e industriale.

Ti potrebbe interessare anche

I relatori che hanno animato le due giornate hanno delineato una panoramica dello stato dell’arte e delle innovazioni di processo legate al PET, il cui consumo mondiale negli ultimi dodici anni è cresciuto dell’8,4% medio annuo. Una proiezione al 2017 stima un consumo mondiale di 20.750.000 tonnellate (+4,7% a livello mondiale).

Analizzando il consumo mondiale di PET per area geografica, è emerso che:

  • l’Asia rappresenta quasi un terzo dei consumi totali con il 31,5%
  • seguito dal Nord America con il 20,4%
  • l’Europa Occidentale con il 19,3%
  • l’America Latina con il 12%
  • l’Europa dell’Est/CSI con il 10,1%
  • l’Africa/Medio Oriente con il 6,7%.

In Europa Occidentale, nel 2012, il consumo totale di PET tecnopolimero è stato di 3.163.000 tonnellate, di cui il 50% nel settore dei soft drink e delle acque minerali. Dal punto di vista del settore di impiego, l’imballaggio alimentare ha rappresentato quasi due terzi (64,1%), il consumo per la produzione di contenitori per prodotti chimici il 24,4% e gli impieghi tecnici l’11,5%.

A dominare il mercato mondiale delle fibre poliestere è la Cina, che rappresenta il 68% della capacità mondiale di produzione, il 68% della produzione mondiale, il 64% dei consumi mondiali e il 27% dell’export mondiale (elaborazione dati CIRFS).

Per quanto riguarda i trend che guideranno le tecnologie di trasformazione, sono stati evidenziati:

  • l’alto livello di automazione/produttività
  • la minimizzazione degli scarti
  • l’informatizzazione e la flessibilità produttiva
  • l’ottimizzazione degli aspetti legati alla logistica (spazi stoccaggio, conservazione prodotto, ecc.).

Sui temi del riciclo degli imballaggi e delle possibili azioni a favore dell’ambiente è emerso come una chiara indicazione ai consumatori dei materiali utilizzati negli imballaggi, contribuisce sia ad aumentare la raccolta differenziata, sia a diminuire la quantità di rifiuti indifferenziati.

Informazioni

Borsani Comunicazione
Tel. 024985125
Francesca Bodini
francesca.bodini@borsani.it