Il sito per le imprese che operano con l’estero

E-mail marketing report 2009

Secondo l'E-mail Marketing Consumer Report 2009 ogni giorno in Italia sono almeno 420 milioni le e-mail recapitate su 51 milioni di caselle esistenti riconducibili a circa 22 milioni di utenti Internet maggiori di 15 anni.

Rispetto alla prima edizione della ricerca (novembre 2007) in 14 mesi il numero di e-mail complessive ricevute quotidianamente è salito del 20%.

Il campione intervistato (915 individui appartenenti ad un panel della società Human Highway) rappresenta gli utenti Internet (57% uomini, 43% donne) di almeno 15 anni di età che utilizzano la Rete almeno una volta alla settimana.

Il 23% del campione è laureato, il 61% ha il diploma di scuola media superiore.
Le persone di età matura (25-54 anni) sono i più assidui utilizzatori dell’e-mail: possiedono un numero di caselle di posta pro-capite più elevato della media e ricevono più e-mail al giorno.

Le ragioni per adottare più caselle di posta sono generalmente legate alla divisione dei ruoli tra indirizzi e-mail ed è prassi comune a due terzi degli utenti creare caselle diverse per motivi / utilizzi diversi (ambito professionale, comunicazioni personali, sottoscrizione abbonamenti, backup, protezione privacy…).

Solo il 6% dichiara di non essere iscritto ad alcuna mailing list. Ogni utente è iscritto, in media, a 6,4 newsletter elettroniche che trattano prevalentemente news:

  • legate a social network e interessi personali
  • di attualità, economia e sport
  • di viaggi e turismo.

Il 51% del campione per iscriversi alle mailing list utilizza l’indirizzo di posta principale. Il 22% utilizza l’indirizzo secondario. Il 7,7% ha creato un indirizzo ad hoc per le mailing list.
Il 70% ha utilizzato in passato l’unsubscribe per cancellare la propria iscrizione dalle mailing list che non ritengono più di interesse.

La ricerca di ContactLab ha rivelato che:

  • circa 4 milioni di navigatori (18% del totale) si collegano alla propria casella e-mail anche attraverso device mobili (BlackBerry, palmari…)
  • le donne, rispetto agli uomini, ricevono ogni giorno il 20% di messaggi e-mail in più e sono iscritte a un maggior numero di mailing list
  • il 20% del campione per consultare la propria casella utilizza unicamente un lettore di posta. Prevale l'utilizzo della Webmail (80% in Italia).

Quanto alle abitudini di gestione delle e-mail, la stragrande maggioranza degli utenti visualizza subito le immagini contenute nei messaggi in HTML, sa riconoscere e difendersi dallo spam e dal phishing.
Cresce il peso dei messaggi intra-community nei siti di social network e la popolarità del sistema di gestione degli sms da Web.

Al contrario dell’ambiente Web - considerato “pubblico” - l’e-mail viene vissuta come comunicazione personale, destinata a un luogo privato (la casella di posta) e quindi meno compatibile con la presenza dei messaggi non richiesti della pubblicità.

Popolarità fornitori di caselle e-mail

  • Hotmail 39%
  • Libero 36%
  • Alice / Virgilio / Tin.it 28%
  • Yahoo 21%
  • Gmail 20%
  • Tiscali 12%

La ricerca può essere richiesta gratuitamente a ContactLab, azienda che opera nei servizi di e-mail marketing.