Il sito per le imprese che operano con l’estero

Rapporto Assinform 2010

Dietro la ripresa dell'economia le imprese che investono in It, mentre si aggrava il ritardo sull'innovazione della Pubblica amministrazione. Questo lo scenario italiano delineato dal Rapporto Assinform 2010.

Gli investimenti in Information Technology sono cruciali:

  • per i progetti mirati all'efficienza e allo sviluppo delle capacità di business delle imprese
  • per lo Stato chiamato a migliorare l'efficacia della Pa e a sviluppare nuovi servizi digitali per imprese e cittadini.

L'Italia, ultima fra i principali paesi nella spesa in It, ha approfondito il gap d'innovazione tecnologica con l'estero:

  • mercato mondiale Ict -1,5%, It -5,4%, Tlc + 1,1%
  • mercato italiano Ict -4,2%, It -8,1%, Tlc -2,3%.

Con un rapporto spesa IT/Pil pari a 1,9% e spesa IT/procapite pari a 316 $, siamo dietro a Usa (4,0% e 1411$) Giappone (2,3%, 838$), Germania (3,4%, 880$), Regno Unito (3,3%, 972$), Francia (3,4%, 856$) e Spagna (2,0%, 316$).

Rispetto al 2008 il mercato It è calato:

  • nel segmento industria del -9,5% (+1,8% nel 2008)
  • banche del -10,4% (1,2%)
  • Tlc e media del -9,4% (-2,1%)
  • mercato consumer del -6,2% (+4,4%) 
  • trasporti del -7,7% (-1,4%)
  • distribuzione e servizi del -7,5% (+1,3%).

Particolarmente preoccupante la situazione della Pa, già da alcuni anni interessata da un processo di decrescita degli investimenti in It, che si riflette nei ritardi del processo di modernizzazione (la spesa pubblica It si è attestata alla modesta cifra di 2.297 milioni di euro (è esclusa la difesa, la cui spesa, diminuita del 9,4%, ammonta a 533 milioni di euro).

Fine marzo 2010

Dopo il pesante calo di -8,1% nel 2009, nel primo trimestre del 2010 rilevati i primi segnali di ripresa della domanda It. Segno ancora negativo (-2,9%), ma rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso recuperati 4 punti percentuali.
La risalita determinata da investimenti in nuovi progetti It da parte di aziende manifatturiere e dei servizi, (soprattutto quelle di medie dimensioni, più aperte ai mercati esteri).

Indagine congiunturale di aprile

Per il 40% delle imprese informatiche l'andamento degli ordinativi è migliorato (a febbraio 2009 le imprese che davano gli ordini in miglioramento non erano più del 19%).

I budget It delle aziende-clienti, risultano in crescita:

  • per il 22%, nel caso della spesa corrente (17,8% l'anno prima)
  • per quanto riguarda gli investimenti in nuovi progetti (ben il 54% delle imprese intende svilupparne, contro il 20% dell'anno prima).

Tuttavia il miglioramento degli ordinativi sembra essere a vantaggio soprattutto delle imprese It di dimensione maggiore, mentre il 40,9% delle piccole e il 50% delle medie valuta l'andamento degli ordinativi in peggioramento.

Sul fronte dell'occupazione le rilevazioni Assinform indicano per i lavoratori dipendenti una situazione di relativa stabilità, che tuttavia non riguarda le medie aziende IT comprese tra 50 e 249 addetti, in cui, rispetto a febbraio 2009, si segnala un peggioramento. Ancor più negative appaiono le rilevazioni sui consulenti, dove le percentuali di risposte che indicano un peggioramento sono rilevanti sia nelle medie aziende IT (50%) che nelle grandi (61.2%).

Video convegno presentazione

Informazioni:
Assinform
Ufficio stampa Assinform
Stefania Follador
Tel. 346 5003534


Settore: ICT, media, Servizi all'impresa