Il sito per le imprese che operano con l’estero

Paying taxes 2012

L’analisi della Banca Mondiale, condotta su 183 Paesi, prende in considerazione le tasse che una piccola e media impresa deve pagare sui profitti commerciali. 

Duplice l’obiettivo: facilitare il confronto internazionale tra i vari contesti fiscali e individuare le pratiche migliori e le possibili riforme per affrontare la crisi.

Il report calcola le tasse e i contributi pagati da una impresa di medie dimensioni e descrive la complessità dei vari sistemi fiscali dalla prospettiva del business. Tre gli indicatori presi in esame:

  • carico fiscale complessivo
  • tempo necessario per pagare tutte le imposte e tasse
  • numero di pagamenti necessari a regolare la posizione fiscale.

Negli ultimi 7 anni più del 60% delle 183 economie hanno riorganizzato l’amministrazione fiscale (pagamenti elettronici, riduzione imposte, semplificazione scadenze). L’Iva è l’imposta sul consumo più diffusa, adottata nell’83% delle economie.

I Paesi più virtuosi nel ranking 2012 sono: Singapore, Irlanda, Mauritius, Canada, Kazakhstan, Regno Unito, Norvegia, Finlandia.

Imbarazzante, come si può vedere dal grafico relativo ai Paesi europei, la posizione dell’Italia. Questa la valutazione secondo i tre criteri: carico fiscale complessivo 170, tempo necessario 127, numero di pagamenti 54. 

Download Report

 

Ranking Paying taxes 2012