Il sito per le imprese che operano con l’estero

Rapporto annuale sul grande dettaglio internazionale

L’edizione 2009 “Pianeta distribuzione” analizza le risposte delle imprese della distribuzione all’attuale crisi della domanda. E offre un’interessante panoramica sulla situazione internazionale.

Sono tre le principali strategie messe in campo.

  1. Alcune aziende cercano di aumentare gli acquisti degli attuali prodotti da parte degli attuali clienti attivando politiche promozionali basate soprattutto sulla riduzione dei prezzi.
  2. Altre puntano ad offrire nuovi prodotti – servizi agli attuali clienti (apertura di sportelli della Wal-Mart Bank e della Tesco Bank, offerta carte di credito Auchan e Carrefour).
  3. Altre ancora mantengono la propria formula di vendita, ma si rivolgono a nuovi mercati con migliori potenziali di crescita (soprattutto in Asia e nell’Est Europa). Le più attive su questo fronte sono Wal-Mart, Tesco e la tedesca Rewe.

A queste opzioni strategiche si aggiunge un generalizzato tentativo di ridurre gli sprechi e i costi dell’organizzazione.

La prima parte della pubblicazione è così organizzata:

  • l’internazionalizzazione del retail, il ruolo delle nuove tecnologie nella Gdo
  • la marca commerciale nell’ottica europea
  • uno speciale sulla distribuzione moderna alimentare e non alimentare in Italia (con l’elenco di tutti i centri commerciali al dettaglio delle varie regioni).

La seconda parte offre invece un’interessante panoramica sulla situazione internazionale divisa per macro aree (Europa Occidentale, Europa orientale, Stati Uniti e Canada, Centro e Sud America, Medio Oriente e Africa).
Questi, in sintesi, i trend che hanno visto protagonisti i leader della distribuzione alimentare in Europa.

FRANCIA

Carrefour si conferma secondo gruppo a livello mondiale con 15.400 punti vendita (di cui 8.000 diretti) in oltre 20 Paesi. Si sta espandendo notevolmente in Asia (120 punti vendita in più rispetto al 2007) e in America Latina (90 punti vendita in più rispetto al 2007).

Auchan nel 2008 ha aperto 60 nuovi ipermercati (27 in Cina) raggiungendo la cifra complessiva di 438 unità in 12 Paesi. Sono invece 726 i supermercati in 5 Paesi.

GERMANIA

In Germania il gruppo Metro insidia l’inglese Tesco nella seconda posizione della graduatoria europea. La rete complessiva conta 2.200 punti di vendita in 32 Paesi (400 in Europa Orientale, 65 in Asia). Previste nei prossimi anni 12 nuove aperture in Cina.

Il gruppo Schwart, che detiene l’insegna Lidl, ha superato i 50 miliardi di euro di vendite classificandosi al quarto posto della classifica europea dei principali gruppi alimentari.

Il gruppo Rewe, al quinto posto, ha 1.574 supermercati in Germania e 2.900 discount a insegna Penny in Germania, Italia, Austria, Repubblica Ceca e Romania.

GRAN BRETAGNA

Il gruppo Tesco, secondo nella graduatoria europea dopo Carrefour, ha una rete complessiva di 4.330 punti di vendita in 14 Paesi. Sta aprendo sportelli bancari presso circa 30 punti di vendita. Ha 115 unità negli Stati Uniti.

OLANDA

Il gruppo Ahold nel 2008 ha ceduto la quota di maggioranza dell’olandese Schuitema, forte di 458 supermercati, e sta per cedere la partecipazione del 49% della portoghese Jeronimo Martins con 356 punti vendita.

FEDERAZIONE RUSSA

Gli ipermercati e i supermercati sono concentrati a Mosca e a San Pietroburgo. I gruppi locali più importanti sono X5 Retail con 1.144 punti di vendita (886 discount, 209 supermercati e 49 ipermercati). La rete del gruppo Magnit è composta invece da 2.580 punti di vendita.
Tra i gruppi stranieri Metro è presente con 48 cash & carry, il gruppo Auchan ha 30 punti di vendita, Rewe ne ha 36.

POLONIA

Malgrado siano presenti le principali imprese europee della distribuzione, la struttura al dettaglio è ancora molto frammentata. Il gruppo portoghese Jeronimo Martins ha acquisito i 205 discount Plus ceduti da Tengelmann e attraverso la controllata Biedronka opera con 1.115 punti di vendita. Rewe ha 36 unità, Tesco 319, Carrefour 330.

REPUBBLICA CECA

La struttura distributiva è tra le più moderne dell’Europa dell’Est. In sviluppo ipermercati e discount. Il gruppo olandese Ahold (Albert/Hypernova) ha 300 punti vendita. Rewe ne ha 350, Tesco 113 unità, 170 i discount Lidl.

ROMANIA

In testa il gruppo Metro con 24 cash & carry MediaMarkt, segue Rewe con 100 punti di vendita, Carrefour con 41. Auchan ha annunciato l’apertura di nuovi 10 punti.

TURCHIA

Il Paese ospita il più grande Shopping Mall d’Europa (380.000 metri quadrati di superficie). Nel 2008 Migros Turk, la più importante impresa distributiva del Paese (con una quota del 22% del mercato domestico), è stata acquisita dalla finanziaria italiana Bc Partners, che ha assunto una partecipazione del 50,8%.
Carrefour, già presente con 760 punti di vendita, ha acquisito nel 2009 una piccola catena di 12 supermercati. Tesco ha 100 punti di vendita.

UNGHERIA

Nella prima posizione della distribuzione alimentare vi sono tre imprese locali: Cba, Coop Hungary e Real Hungaria che complessivamente hanno 11.000 punti di vendita. Tesco è il primo operatore straniero con 149 tra ipermercati e supermercati, seguono l’austriaca Spar, la belga Delhaize, Auchan e Rewe.

Per approfondimenti: www.pianetadistribuzione.info

Enrico Forzato