Il sito per le imprese che operano con l’estero

Kenya : Il settore del tè e nuovi mercatiKenya : Il settore del tè e nuovi mercati

L'agricoltura è il pilastro dell'economia del Kenya contribuendo direttamente per il 24% del Prodotto Interno lordo (PIL) del paese. Il settore rappresenta il 65% del totale delle esportazioni del Kenya e fornisce oltre il 70% del lavoro informale nelle aree rurali. Pertanto, il settore agricolo è non solo il pilastro dell'economia del Kenya, ma anche il principale settore per il sostentamento della maggior parte della popolazione locale.

Il nuovo Regolamento arbitrale della Camera di Commercio internazionale

Il 1° marzo 2017 è entrato in vigore una nuova versione del regolamento arbitrale della CCI che sostituisce quella del 2012. Si tratta di una revisione assai più limitata di quella del 2012 che tocca principalmente aspetti intesi a rendere la procedura arbitrale più rapida ed efficace.

Kenya: siccità, progetti e opportunità per le nuove tecnologie

Un approfondimento sulle opportunità di sviluppo e business in Kenya grazie al piano governativo Vision 2030.  La necessità di nuove tecnologie, anche per affrontare emergenze dovute alla siccità che da mesi sta colpendo il Paese, può divenire un’opportunità per le imprese italiane che operano nei settori di tecnologie innovative legate alla gestione delle risorse agricole, idriche, alla produzione di energia, ricostruzione di dighe e bacini naturali. 

L'economia nigeriana e le opportunità per le imprese italiane

Quella nigeriana è una delle più interessanti economie del continente africano per dimensioni del mercato interno e potenziale di sviluppo, nonostante la crescita oggi sia inferiore al passato per effetto della discesa delle quotazioni del petrolio. Le opportunità per il made in Italy sono molteplici e vanno dai macchinari e le tecnologie per l'industria, ai beni di consumo, all'edilizia e arredo.

Le importazioni nigeriane di prodotti premium-price del sistema casa arredo

Secondo l'analisi realizzata da StudiaBo per Promos, nel 2015 la Nigeria ha importato 3,9 miliardi di euro di prodotti del Sistema Casa Arredo. Di questi, 521 milioni di euro sono riconducibili alle fasce di prezzo più elevate a livello mondiale (segmenti "premium").

L'economia marocchina e le opportunità per le imprese italiane

Accanto ai settori d'attività tradizionali (turismo, agroalimentare, tessile, cuoio e chimica-materie plastiche), il Marocco sta sviluppando nuovi settori ad alto contenuto tecnologico, come l'automotive, l'aerospaziale, le energie rinnovabili, l'elettronica e l'ICT. Un settore chiave nei piani del Governo è quello delle infrastrutture di trasporto e logistica. Importanti investimenti sono previsti anche nel comparto delle costruzioni e dell'edilizia. 

Stabilità interna e riforme economiche gli ingredienti della crescita

Condizioni istituzionali stabili e una serie di importanti riforme in campo economico sono alla base dello sviluppo del Regno del Marocco, un paese che ha saputo affrontare le tensioni scoppiate nella regione nordafricana portando avanti un proprio percorso riformistico. Oggi il Marocco, grazie anche al miglioramento del sistema infrastrutturale e logistico, si propone come porta aperta verso il Sahara e l'Africa.

Senegal: quadro politico, sociale ed economico

Il Senegal rimane uno dei dieci Paesi più competitivi dell’Africa subsahariana ed il suo Governo si propone di raggiungere un tasso di crescita pari al 7% nel 2017.         

Senegal: quali prospettive per chi investe?

Il Senegal è ad oggi uno dei dieci Paesi più competitivi dell’Africa subsahariana ed il suo Governo si propone di raggiungere un tasso di crescita pari al 7% nel 2017.
Nell'articolo un approfondimento sui principali settori del mercato, le principali opportunità  e modalità di investimento nel Paese.             

Due importanti novità per esportare in Ghana

Il presente articolo fornisce alcune informazioni operative relative alle due importanti novità adottate per poter esportare in Ghana: l'attuazione dell’Advance Shipment Information System (ASHI), diffusa tramite un comunicato stampa del ministro dei Trasporti del Ghana il 26 Febbraio 2015, che sarà adottata il 2 Aprile 2015 e il programma di valutazione di conformità in vigore dal 1 marzo 2015 per tutte le spedizioni destinate in Ghana.

SACE: Africa sub-sahariana (Frontiers n.1)

La prima guida realizzata da SACE, nell’ambito del Programma Frontier Markets, è dedicata all’Africa sub-sahariana (Angola, Ghana, Kenya, Mozambico, Tanzania e Senegal).

L’Italia guarda oltre il Sahara

Con una crescita media del Pil superiore al 5% annuo, un’abbondanza di materie prime e una popolazione di circa 820 milioni di persone, che nel 2017 arriverà a quota 950 milioni, l’Africa subsahariana offre all’imprenditore italiano significative opportunità di investimento e sviluppo. 

Pagina: