Il sito per le imprese che operano con l’estero

Cina: lo sviluppo urbanistico delle città di medie dimensioni

La Cina ha confermato un maxi-piano di urbanizzazione focalizzato sulle città con popolazione inferiore ai 2 milioni di abitanti. E finanzia la realizzazione di città a basso impatto ambientale.

Bastano pochi dati previsionali per capire le notevoli opportunità di business che si aprono a favore delle imprese italiane che operano nella pianificazione urbanistica, nelle tecnologie per l’edilizia sostenibile, nella gestione dell’energia, delle acque e dei rifiuti, nei servizi sociali, sanitari e dei trasporti urbani:

  • nel 2030, 1 miliardo di cinesi (circa il 70% della popolazione) abiterà in zone urbane
  • entro il 2025 saranno almeno 221 le città con più di un milione di abitanti
  • il Paese si troverà nella necessità di costruire 170 nuovi sistemi di trasporto di massa, 5 miliardi di metri quadrati di strade e 28.000 chilometri di metropolitana.

Tale processo stimolerà la crescita dei consumi interni, favorendo le importazioni dall'estero e la riduzione del forte avanzo commerciale della Cina con la maggior parte dei Paesi del mondo.

La ricerca inglese

L’Ambasciata italiana da un lato sta monitorando direttamente le prospettive di questo maxi piano di urbanizzazione per individuare settori e opportunità per le imprese italiane, dall’altro ha segnalato i punti salienti di un rapporto sulle città cinesi di seconda/terza fascia realizzato nel 2011 dal China-Britain Business Council e dal Centre for International Business dell'Università di Leeds (CIBUL). Lo studio seleziona:

  • 35 città - fra le 274 con una popolazione superiore al milione di abitanti - sulla base dei seguenti fattori: rilievo economico; tassi di crescita; popolazione e presenza di investimenti diretti esteri. Tali realtà urbane rappresentano il 17% della popolazione, il 39% del Pil e il 47% degli investimenti diretti esteri in Cina
  • 8 settori chiave: aerospazio, automotive, costruzioni ambientali, educazione, energia, sanità, ferrovie e distribuzione
  • 12 "City Clusters" che offrono opportunità d'affari in specifici settori e possono costituire destinazioni significative per le imprese straniere.

La partnership Europa - Cina

Il tema dell'urbanizzazione è centrale anche nel rapporto Commissione Europea – Cina: la "EU-China Partnership on urbanisation", sottoscritta nel maggio 2012, prevede modalità di cooperazione nei seguenti ambiti: urbanistica sostenibile; formulazione di politiche di sviluppo urbanistico; gestione dell'energia; promozione degli edifici eco-sostenibili; integrazione urbana e rurale; formazione; gestione della mobilità, dei trasporti e dei servizi pubblici; sviluppo dell'economia industriale urbana; preservazione del patrimonio storico; edilizia popolare.

Il Partenariato, coordinato dalla Commissione Nazionale per lo Sviluppo e le Riforme (NDRC) e dalla Direzione generale per l'Energia della Commissione Europea, si propone come nuova piattaforma di promozione e supporto per le iniziative di cooperazione per lo sviluppo urbano sostenibile tra mondo imprenditoriale, accademico e governativo.

Nell’ambito di tale accordo è stato avviato  un progetto pilota a Shenyang, capoluogo della regione nord-orientale dello Liaoning ("EU-China Sustainable Urbanisation Park"). L’insediamento è stato progettato e verrà costruito in tre anni secondo avanzati principi urbanistici europei per dimostrare che le ricette UE di sostenibilità urbana sono efficaci non solo sul piano tecnico, ma anche su quello finanziario. Al progetto, guidato dalla tedesca Euro Sino Invest (ESI), partecipa anche lo studio italiano di architettura "Progetto CMR".

Il progetto si sviluppa su una superficie pari a 93 campi di calcio suddivisa in tre aree con le seguenti destinazioni d’uso:

  • una zona residenziale, autosufficiente dal punto di vista energetico e a basso impatto ambientale, realizzata facendo ricorso alla bio edilizia e alle più moderne soluzioni di mobilità urbana
  • un parco per l’insediamento di uffici e centri di ricerca delle Pmi europee
  • un parco industriale “leggero” destinato ad ospitare le imprese europee che hanno fornito le tecnologie e i prodotti innovativi impiegati per la realizzazione del progetto.

Questo centro di eccellenza punta ad essere un terreno concreto per lo scambio di best practices tra Unione Europea e Cina in tema di urbanizzazione.

Fonte: www.infomercatiesteri.it


Paese: Cina