Il sito per le imprese che operano con l’estero

Invest in Lebanon

Il PIL del Libano è cresciuto, nel 2012, del 2% e il PIL pro capite è stato pari a 10.416 dollari. L’Italia, con una quota dell’8,7% è il secondo paese fornitore dietro agli USA e davanti alla Cina.

Il sistema impositivo è uno dei più competitivi dell’area MENA e il Libano punta a diventare, sfruttando la posizione geografica, hub di riferimento per il business (nel 2012, si è classificato 10° nel ranking “FDI Attraction index” che misura la capacità di un sistema paese di attrarre gli investimenti esteri).

Punti di forza

  • Corporate tax rate al 15%
  • Dazi doganali minimi
  • Non ci sono tariffe sull’export
  • Sistema scolastico – educativo tra i migliori al mondo
  • Sono necessari 9 giorni per avviare un’attività imprenditoriale.

Riguardo alle opportunità di partecipazione italiana a progetti di investimento, i settori più interessanti sono:

  • l'agroalimentare, l'agricoltura biologica e la certificazione di qualità
  • la ristorazione
  • il settore elettrico e dell'energie rinnovabili.

Ampi spazi di penetrazione nel mercato libanese, da parte italiana, esistono anche per i settori attrezzature/macchinari, moda/pelletteria/calzaturiero (anche in franchising), arredamento e architettura d'interni.


Paese: Libano