Il sito per le imprese che operano con l’estero

Union for the Mediterranean: nuovi progetti settore ferroviario, sicurezza alimentare e sviluppo delle Pmi

Union for the Mediterranean: nuovi progetti settore ferroviario, sicurezza alimentare e sviluppo delle Pmi

L'Unione per il Mediterraneo ha adottato tre nuovi progetti: la costruzione di una rete ferroviaria in Giordania, la creazione di un Centro Euro-Mediterraneo per lo sviluppo delle micro, piccole e medie imprese a Milano e la valorizzazione delle competenze dei ricercatori specializzati in materia di sicurezza alimentare e sviluppo rurale.

Tre nuovi progetti sono stati adottati dall’Unione per il Mediterraneo - l’organizzazione creata nel 2008 da 43 capi di stato e di governo impegnati a trasformare il Mediterraneo in un’area di pace, democrazia, cooperazione e prosperità - per:

  1. migliorare le reti di trasporto del Mediterraneo
  2. sostenere lo sviluppo del business tra Pmi
  3. incrementare le competenze e le opportunità di impiego per i professonisti che operano nel  settore della sicurezza alimentare e dello sviluppo rurale.

Il primo prevede la costruzione di una rete ferroviaria in Giordania  in grado di garantire un efficace collegamento con i paesi vicini. Attualmente la rete ferroviaria giordana è di soli 120 Km.

Promosso dal Ministero dei Trasporti di Giordania, il progetto in 4 anni (2013 – 2017) dovrà costituire un "corridoio nord-sud", dal confine siriano al porto di Aqaba (509 km).

Durante la prima fase, verrà realizzato il collegamento tra la più grande miniera di fosfati del paese (Shidiya) la stazione di Wadi Yutum e il nuovo terminal sud del porto di Aqaba. Poi si continuerà il tratto verso il confine siriano.

Il Centro Euro-Mediterraneo per lo sviluppo per le micro, piccole e medie imprese (EMDC), promosso dalla Camera di Commercio di Milano, è una rete integrata di Agenzie di sviluppo che ha l'obiettivo di favorire l’occupazione giovanile e la crescita del capitale umano e di promuovere l'accesso delle Pmi a nuovi mercati internazionali e al credito.

Il Centro avrà sede a Milano e fornirà a tutte le imprese del network servizi per l’internazionalizzazione (organizzazione incontri d’affari e missioni imprenditoriali, ricerca potenziali partner, analisi di mercato, definizione piani per l’export).

L’infrastruttura di rete metterà in contatto imprenditori, istituzioni e investitori di Marocco, Tunisia, Egitto e Giordania al fine di sostenere le Pmi nella fase di start-up di nuovi progetti e nella definizione di progetti di internazionalizzazione.
La seconda fase del progetto prevede di estendere l’esperienza anche agli altri paesi della regione del Sud e dell'Est del Mediterraneo.

Il progetto biennale di alta formazione sulla sicurezza alimentare e lo sviluppo rurale, promosso dal Centro internazionale di alti studi agronomici mediterranei (CIHEAM), ha l’obiettivo di valorizzare le competenze di tutti i professionisti che partecipano a programmi di istruzione superiore in materia di sicurezza alimentare e sviluppo rurale.

Il progetto prevede la realizzazione di azioni specifiche e complementari:

  • la fornitura di informazioni on line per aiutare gli studenti di laurea specialistica a sviluppare il loro senso imprenditoriale in modo che possano avere maggiori sbocchi professionali
  • l’attuazione di una piattaforma di dottorato integrata con il sistema universitario mediterraneo che  fornisca un supporto scientifico e logistico per i ricercatori
  • lo sviluppo di moduli e-learning come strumento di formazione continua presso l’Istituto Agronomo Mediterraneo (MAIS) del CIHEAM
  • il rafforzamento del riconoscimento dei titoli e dei diplomi di laurea specialistica per favorire la mobilità e le opportunità professionali in un contesto internazionale.

Le attività saranno sviluppate in ciascuno dei quattro istituti CIHEAM in Francia, Grecia, Italia e Spagna, così come in altri paesi membri del sud.

Informazioni

Unione per il Mediterraneo