Il sito per le imprese che operano con l’estero

Nella sezione
Pagina:

M

MCCA / CACM
Il Mercato Comune Centro Americano è costituito da: Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua. Il Panama, pur non essendo uno stato membro, coopera con gli altri stati per la realizzazione di un mercato unico regionale.

MERCI COMUNITARIE
Sono quelle merci:

  • interamente ottenute nel territorio doganale comunitario senza l'aggiunta di merci provenienti da Paesi terzi
  • provenienti da Paesi terzi ed immesse in libera pratica (merci su cui è già avvenuto il pagamento dei dazi all'importazione)
  • ottenute nel territorio doganale comunitario da merci immesse in libera pratica, con o senza l'aggiunta di merci
  • interamente ottenute nel territorio comunitario.

Le merci comunitarie non corrispondono alle merci di origine comunitaria. Il solo assolvimento delle formalità e dei tributi doganali comunitari assimila le merci non comunitarie alle merci comunitarie, ma non attribuisce a tali merci l'origine della Comunità.

MERCOSUR www.mercosur.org.uy
Il Mercato Comune del Cono Sud, istituito nel 1991, riunisce Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay. Bolivia, Cile e Perù sono Paesi associati. Venezuela e Messico sono Paesi candidati a diventare membri associati.

MINIMUM PREMIUM BENCHMARK (Mpb)
Tassi minimi di premio assicurativo stabiliti in sede Ocse a fronte di assicurazioni del rischio politico, in relazione al rischio del paese debitore, alla durata dell'operazione e alla valuta di finanziamento (euro o dollaro).

MONTERREY CONSENSUS
E' il programma di globalizzazione firmato nel marzo 2002 da 50 capi di Stato e di Governo in Messico. Nelle intenzioni dovrebbe sostituire il precedente modello liberista denominato Washington consensus nato nell'89 nel corso di una conferenza organizzata dall'Institute for International Economics e messo in discussione dalla crisi asiatica di fine anni '90.
Il Monterrey consensus in 63 punti affronta non solo temi economici, ma anche aspetti quali la governance, la corruzione, i diritti umani. Per la sua visione del capitalismo più pragmatica rispetto al precedente modello è diventato uno dei punti di riferimento nelle politiche del Fmi.