Il sito per le imprese che operano con l’estero

Nella sezione
Pagina:

S

SAARC
Associazione che riunisce i seguenti Paesi: Bangladesh, Bhutan, India, Maldive, Nepal, Pakistan e Sri Lanka. L'1 gennaio 2006 è entrato in vigore un accordo di libero scambio (che sarà completamente operativo dal 2016) e che prevede una riduzione a meno del 5% delle tariffe sui beni scambiati nell'area.

SACE – Istituto per i Servizi Assicurativi del Commercio Estero www.sace.it
Ente pubblico istituto nel 1998, assume in assicurazione e/o in riassicurazione i rischi (di carattere politico, catastrofico, economico, commerciale, di cambio) a cui sono esposti gli operatori nazionali nelle loro attività con l'estero (esportazioni, investimenti diretti all'estero, ecc.).

SACE BT www.sacebt.it
Compagnia di assicurazioni specializzata nella copertura del rischio del credito a breve termine, sia in Italia che all'estero.
Sui mercati internazionali SACE BT può coprire, oltre al rischio di credito, anche eventi riconducibili al rischio politico.
SACE BT spa fa parte del Gruppo assicurativo SACE spa (100% del capitale sociale).

SACU
Unione doganale creata nel 1969 da Sud Africa, Botswana, Namibia, Lesotho e Swaziland.

SADC www.sadc.int
La Comunità per lo Sviluppo dell'Africa del Sud, nata nel 1992, riunisce Angola, Botswana, Lesotho, Madagascar, Malawi, Mauritius, Mozambico, Namibia, Repubblica democratica del Congo, Sud Africa, Swaziland, Tanzania, Zambia, Zimbawe. Area di libero scambio dal 2008, punta a diventare unione doganale nel 2012 e ad adottare la moneta unica nel 2016.

SIMEST- Società italiana per le imprese all'estero www.simest.it
Società per azioni controllata dal Governo italiano, istituita nel 1990.
Finanzia le attività internazionali delle imprese italiane.
Sottoscrive fino al 25% del capitale delle società estere partecipate da imprese italiane o agevola il finanziamento della quota di partecipazione dell'impresa italiana.
Agevola i crediti all'esportazione.
Finanzia programmi di penetrazione commerciale, studi di fattibilità, spese di partecipazione a gare internazionali.
Assiste le imprese nell'avvio e nella realizzazione degli investimenti.

STABILE ORGANIZZAZIONE
Secondo la definizione OCSE, per "stabile organizzazione" si intende "una sede fissa di affari in cui l'impresa esercita in tutto o in parte la propria attività".
L'espressione "sede di affari" comprende immobili, locali, attrezzature e/o installazioni utilizzati per lo svolgimento dell'attività d'impresa, anche in modo non esclusivo. Non è necessario che il soggetto estero sia il proprietario dei locali, è sufficiente che ne abbia la disponibilità a qualsiasi titolo (una stabile organizzazione può essere infatti individuata anche presso i locali di un'altra società).
Secondo l'OCSE, inoltre, la verifica dell'esistenza di una stabile organizzazione deve essere condotta per ogni singola società, indipendentemente dal Gruppo di appartenenza e dall'esistenza nello stesso Paese di stabili organizzazioni di altre società del medesimo Gruppo.
Di norma, la sussistenza della stabile organizzazione permette allo Stato della fonte di assoggettare a tassazione gli utili di una impresa estera.

STAND-BY LETTER OF CREDIT (lettera di credito stand-by)
Questa forma di pagamento riassume le caratteristiche fondamentali del credito documentario e della garanzia bancaria di pagamento.
La stand-by costituisce infatti l'impegno assunto da una banca - su incarico del compratore - di pagare il venditore, nel caso in cui il compratore non abbia pagato regolarmente. Quindi nel caso di pagamenti regolari (che normalmente avvengono a mezzo bonifico bancario) la stand-by non viene attivata.
Per ottenere dalla banca il pagamento, il venditore deve presentare dichiarazione attestante il mancato pagamento e copia dei documenti di spedizione e di altri eventualmente indicati nella stand-by (gli originali infatti accompagnano la merce).
La stand-by costituisce una valida soluzione nel caso di forniture continuative e nel caso di spedizioni per via aerea.

SUSSIDI ALL'EXPORT
I sussidi alle esportazioni rappresentano uno strumento protezionistico. Si parla spesso di quelli a favore del settore agricolo (utilizzati anche dall'Unione Europea, dagli Stati Uniti, dal Canada e dall'Australia) perchè in ambito Wto causano spesso forti scontri tra i 148 partner. Da un lato i Paesi più ricchi difendono i loro privilegi in materia di agricoltura. Dall'altro il Gruppo dei Ventuno - guidato da Brasile, Cina e India - sostiene che i sussidi alterano il commercio internazionale e danneggiano i Paesi in via di sviluppo che, oltre a non poter competere a livello globale, soffrono nei mercati domestici le pratiche di dumping dei ricchi produttori agricoli.

SWIFT
Lo Swift (Society for World-wide Interbanking Financial Telecomunications) è una società consortile tra banche che gestisce una rete telematica interbancaria che è parte integrante del sistema internazionale dei pagamenti.
Qualsiasi banca collegata al sistema può inviare in tempo reale messaggi già autenticati, e quindi immediatamente operativi, verso qualsiasi altra banca del mondo.
Il sistema consente alla clientela aziendale delle banche di effettuare trasferimenti di fondi in modo sicuro, rapido ed economico.