Il sito per le imprese che operano con l’estero

Trasporto multimodale: le 13 regole dell'ICC di Parigi

La Convenzione delle Nazioni Unite sul trasporto multimodale internazionale, approvata a Ginevra il 24 maggio 1980, non è ancora entrata in vigore. In assenza di una convenzione specifica, la Camera di Commercio Internazionale di Parigi ha elaborato le UNCTAD/ICC "Rules for multimodal transport documents" .

Pubblichiamo la traduzione non ufficiale fatta dall'avvocato Emilio Fadda che ha curato anche la sintesi delle 13 regole.

1 Applicabilità

Le regole trovano applicazione tutte le volte che, in qualsiasi modo e, quindi, sia in forma scritta sia verbalmente, sia anche in altro modo, vengano inserite in un contratto di trasporto e che, in tal caso, esse prevalgono su qualsiasi altra clausola del contratto di trasporto. L'efficacia delle regole che non promanano da un'autorità capace di imprimere loro efficacia di legge è infatti fondata sulla volontà delle parti contraenti.

2 Definizioni

Contiene le definizioni dei termini usati nel testo della Convenzione per il trasporto multimodale. E' opportuno ricordare che il vettore viene individuato come il soggetto che esegue egli stesso o si obbliga ad eseguire il trasporto o una sua parte, si tratti o no di un operatore di trasporto multimodale. Va ricordata anche la definizione di documento di trasporto multimodale, inteso come documento che attesta l'esistenza di un contratto di trasporto multimodale, che può essere sostituito da messaggi studiati per essere utilizzati nel quadro dello scambio di dati informatici in quanto il diritto applicabile lo consenta, e può essere emesso in forma negoziabile o in forma non negoziabile così come può indicare nominativamente il destinatario.

3 Efficacia probatoria del documento di trasporto multimodale

Le indicazioni su di esso apposte fanno fede, fino a prova contraria, della presa in carico da parte dell'Operatore di trasporto multimodale delle merci in esso descritte, a meno che sul testo stampato del documento non figuri (o non sia stata aggiunta) un'indicazione contraria del genere "pesato, riempito e controllato dal caricatore", "contenitore riempito dal caricatore" o altra espressione similare.

4 e 5 Responsabilità dell'operatore di trasporto multimodale

A) La responsabilità del vettore si estende dal momento in cui prende in carico le merci fino al momento in cui le riconsegna.

B) L'operatore di trasporto multimodale è responsabile dei suoi atti e omissioni, sia anche degli atti ed omissioni dei suoi preposti e mandatari che agiscono nell'esercizio delle loro mansioni e degli atti ed omissioni di qualsiasi altra persona dei cui servizi egli si avvale per l'esecuzione del contratto.

C) L'operatore di trasporto multimodale si obbliga ad eseguire o a far eseguire tutte le attività necessarie per garantire la consegna delle merci: quando il documento di trasporto multimodale è stato emesso in forma negoziabile al "portatore", al soggetto che gli presenta un originale di tale documento quando il documento di trasporto multimodale è stato espresso in forma negoziabile "all'ordine" di un soggetto nominativamente individuato, a tale soggetto, contro dimostrazione della sua identità e contro consegna di un originale del documento, se il documento è stato trasferito "all'ordine" o in bianco quando il documento di trasporto multimodale è stato emesso sotto forma non negoziabile, al soggetto individuato come destinatario nel documento, subordinatamente alla prova della sua identità quando non è stato emesso alcun documento, al soggetto individuato sulla base delle istruzioni, fornite dal mittente, o da parte di un soggetto che abbia acquisito in virtù del contratto di trasporto multimodale il diritto di fornire tali istruzioni.

D) L'operatore di trasporto multimodale è responsabile delle perdite e delle avarie subite dalle merci, come pure del ritardo nella riconsegna , se l'evento che ha causato la perdita, il danno o il ritardo ha avuto luogo nel periodo in cui le merci erano sotto la sua custodia, a meno che egli non fornisca la prova che nè da parte sua, nè da parte dei suoi preposti o mandatari, vi è stato un errore o una negligenza, il tutto sotto riserva degli esoneri indicati alle regole 4, 5 e 6. Peraltro l'operatore di trasporto multimodale non è responsabile delle perdite derivanti da un ritardo nella riconsegna, a meno che il mittente non abbia reso una dichiarazione di interesse alla riconsegna per una data specifica o entro un termine prestabilito, e tale dichiarazione sia stata accettata dall'operatore di trasporto multimodale.

E) Nonostante tali previsioni, l'operatore di trasporto multimodale non sarà responsabile delle perdite, danni o ritardi alla riconsegna, nel caso di merci trasportate per via marittima o a mezzo di acque interne, quando tali perdite, danni o ritardi sono provocati: da un atto, negligenza o ritardo del capitano, dell'equipaggio, del pilota o dei preposti del vettore nella navigazione o nell'amministrazione della nave da un incendio, a meno che esso non sia stato determinato da atti o omissioni del vettore.

F) L'indennità per perdita o danni subiti dalle merci viene calcolata secondo il loro valore nel luogo o nel momento della consegna al destinatario, ovvero nel luogo e nel momento in cui esse avrebbero dovuto essere consegnate secondo quanto previsto dal contratto di trasporto.

G) Il valore delle merci viene determinato secondo il corso in Borsa, ovvero, in difetto di ciò, secondo il prezzo corrente sul mercato, ovvero, in mancanza dell'uno o dell'altro, secondo il valore usuale di merci di uguale natura e quantità.

6 Limite di responsabilità

A) A meno che il caricatore non abbia dichiarato la natura ed il valore delle merci prima della loro presa in carico da parte dell'operatore di trasporto multimodale e non abbia fatto inserire tale indicazione nel documento di trasporto, l'operatore di trasporto multimodale non è e non diviene in alcun caso responsabile delle perdite e delle avarie subite dalle merci per un importo superiore all'equivalente di 666,67 Diritti Speciali di Prelievo per collo o unità ovvero a 2 Diritti Speciali di Prelievo per chilogrammo di peso lordo delle merci perdute o danneggiate, applicandosi il limite più elevato tra i due.

B) Quando un contenitore, un pallet o qualsiasi altro strumento similare contiene più di un collo o di una unità di carico, che nel documento di trasporto multimodale è indicato come contenuto in tale strumento, è considerato come un collo o un'unità di carico. Al di fuori di tale caso, tale strumento viene considerato come un collo o unità di carico.

C) Nonostante tali disposizioni, se il trasporto multimodale non comporta, a termini del contratto, un trasporto di merci per mare o per altra via d'acqua interna, la responsabilità dell'operatore di trasporto multimodale è limitata ad un importo di 8,33 Diritti Speciali di prelievo per chilogrammo di peso lordo delle merci perdute o avariate.

D) Quando la perdita o l'avaria subita dalle merci si è verificata su una specifica tratta del trasporto multimodale per la quale una Convenzione internazionale o una legge nazionale inderogabile avrebbe determinato un altro limite di responsabilità se fosse stato concluso un distinto contratto per tale tratta di trasporto, il limite di responsabilità dell'operatore di trasporto multimodale per tale perdita o avaria è determinato in conformità alle disposizioni di tale Convenzione o della predetta legge nazionale inderogabile.

E) Se l'operatore di trasporto multimodale è responsabile del danno derivante dal ritardo alla riconsegna o di perdite, avarie indirette, diverse dalle perdite e dalle avarie subite dalle merci, la sua responsabilità è limitata ad un importo non eccedente l'equivalente del nolo pagabile in virtù del contratto di trasporto.

F) Il cumulo dei risarcimenti dovuti dall'operatore di trasporto multimodale non può superare i limiti che sarebbero applicabili in caso di perdita totale delle merci.

7 Perdita del diritto di limitare la responsabilità

L'operatore di trasporto multimodale non può invocare il beneficio della limitazione di responsabilità se si prova che la perdita, l'avaria o il ritardo alla consegna derivano da un atto o da una omissione da lui personalmente commessa sia con l'intenzione di provocare tale perdita, avaria o ritardo, sia temerariamente e sapendo che la perdita, l'avaria o il ritardo ne sarebbero probabilmente derivati.

8 e 9 Responsabilità del mittente - Avviso di perdite o danni alle merci

A) Si presume che il mittente abbia garantito all'operatore di trasporto multimodale, nel momento in cui lo stesso prende in carico le merci, l'esattezza di tutte le indicazioni relative alla natura generale, le marche, il numero, il peso, il volume, la quantità e, se del caso, il carattere pericoloso di tali merci, così come gli sono fornite da lui o a suo nome per essere inserite nel documento di trasporto multimodale.

B) Il mittente è tenuto ad indennizzare l'operatore di trasporto multimodale di ogni pregiudizio derivante da inesattezza o insufficienza delle predette indicazioni.

C) Il mittente sarà responsabile anche nel caso in cui abbia trasferito il documento di trasporto multimodale.

D) Il diritto dell'operatore di trasporto multimodale a questo indennizzo non limita in alcun modo la sua responsabilità così come quella di qualsiasi altro soggetto, diverso dal mittente, in base al contratto di trasporto.

E) A meno che il destinatario non dia avviso in forma scritta all'operatore di trasporto multimodale della perdita o della avaria subita dalle merci, specificando la natura generale di tale perdita o avaria, quando le merci gli vengono consegnate, tale consegna costituisce presunzione, salvo prova contraria, che le merci gli sono state consegnate dall'operatore di trasporto multimodale così come descritte nel documento di trasporto multimodale.

F) Quando la perdita o l'avaria non sono apparenti, la stessa presunzione trova applicazione se l'avviso in forma scritta non viene dato entro un termine di 6 giorni consecutivi a decorrere dal giorno in cui le merci sono state consegnate al destinatario.

10 Prescrizione

Stabilisce che, salvo espressi accordi in senso contrario, l'operatore di trasporto multimodale è liberato da ogni responsabilità ai sensi delle Regole, se un'azione non venga intentata nei 9 mesi successivi alla consegna delle merci o alla data in cui le merci avrebbero dovuto essere consegnate o alla data in cui, secondo la Regola 5.3, la mancata consegna attribuisce al destinatario il diritto di considerare come perdute le merci.

11 Applicabilità ai reclami extracontrattuali

Le Regole sono applicabili a qualsiasi azione contro l'operatore di trasporto multimodale relativa all'esecuzione del contratto di trasporto multimodale, tanto se l'azione sia fondata sulla responsabilità contrattuale, quanto se fondata su una responsabilità extracontrattuale.

12 Applicabilità delle regole ai preposti o mandatari dell'operatore di trasporto multimodale

Le Regole si applicano a qualsiasi azione relativa all'esecuzione del contratto di trasporto multimodale proposta contro un preposto o un mandatario dell'operatore di trasporto multimodale o contro qualsiasi altra persona ai cui servizi egli abbia fatto ricorso per l'esecuzione del contratto di trasporto multimodale, sia che l'azione sia fondata sulla responsabilità contrattuale, sia che sia fondata su quella extracontrattuale, e l'importo totale dei risarcimenti dovuti dall'operatore di trasporto multimodale non potrà comunque superare i limiti di cui alla Regola 6.

13 Legge obbligatoria

Le Regole non producono effetto se non nella misura in cui esse non sono contrarie alle disposizioni di carattere obbligatorio delle Convenzioni internazionali o della legge nazionale applicabile al contratto di trasporto multimodale