Clienti cinesi online: 5 consigli per evitare truffe

Le PMI italiane hanno la vitale necessità di trovare nuovi mercati. Spesso rivolgono la loro attenzione alla Russia e alla Cina, a volte senza ragioni razionali, ricercando on line i loro clienti.

Clienti cinesi online: 5 consigli per evitare truffe

La Cina è un mercato vasto, ricco, in costante evoluzione. Guardando al numero crescente di interscambi tra la "Repubblica Cinese" e il resto del mondo, non si può non considerare la Cina quale partner desiderabile. Ciò nonostante, in un mercato così grande, non è infrequente trovare truffatori esperti, pronti a rubare liquidità facendo leva sulle speranze degli imprenditori meno esperti.

Ecco 5 consigli pratici per tutelarvi nelle trattative con Lead Cinesi.

1) Controllore l'esistenza fisica dell'azienda cinese

Banalità che viene spesso dimenticata: accertiamoci che l'azienda esista, che abbia una sede, utilizzando Google Map. Solitamente, quando l'azienda è on line da diverso tempo, è sufficiente digitare sul motore di ricerca il suo nome e la città. Nel caso non sia sufficiente, inserite anche l'indirizzo.

Se ancora non ottenete risultati chiari potete verificare direttamente su Motore di Ricerca Cinese: map.baidu.com

2) Controllare l'esistenza fisica (nome e cognome) del Vostro contatto cinese

Nel caso riceviate mail oltremodo formali, che abbiano un mittente di cui non sia facile comprendere il nome, ovvero sia un nomignolo o nome occidentale, o ancora non abbia alcun riferimento credibile on line, vi consiglio vivamente di mantenere alto il livello di attenzione.

3) Chiedere al Vostro contatto cinese la "Business Licence"

Tutte le aziende cinesi devono possederla. Viene solitamente rilasciata dall'Amministrazione Locale per l'Industria e il Commercio in due formati: A3 l'originale e A4 la copia. All'interno del documento sono registrate le informazioni più importanti inerenti l'azienda: la sua data di fondazione, la sua sede, il suo legale rappresentante, ecc...
Chiederne copia in pdf al vostro contatto cinese prima di continuare qualsiasi trattativa commerciale vi tutelerà moltissimo, anche perché metterà in luce che non siete degli sprovveduti, facili da spennare.

4) Diffidare da inviti in Cina propedeutici alla vendita

Spesso vi verrà chiesto un viaggio in Cina per perfezionare il contratto. Tale viaggio vi verrà presentato come necessario. Ricordate che in realtà la presenza fisica non è assolutamente obbligatoria; piuttosto finalizzata ad estorcere piccole somme di denaro in contanti, giustificandole come "regali" per accelerare gli acquisti.

5) Chiedere sempre una parte di pagamento in anticipo

In God We Trust, All Others Pay Cash. 

Giorgio Michelangelo Fabbrucci

 

Altre tematiche
l design industriale: tra brevetto e copyright
Il design industriale: tra brevetto e copyright Il Design Industriale costituisce uno dei principali motori dell’innovazione, rappresentando per l’Italia e il made in Italy un settore di eccellenza e in costante sviluppo.
Clienti cinesi online: 5 consigli per evitare truffe
Clienti cinesi online: 5 consigli per evitare truffe Le PMI italiane hanno la vitale necessità di trovare nuovi mercati. Spesso rivolgono la loro attenzione alla Russia e alla Cina, a volte senza ragioni razionali, ricercando on line i loro clienti.
Le 5 R dell'e-commerce per le Pmi
Le 5 R dell'e-commerce per le Pmi L'innovazione digitale non è un valore in sé: lo è nella misura in cui produce crescita per un'impresa, per una comunità, per un territorio.
E-commerce internazionale: Cautele ed Opportunità
E-commerce internazionale: cautele ed opportunità L'export attraverso l'E-commerce è un'opportunità che le imprese italiane non possono non cogliere nel presente e nel futuro ...
Bando Marchi +3: rimborso spese per PMI italiane titolari di marchi europei e/o internazionali
Bando Marchi +3: rimborso spese per PMI italiane titolari di marchi europei e/o internazionali Pubblicato il Bando Marchi 3+ destinato alle Pmi italiane titolari di marchi europei e/o internazionali depositati dal 1 giugno 2016.
Normativa europea in materia di privacy: l'adeguamento dell'Italia
Normativa europea sulla privacy: l'adeguamento dell'Italia Mancano pochi mesi alla efficacia Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016, che riforma la disciplina del trattamento dei dati personali (di seguito, RGPD).
Utilizzare Internet per analizzare la domanda
Utilizzare Internet per analizzare la domanda L’uso universale della rete per cercare contenuti ed informazioni attraverso i motori di ricerca permette oggi di accedere a una quantità sovrabbondante di dati statistici che possono orientare le scelte di internazionalizzazione delle imprese.
UNCITRAL (ONU) approva le ICC Uniform Rules for Forfaiting
UNCITRAL (ONU) approva le ICC Uniform Rules for Forfaiting Le norme uniformi ICC per il Forfaiting (URF 800) - sono state ufficialmente approvate dalla Commissione delle Nazioni Unite sul diritto commerciale internazionale (UNCITRAL) nella sua 50a sessione plenaria tenutasi a Vienna il 14 luglio 2017.
Il successo dell'e-commerce tra innovazione, qualità ed efficacia
Il successo dell'e-commerce tra innovazione, qualità ed efficacia L'e-commerce è un fenomeno in costante crescita, non è più solo un'opportunità, sta diventando una scelta inevitabile per rimanere competitivi nei mercati internazionali.