Verificare la prestazione prima della consegna

Immaginiamo che tra due imprese che operano in mercati lontani si stabiliscano rapporti di compravendita o di lavorazione. Avvenuta la consegna, il compratore e il committente possono verificare se la merce consegnata corrisponde alle specifiche richieste.

Solo a partire da questo momento, sono in grado di verificare se i prodotti siano effettivamente quelli ordinati o se presentino vizi o difetti, anche a seguito delle lavorazioni effettuate dalla controparte. D'altro canto, è precisamente dal momento della consegna che possono decorrere gli eventuali termini di decadenza per muovere eventuali contestazioni.

Già, ma quali termini? Previsti dalla legge di quale Paese? E se per caso i prodotti, acquistati o lavorati, si fossero deteriorati per fatto del trasportatore?
Si tratta di situazioni che vengono oggettivamente complicate dalla distanza geografica e dalla diversità degli ordinamenti coinvolti.

È però possibile prevenirle, stabilendo concordemente che la verifica dei prodotti e/o delle lavorazioni sia effettuata congiuntamente dalle Parti, anche mediante terzi, in un momento anteriore alla spedizione, di norma presso il domicilio del venditore/appaltatore e dunque prima della consegna.

Verifica anticipata

L'interesse del compratore/committente a una verifica anticipata è del tutto evidente: la constatazione di vizi o difformità palesi permetterà alle Parti di risolvere il problema “al netto” dei tempi e dei costi di una duplice spedizione.

D'altro canto, anche il venditore/lavorante ha tutto l'interesse che la correttezza del proprio adempimento sia riscontrata quando i beni ancora si trovano presso i propri stabilimenti. Ciò consente non solo un risparmio di tempi e costi di trasporto, imballaggio e disimballaggio; ma permette anche al venditore/lavorante di conservare il possesso dei beni che siano oggetto di eventuali contestazioni infondate, in vista di un intervento dell'autorità giudiziaria.

In definitiva, è interesse pure del venditore che la verifica avvenga quanto prima, tanto è vero che la Convenzione delle Nazioni Unite 11.04.80 sulla vendita internazionale di beni mobili stabilisce che “il compratore deve esaminare i beni o farli esaminare nel più breve tempo possibile e avuto riguardo alle circostanze”, fra le quali v'è ovviamente il trasporto.

Cosicché, la disponibilità delle Parti ad una verifica anticipata costituisce e testimonia reciprocamente l'esistenza di uno spirito di collaborazione in virtù del quale esse intendono prevenire l'insorgere di eventuali contenziosi e comunque limitare i rispettivi danni.

L'oggetto della verifica anticipata

E' ovviamente costituito dalla conformità dei beni acquistati o lavorati alle specifiche convenute dalle Parti, le quali sono ovviamente libere di stabilire il livello di precisione della verifica da effettuare o addirittura i singoli esami da effettuare sul prodotto.

In difetto di un simile e puntuale accordo, occorre tenere presente che sono normalmente considerati vizi “apparenti” tutti quei vizi che siano rilevabili ad un diligente esame rapido e sommario. Per questo tipo di vizi, gli eventuali termini di contestazione decorrono dal momento della verifica anticipata cui abbia preso parte anche il compratore.

Invece per i vizi “occulti” (e cioè non rilevabili in base al predetto esame sommario), i termini di decadenza decorrono dal momento della scoperta.

L'effettuazione della verifica anticipata fa decorrere i termini per la denuncia dei vizi apparenti sin dal momento della verifica stessa; è quindi assolutamente importante verificare per tempo:

  • quale sia la legge applicabile
  • in base ad essa, quali siano i termini decadenziali di denuncia
  • quali siano le caratteristiche che consentono di ritenere un vizio “apparente” oppure “occulto”.

Sarà in ogni caso opportuno prevedere espressamente nel contratto che la verifica non pregiudica i diritti spettanti al compratore/committente per i vizi che vengano scoperti dopo la consegna.

La verifica anticipata effettuata dal solo venditore/appaltatore

Accade frequentemente, soprattutto nel caso della distribuzione su larga scala, che le Parti stabiliscano analiticamente una serie di controlli (eventualmente anche a campione) che il produttore dovrà porre in essere individualmente e prima della consegna e, sovente, rilasciare apposite certificazioni (in materia ad esempio di sicurezza dei prodotti, o in tema di correttezza del montaggio o di integrità strutturale o esterna).

In questi casi il produttore/appaltatore è normalmente dotato di un proprio protocollo di controllo e/o di un sistema di qualità interna proprio allo scopo di limitare le proprie responsabilità contrattuali (nei confronti del compratore) e extracontrattuali (nei confronti dei terzi utenti finali).

Va infatti rammentato che ambo le Parti hanno interesse a tutelarsi nei confronti della cosiddetta responsabilità solidale da “prodotto difettoso”, oramai prevista in un numero crescente di ordinamenti giuridici, ovvero dal rischio di dovere risarcire il terzo utilizzatore per il danno che il prodotto difettoso gli abbia arrecato.

È peraltro evidente che la verifica unilaterale di cui stiamo parlando non può pregiudicare in alcun modo il diritto del compratore/committente alle garanzie per i vizi dei beni, bensì risponde all'interesse di ambo le Parti a che il processo produttivo o di lavorazione avvenga in condizioni di massimo controllo, limitando così in modo indiretto la possibilità dell'insorgere di vizi nei prodotti contrattuali.

La verifica anticipata congiunta

Nel caso dell'appalto, l'ordinamento italiano prevede automaticamente che il committente abbia il diritto di effettuare verifiche in corso d'opera (artt. 1662 e 1666 c.c.) o prima della consegna (art. 1665 c.c.).
Occorre quindi verificare se la diversa legge nazionale eventualmente applicabile consenta automaticamente tali facoltà oppure se sia necessario od opportuno stabilirle e disciplinarle analiticamente con una apposita clausola contrattuale.

Eguali facoltà di verifica anticipata di prodotti oggetto di compravendita non sono normalmente previste dalle diverse leggi nazionali. In questi casi è dunque assai opportuno disciplinare analiticamente:

  • i tempi
  • le modalità
  • il carico dei costi
  • le conseguenze della verifica congiunta anticipata.

Può ad esempio essere previsto che, ad una certa data anteriore alla consegna e comunque prima della spedizione, il venditore e il compratore, anche a mezzo di propri tecnici, effettuino in contraddittorio e presso la fabbrica del venditore un controllo sommario dei beni, verificandone le quantità e l'aspetto esteriore, ma può essere anche previsto che si proceda a una verifica a campione dei prodotti o addirittura a prove di funzionamento. In ogni caso, va prevista la redazione di un apposito verbale sottoscritto da ambo le Parti e dal personale che ha partecipato alla verifica.

È certamente opportuno disciplinare preventivamente chi dovrà organizzare le verifiche e sopportarne il costo (normalmente, il venditore, che s'incarica di procurare a sue spese la strumentazione eventualmente necessaria, il personale per utilizzarla, etc.).

E' poi altamente suggeribile prevedere espressamente che la presenza del compratore o di chi per esso in sede di verifica non pregiudica le responsabilità del fornitore per vizi rilevati ad un esame più approfondito compiuto da personale del compratore a seguito della consegna.

Infine, può essere opportuno stabilire già in sede contrattuale cosa accada nel caso in cui vengano riscontrati vizi o difformità nei beni oggetto di fornitura: ad esempio, prevedendo che debbano seguire ulteriori e più analitici controlli per stabilire quanti siano i beni difettosi rispetto alla complessiva fornitura; o prevedendo sostituzioni, riparazioni o riduzioni del prezzo.

Conclusioni

La verifica individuale o congiunta della merce o dei beni oggetto di vendita o di appalto è uno strumento contrattuale che consente alle Parti di anticipare il momento in cui esse hanno consapevolezza dell'esistenza di vizi o difformità; ciò consentirà loro – e tanto più se il contratto avvenga a grande distanza e tra soggetti di ordinamenti diversi – di affrontare le conseguenze dei vizi e delle difformità con notevole risparmio di tempi e di costi.

Avv. Giuliano Zamboni

 

Altre tematiche
Come superare le criticità della resa EXW
Come superare le criticità della resa EXW Nell’articolo un approfondimento sui termini di resa, con particolare riferimento alla resa Franco Fabbrica e alle modalità di ridurre i rischi della mancata prova dell’esportazione.
Il franchising internazionale come opportunità di sviluppo all’estero
Il franchising internazionale come opportunità di sviluppo all’estero Il franchising è una formula distributiva che permette di integrare la filiera e di rendere più efficiente il processo di distribuzione ...
La nuova Direttiva relativa ai Servizi di Pagamento - PSD2
La nuova Direttiva relativa ai Servizi di Pagamento - PSD2 Il 13.01.2018 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (Serie Generale - Numero 10) il Decreto Legislativo n.
l design industriale: tra brevetto e copyright
Il design industriale: tra brevetto e copyright Il Design Industriale costituisce uno dei principali motori dell’innovazione, rappresentando per l’Italia e il made in Italy un settore di eccellenza e in costante sviluppo.
Bando Marchi +3: rimborso spese per PMI italiane titolari di marchi europei e/o internazionali
Bando Marchi +3: rimborso spese per PMI italiane titolari di marchi europei e/o internazionali Pubblicato il Bando Marchi 3+ destinato alle Pmi italiane titolari di marchi europei e/o internazionali depositati dal 1 giugno 2016.
Normativa europea in materia di privacy: l'adeguamento dell'Italia
Normativa europea sulla privacy: l'adeguamento dell'Italia Mancano pochi mesi alla efficacia Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016, che riforma la disciplina del trattamento dei dati personali (di seguito, RGPD).
UNCITRAL (ONU) approva le ICC Uniform Rules for Forfaiting
UNCITRAL (ONU) approva le ICC Uniform Rules for Forfaiting Le norme uniformi ICC per il Forfaiting (URF 800) - sono state ufficialmente approvate dalla Commissione delle Nazioni Unite sul diritto commerciale internazionale (UNCITRAL) nella sua 50a sessione plenaria tenutasi a Vienna il 14 luglio 2017.
Normativa SOLAS 74 dopo il periodo transitorio
Normativa SOLAS 74 dopo il periodo transitorio Il 30 giugno 2017 è scaduto il periodo transitorio della normativa in tema di spedizioni via mare.
Proprietà intellettuale: liquidazione forfettaria e danni punitivi
Proprietà intellettuale: liquidazione forfettaria e danni punitivi La Corte di Giustizia ha ritenuto che gli Stati membri possano prevedere, in caso di violazione di un diritto di proprietà intellettuale, ...