L’Arabia Saudita diversifica con il solare e l’eolico

L’Arabia Saudita punta a raddoppiare la sua attuale capacità elettrica grazie al contributo di 54 GW generati da nuovi progetti nelle energie rinnovabili (41 GW dal sole, 9 GW dal vento e dal geotermico) entro il 2032.

L’Arabia Saudita diversifica con il solare e l’eolico

La crescita economica, l’aumento della popolazione e dei fenomeni di urbanizzazione stanno determinando un incremento dei consumi energetici del 6% all’anno (la domanda di elettricità nel 2032 sarà tre volte superiore al livello attuale). Ipotizzando una crescita della domanda di energia dell’8% all’anno, il Paese diventerebbe nel 2030 un importatore netto di energia (malgrado le ingenti risorse di petrolio e gas).

Il governo saudita ha quindi definito una strategia di lungo periodo per diversificare il mix energetico nazionale con il duplice obiettivo di:

  • continuare a esportare il gas e il petrolio
  • favorire la diffusione dell’energia green all’interno del paese.

I protagonisti della diversificazione saranno l’energia solare e quella eolica. I combustibili fossili contribuiranno, a regime, “solo” al 50% del fabbisogno nazionale.

Il ”Proposed Competitive Procurement Process for the Renewable Energy Programme” prevede di arrivare a produrre 23,900 MW da fonti energetiche rinnovabili, entro il 2020. Nel corso del 2014 saranno avviate gare d’appalto internazionali  nel solare termico, solare fotovoltaico, eolico e geotermico.

I 6 Paesi GCC (Gulf Cooperation Council) investiranno 155 miliardi di dollari per la costruzione di impianti per lo sfruttamento delle fonti alternative, in particolare l’energia solare. Gli esperti stimano che, nei prossimi tre anni, l’energia prodotta nell’area sfruttando il sole  raggiungerà gli 84 GW.

The Daily Telegraph (26 October 2013)

Analisi di mercato
Che export tira? Scopri i dati di marzo
Che export tira? Scopri i dati di marzo Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a marzo 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Meccanica strumentale e andamento dell'import in Unione Europea
Meccanica strumentale e andamento dell'import in Unione Europea Nel 1° trimestre 2018 l'import UE di Macchine e impianti per l'industria ha confermato la fase favorevole in atto da 7 trimestri consecutivi, toccando un nuovo record storico nei valori medi annui.
Russia: gas, petrolio ed energia nucleare contano più delle sanzioni?
Russia: gas, petrolio ed energia nucleare contano più delle sanzioni? Nell'articolo di SACE SIMEST un approfondimento sull'economia russa, con particolare riguardo al ruolo del settore Petrolio, gas e nucleare e delle relazioni con l'occidente.
Sistema Moda Persona: +20% in dollari nel I trimestre 2018
Cresce l'export del sistema moda persona Italia negli USA In base alle pre-stime formulate da StudiaBo, utilizzando le dichiarazioni di commercio estero delle imprese americane, raccolte dall' U.S.
Che export tira?
Che export tira? Scopri i dati di febbraio Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a febbraio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
La Tunisia entra nella zona di libero scambio con l’UE
La Tunisia entra nella zona di libero scambio con l’UE Il 1° gennaio 2008 la Tunisia è entrata nella zona di libero scambio dei prodotti industriali con l’UE.
I(n)soliti sospetti: il rischio di violenza politica dove non ti aspetti
I(n)soliti sospetti: il rischio di violenza politica dove non ti aspetti L’instabilità politica è un fattore quasi “scontato” in alcuni mercati esteri, ma ci sono nuove, insospettabili geografie in cui tale rischio è in aumento.
Meccanica Strumentale: nel 2017 massimo storico delle importazioni tedesche
Meccanica Strumentale: nel 2017 vola l'import tedesco Il commercio mondiale di Macchine e impianti per i processi industriali ha registrato a consuntivo 2017 un nuovo punto di massimo nei valori in euro (260 miliardi di euro), con una crescita del 6.
Che export tira?
Che export tira? Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano nei primi mesi del 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.