Chinese Luxury Consumer Survey 2014

La Chinese Luxury Consumer Survey 2014 analizza le  preferenze dei ricchi cinesi che hanno acquistato, nel 2013, il 47% dei beni di lusso venduti in tutto il mondo.

Chinese Luxury Consumer Survey 2014

Una recente ricerca del Fortune Character Institute di Shanghai,  evidenzia che nel 2013 i cinesi hanno speso 102 miliardi di dollari in beni di lusso (su un totale mondiale di 217 miliardi).

I cinesi amano comprare vestiti, scarpe, borse, gioielli e orologi durante i loro sempre più frequenti viaggi all'estero, in particolare a New York, Parigi, Tokyo, Milano e Roma.

Secondo Global Blue, i cinesi valgono da soli il 21% del mercato italiano del Tax Free Shopping e hanno registrato una crescita del 20% nel 2013. Milano è in cima alle preferenze dei globe shopper cinesi, Roma conquista il 17% degli acquisti tax free e vede una crescita del 14% nell’ultimo anno.

L’Hurun Research Institute ha pubblicato un'analisi sui brand più apprezzati in Cina e i risultati di un’indagine sulle abitudini dei consumatori del lusso cinese.

  • Tra i marchi preferiti dagli uomini cinesi, per la prima volta Louis Vuitton perde il primo posto in classifica, superato da  Hermès e da Apple. Seguono Chanel, Gucci, Cartier, Prada, Montblanc, Giorgio Armani, Burberry, Bottega Veneta, Longines, Zegna, Maotai (unico brand cinese nei primi posti) e Bulgari.
  • Chanel continua ad essere il marchio preferito dalle donne cinesi. Seguono Louis Vuitton, Apple, Hermès, Gucci, Dior, Cartier, Prada, Giorgio Armani, Bulgari, Bottega Veneta, Fendi, Tiffany e Salvatore Ferragamo.

Tra i regali di lusso (sotto i 20.000 RMB) gli uomini preferiscono il vino rosso, gli orologi (che amano collezionare), i prodotti elettronici. Le donne invece gradiscono ricevere gioielli, prodotti per la cura del corpo, travel voucher.

Chinese Luxury Consumer Survey 2014

L’indagine è stata condotta da Hurun Research tra Maggio e novembre 2013. Sono stati intervistati  393 milionari cinesi (con ricchezza personale superiore a 1,2 milioni di euro). Tra questi, compaiono 41 ‘super-ricchi’ con patrimonio superiore ai 12 milioni di euro.

L’età media degli intervistati è 38 anni. Provengono da 23 differenti province, con Shanghai, Beijing e Guangzhou che rappresentano il 60%.

Rispetto a 5 anni fa cresce l’interesse per la salute: i non fumatori sono oggi il 61% (erano il 40% cinque anni fa) e il 40% non beve (erano il 20% cinque anni fa). Il nuoto e il golf gli sport più praticati dagli uomini, lo Yoga dalle donne.

Viaggiare è l’attività ricreativa preferita. Le destinazioni più richieste sono:

  • Australia, Francia, Svizzera e Maldive all’estero
  • Sanya, Hong Kong, Tibet e Macau le destinazioni domestiche.

Quasi il 60% dei ricchi cinesi è interessato all’acquisto di una casa per le vacanze (+% rispetto allo scorso anno).

I milionari cinesi preferiscono mandare i propri figli a studiare all’estero (nel Regno Unito all’Università, negli USA per la specializzazione post laurea).

Internet è la principale fonte di informazione, prima della stampa tradizionale e della TV.

KPMG per l'Asia-Pacifico ha condotto un sondaggio sulle vendite online del luxury in Cina presso 10.200 consumatori che hanno speso almeno 1.400 yuan (166 euro) nell'acquisto di un prodotto che considerano di "alto lusso". La maggior parte degli acquisti viene fatta attraverso siti locali di commercio online, come Tmall e Taobao. Gli analisti KPMG consigliano ai grandi marchi occidentali di costruire al più presto "piattaforme" per la vendita diretta su Internet.

Fonte: Hurun Research Institute

Enrico Forzato

Tag
Analisi di mercato
Polonia: come le sanzioni Ue potrebbero (non) colpire l’economia del Paese
Polonia: sanzioni Ue e l’economia del Paese La riforma del sistema giudiziario varata nel luglio dello scorso anno dal governo polacco, che limita il potere della Magistratura, messa sotto accusa dall’Unione Europea, ha fatto sì che la Commissione Europea aprisse a inizio luglio 2018 una procedura di infrazione contro il Paese.
Che export tira? Scopri i dati di maggio
Che export tira? Scopri i dati di maggio Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy Le esportazioni italiane di agroalimentare continuano ad evidenziare dinamiche favorevoli.
Importazioni tedesche premium-price a quota 324.1 miliardi di euro
Crescono le importazioni tedesche premium-price L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per ...
India: procedura fiscale per aziende non residenti
India: procedura fiscale per aziende non residenti L’India, anno dopo anno, diventa sempre più importante nell’economia globale e, grazie all’avvio di una serie di riforme ...
Che export tira? Scopri i dati di aprile
Che export tira? Scopri i dati di aprile Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Rwanda: sviluppo e opportunità di business
Rwanda: sviluppo e opportunità di business Il Rwanda, paese dell’Africa subsahariana, sta ormai avendo un enorme sviluppo economico, ampliando il proprio business a livello internazionale e attraendo numerosi buyer esteri nel suo mercato interno.
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi?
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi? Dieci miliardi di euro è il totale raggiunto dall’export italiano in Turchia nel 2017.
L'export agroalimentare italiano verso l'obiettivo di 50 mld nel 2020
Come cresce l'export agroalimentare italiano Nel 2017 l'export agroalimentare italiano si è confermato particolarmente dinamico, con un incremento del +7,8% nei valori in euro rispetto al 2016, raggiungendo a fine anno - secondo le prestime StudiaBo basate sui dati Eurostat - un valore prossimo ai 38 miliardi di euro.
Kenya: Edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia
Kenya: edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia Il Kenya è un paese con una superficie di 569,259 Km2 ed una popolazione di circa 48,5 milioni di persone.