Emirati Arabi Uniti: dal 1° gennaio 2018 introduzione VAT

A partire dal 1° gennaio 2018 gli Emirati Arabi Uniti introdurranno l’imposta sul valore aggiunto (Value Added Tax o VAT) ad un tasso del 5% sul valore della merce. Il Ministro Al Tayer ha specificato che 100 beni di prima necessità (nel settore alimentare, della salute, dei trasporti e dei servizi sociali) saranno esentati dalla VAT.

Emirati Arabi Uniti: dal 1° gennaio 2018 introduzione VAT

Al momento non è in programma l’introduzione di ulteriori imposizioni fiscali, secondo quanto confermato dal Ministro per gli Affari Finanziari Obaid Humaid Al Tayer nel corso di una conferenza stampa tenutasi alcune settimane fa a Dubai insieme a Christine Lagarde, responsabile del Fondo Monetario Internazionale.

Il Ministro Al Tayer ha specificato che 100 beni di prima necessità (nel settore alimentare, della salute, dei trasporti e dei servizi sociali) saranno esentati dalla VAT.

Tutti gli stati membri del Gulf Council Cooperation (composto da Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Qatar, Bahrein, Kuwait e Oman) hanno concordato di introdurre la VAT al tasso sopra indicato entro il 2018.

I membri del GCC stanno quindi lavorando ad uno schema di applicazione comune della nuova imposta che dovrebbe essere pronto e reso pubblico entro la metà di quest’anno. L’imposta verrà poi implementata nei singoli paesi tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre del 2018.

La VAT è stata introdotta anche per sopperire al calo delle entrate statali dovute:

  • all’abbassamento del costo del petrolio 
  • ed all’innalzamento dei servizi forniti alla collettività

Peraltro, secondo molti analisti, il fatto che la percentuale della VAT sia comunque estremamente contenuta ed il fatto che molti beni di prima necessità ne saranno esclusi dovrebbero evitare ripercussioni negative sull’economia locale.

Per contro, il Ministro ha osservato che già dal primo anno circa 12 miliardi di Dirham dovrebbero essere generati dalla nuova imposta.

Avv. Stefano Meani

Analisi di mercato
Polonia: come le sanzioni Ue potrebbero (non) colpire l’economia del Paese
Polonia: sanzioni Ue e l’economia del Paese La riforma del sistema giudiziario varata nel luglio dello scorso anno dal governo polacco, che limita il potere della Magistratura, messa sotto accusa dall’Unione Europea, ha fatto sì che la Commissione Europea aprisse a inizio luglio 2018 una procedura di infrazione contro il Paese.
Che export tira? Scopri i dati di maggio
Che export tira? Scopri i dati di maggio Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy Le esportazioni italiane di agroalimentare continuano ad evidenziare dinamiche favorevoli.
Importazioni tedesche premium-price a quota 324.1 miliardi di euro
Crescono le importazioni tedesche premium-price L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per ...
India: procedura fiscale per aziende non residenti
India: procedura fiscale per aziende non residenti L’India, anno dopo anno, diventa sempre più importante nell’economia globale e, grazie all’avvio di una serie di riforme ...
Che export tira? Scopri i dati di aprile
Che export tira? Scopri i dati di aprile Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Rwanda: sviluppo e opportunità di business
Rwanda: sviluppo e opportunità di business Il Rwanda, paese dell’Africa subsahariana, sta ormai avendo un enorme sviluppo economico, ampliando il proprio business a livello internazionale e attraendo numerosi buyer esteri nel suo mercato interno.
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi?
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi? Dieci miliardi di euro è il totale raggiunto dall’export italiano in Turchia nel 2017.
L'export agroalimentare italiano verso l'obiettivo di 50 mld nel 2020
Come cresce l'export agroalimentare italiano Nel 2017 l'export agroalimentare italiano si è confermato particolarmente dinamico, con un incremento del +7,8% nei valori in euro rispetto al 2016, raggiungendo a fine anno - secondo le prestime StudiaBo basate sui dati Eurostat - un valore prossimo ai 38 miliardi di euro.
Kenya: Edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia
Kenya: edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia Il Kenya è un paese con una superficie di 569,259 Km2 ed una popolazione di circa 48,5 milioni di persone.