L’export di calzature italiane continua a correre

Assocalzaturifici ha pubblicato i dati 2012: si riaffacciano le nubi, dopo che il 2010 aveva evidenziato una inversione di tendenza confermata nel 2011.

 

L’export di calzature italiane continua a correre

Rispetto alla crisi del 2008-2009, la situazione attuale vede un mercato sempre più duale: in crescita, seppure con differenze sostanziali tra Paesi, le esportazioni, e in contrazione i consumi interni.

Grazie al traino delle esportazioni dirette ai mercati non comunitari – cresciute ulteriormente sia in valore (+12,9%) che in volume (+4,1%) – il 2012 ha chiuso con un incremento nel fatturato estero complessivo del 2,5%.

La crescita delle esportazioni:

  • non è stata sufficiente a mantenere positivo il trend della produzione, ma ha contenuto la sua flessione all’1,2% in valore e al 4,4% in volume
  • ha sostenuto il saldo commerciale che ha superato i 3,8 miliardi di euro (un balzo del 12,4% in un anno commercialmente difficile).

La crescita del saldo commerciale è legata anche alla contemporanea contrazione delle importazioni che si sono ridotte del 5,8% in valore e del 15,8% in volume, ma ciò è strettamente connesso in realtà con la contrazione dei consumi, che nei dodici mesi del 2012 si è attestata al 4,2% in valore e al 3,6% in volume.

Anche nei mesi iniziali del 2013 hanno trovato conferma le dinamiche che avevano caratterizzato la congiuntura dell’anno precedente: una marcata contrazione dei consumi interni con una conseguente flessione delle importazioni, accompagnata da una crescita delle esportazioni trainata dai mercati extra-comunitari.

I dati Istat relativi ai primi 2 mesi dell’anno indicano che globalmente le esportazioni sono cresciute del 5,3% in valore e del 3,7% in volume. Il prezzo medio, seppure ancora in aumento (+1,6%), presenta ritmi di crescita decisamente più modesti rispetto al 2012. Si è stabilito così un nuovo record: 1,5 miliardi di euro nei primi due mesi dell’anno. Ma questi risultati sono la media di due andamenti differenti perché le esportazioni extra-europee (+13,8% in valore) fanno registrare un incremento superiore a quello dei paesi UE che si collocano quasi sugli stessi livelli 2012 (-0,5% valore e +0,6% volume).

La Francia si conferma il primo mercato, (+7,7% in valore e +3,4% in volume) mentre prosegue l’arretramento per la Germania (-2,7% e -6,8%). Molto bene invece Russia (+27% valore) e Cina (+43%).

Sei calzature su dieci, dirette oltre confine, sono scarpe con tomaio in pelle (+5,9% in valore e +1,9% in volume), e queste rappresentano una quota dell’83% sul fatturato estero.

Fonte: Assocalzaturifici

Analisi di mercato
Polonia: come le sanzioni Ue potrebbero (non) colpire l’economia del Paese
Polonia: sanzioni Ue e l’economia del Paese La riforma del sistema giudiziario varata nel luglio dello scorso anno dal governo polacco, che limita il potere della Magistratura, messa sotto accusa dall’Unione Europea, ha fatto sì che la Commissione Europea aprisse a inizio luglio 2018 una procedura di infrazione contro il Paese.
Che export tira? Scopri i dati di maggio
Che export tira? Scopri i dati di maggio Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy Le esportazioni italiane di agroalimentare continuano ad evidenziare dinamiche favorevoli.
Importazioni tedesche premium-price a quota 324.1 miliardi di euro
Crescono le importazioni tedesche premium-price L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per ...
India: procedura fiscale per aziende non residenti
India: procedura fiscale per aziende non residenti L’India, anno dopo anno, diventa sempre più importante nell’economia globale e, grazie all’avvio di una serie di riforme ...
Che export tira? Scopri i dati di aprile
Che export tira? Scopri i dati di aprile Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Rwanda: sviluppo e opportunità di business
Rwanda: sviluppo e opportunità di business Il Rwanda, paese dell’Africa subsahariana, sta ormai avendo un enorme sviluppo economico, ampliando il proprio business a livello internazionale e attraendo numerosi buyer esteri nel suo mercato interno.
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi?
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi? Dieci miliardi di euro è il totale raggiunto dall’export italiano in Turchia nel 2017.
L'export agroalimentare italiano verso l'obiettivo di 50 mld nel 2020
Come cresce l'export agroalimentare italiano Nel 2017 l'export agroalimentare italiano si è confermato particolarmente dinamico, con un incremento del +7,8% nei valori in euro rispetto al 2016, raggiungendo a fine anno - secondo le prestime StudiaBo basate sui dati Eurostat - un valore prossimo ai 38 miliardi di euro.
Kenya: Edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia
Kenya: edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia Il Kenya è un paese con una superficie di 569,259 Km2 ed una popolazione di circa 48,5 milioni di persone.