Fare affari a Dubai attraverso una società costituita in Free Zone

In base ad una recente legge, le società costituite in Free Zone possono oggi operare anche sul territorio mainland di Dubai attraverso una loro filiale, anche se è necessario verificare se l’attività svolta sia ammessa dal Ministero dell’Economia di Dubai.

Fare affari a Dubai attraverso una società costituita in Free Zone

A Dubai, tutte le attività economiche svolte di fuori delle aree di zona franca (Free Zone) sono regolate dal dipartimento dello sviluppo economico DED. Il DED è l'organo governativo responsabile del rilascio delle licenze necessarie per svolgere attività economiche sul territorio di Dubai; territorio che viene definito “mainland” per contrapporlo a quello delle Free Zone.

Nel tentativo di facilitare il business a Dubai, il DED ha aggiornato i propri regolamenti interni al fine di poter operare come l’unico centro deputato al rilascio delle licenze economiche (c.d. one stop shop).

Il DED può ora fornire i propri servizi in modo rapido ed efficiente, senza essere eccessivamente burocratico, tanto da porsi in competizione con la maggior parte delle Free Zone, famose per offrire all’investitore straniero un ambiente accogliente e ben organizzato per lo svolgimento del business.

Legge n. 13 del 2011

Nel 2011 è stata inoltre emanata la legge n. 13 volta a favorire le società costituite nelle Free Zone che intendono fare affari nel territorio mainland di Dubai, poiché ha permesso loro di aprire una filiale per operare in loco.

Va subito precisato che tale legge non ha però consentito alle filiali di società Free Zone di svolgere liberamente attività economiche sul territorio mainland, poiché è pur sempre necessario ottenere una previa licenza da parte del DED.

La legge n. 13 del 2011 ha infatti ribadito che nessuno è autorizzato a svolgere attività economica a Dubai (mainland) se non attraverso un soggetto giuridico che abbia ricevuto un’apposita licenza dal DED. Chiunque violi le disposizioni di questa legge può essere multato fino a 100.000 AED (circa Euro 21.000).

Va ricordato che le società Free Zone possono operare sul territorio mainland utilizzando una delle seguenti strutture giuridiche:

  1. la Civil Work Company (simile alla nostra società tra professionisti)
  2. la Limited Liability Company (simile alla società a responsabilità limitata)
  3. la Branch (simile alla nostra filiale).

La Civil Work Company può esercitare solo attività di natura professionale e può essere posseduta al 100% da soggetti (persone fisiche o giuridiche) di nazionalità non emiratina, e quindi anche da una società Free Zone, a condizione che le attività di quest’ultima coincidano con le attività della Civil Work Company (si pensi ad una società Free Zone di architetti che decide di costituire una Civil Work Ccompany per redigere progetti di architettura sul territorio mainland di Dubai). La Civil Work Company, pur non richiedendo un socio emiratino, necessita però di un service agent di nazionalità emiratina.

Le società Free Zone possono poi essere socie di una Limited Liability Company, però solo con una quota massima del 49% poiché il restante 51% deve essere posseduto da un soggetto (persona fisica o giuridica) di nazionalità emiratina.

Grazie all’introduzione della legge n. 13/2011 vi è ora una terza possibilità per operare sul territorio mainland, dando appunto vita ad una branch, ossia la filiale della società Free Zone. Il vantaggio della Branch è che può essere posseduta al 100% dalla società Free Zone e non richiede quindi un socio locale, ma dovrà comunque avere lo stesso nome e svolgere la medesima attività della società Free Zone. Peraltro, anche nel caso della Branch sarà necessario nominare un service agent locale.

Ricordiamo che il service agent non svolge alcun ruolo gestionale né è socio della società, ma ha solo il compito di tenere i rapporti burocratici con le autorità locali e di norma riceve a titolo di compenso un importo fisso annuale.

Registrazione di una Branch a Dubai

Ai fini della registrazione della Branch a Dubai è necessario anche l’intervento del Ministero dell’Economia.

Sebbene la legge n. 13/2011 nulla dica circa le attività che possono essere svolte dalla Branch della società Free Zone, in pratica vi sono alcune limitazioni. Difatti, il Ministero dell’Economia prevede alcune restrizioni sulle attività che possono essere svolte a Dubai da filiali di società straniereAd esempio, il Ministero dell'Economia non permette ad una filiale di una società Free Zone di svolgere attività di trading, di agente commerciale, di fornitura di manodopera o di ristorazione.

In linea generale, mentre i requisiti richiesti dal DED per rilasciare la licenza ad una filiale di società Free Zone non appaiono particolarmente complessi, i requisiti richiesti dal Ministero dell’Economia al fine di registrare la filiale di una società Free Zone sono i seguenti:

  1. Certificato di approvazione iniziale e nome commerciale come emessi dal DED
  2. Copia dei documenti societari della società Free Zone, incluso la delibera assembleare che autorizza l’apertura della Branch e la procura a favore del direttore generale della filiale
  3. Copia del passaporto del direttore generale e del service agent locale o copia della licenza commerciale nel caso in cui il service agent sia una società
  4. Contratto con il service agent locale debitamente autenticato presso il notaio
  5. Pagamento di 15.000 AED a titolo di tasse del Ministero dell'Economia
  6. Garanzia bancaria di 50.000 AED a favore del Ministero dell'Economia.

In definitiva, la legge n. 13/2011, consentendo la creazione di filiali, ha reso molto più semplice alle società Free Zone l’operare sul territorio mainland di Dubai, ma occorre sapere che continuano ad esserci restrizioni sulle attività che possono essere effettivamente svolte da tali filiali, per cui è consigliabile effettuare sempre delle verifiche preventive presso tutti gli organi competenti prima di procedere alla costituzione della Branch.

 
Analisi di mercato
Polonia: come le sanzioni Ue potrebbero (non) colpire l’economia del Paese
Polonia: sanzioni Ue e l’economia del Paese La riforma del sistema giudiziario varata nel luglio dello scorso anno dal governo polacco, che limita il potere della Magistratura, messa sotto accusa dall’Unione Europea, ha fatto sì che la Commissione Europea aprisse a inizio luglio 2018 una procedura di infrazione contro il Paese.
Che export tira? Scopri i dati di maggio
Che export tira? Scopri i dati di maggio Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy Le esportazioni italiane di agroalimentare continuano ad evidenziare dinamiche favorevoli.
Importazioni tedesche premium-price a quota 324.1 miliardi di euro
Crescono le importazioni tedesche premium-price L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per ...
India: procedura fiscale per aziende non residenti
India: procedura fiscale per aziende non residenti L’India, anno dopo anno, diventa sempre più importante nell’economia globale e, grazie all’avvio di una serie di riforme ...
Che export tira? Scopri i dati di aprile
Che export tira? Scopri i dati di aprile Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Rwanda: sviluppo e opportunità di business
Rwanda: sviluppo e opportunità di business Il Rwanda, paese dell’Africa subsahariana, sta ormai avendo un enorme sviluppo economico, ampliando il proprio business a livello internazionale e attraendo numerosi buyer esteri nel suo mercato interno.
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi?
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi? Dieci miliardi di euro è il totale raggiunto dall’export italiano in Turchia nel 2017.
L'export agroalimentare italiano verso l'obiettivo di 50 mld nel 2020
Come cresce l'export agroalimentare italiano Nel 2017 l'export agroalimentare italiano si è confermato particolarmente dinamico, con un incremento del +7,8% nei valori in euro rispetto al 2016, raggiungendo a fine anno - secondo le prestime StudiaBo basate sui dati Eurostat - un valore prossimo ai 38 miliardi di euro.
Kenya: Edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia
Kenya: edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia Il Kenya è un paese con una superficie di 569,259 Km2 ed una popolazione di circa 48,5 milioni di persone.