Indagini Altagamma su consumatori globali e sviluppo del retail

Secondo Fondazione Altagamma, i profili dei consumatori globali top di gamma sono sempre più diversificati e nel futuro del retail c'è la crescita dei negozi monomarca.

 

Indagini Altagamma su consumatori globali e sviluppo del retail

Il True Luxury Global Consumer Insight, condotto con Boston Consulting Group su un panel di 40.000 intervistati in oltre 20 Paesi, si focalizza sul consumatore di alta gamma.

Lo studio prende in considerazione un target di circa 380 milioni di consumatori, focalizzandosi su una élite di 32 milioni di consumatori "Core" del lusso, con spesa media annua di 30.000 euro, evidenziandone la multiformità nei comportamenti di acquisto e nelle modalità di ricerca e di condivisione delle tendenze.

Gli analisti si aspettano che i marchi del lusso si integrino a valle maggiormente nei prossimi anni. Tre le ragioni fondamentali:

  • la crescita sarà prevalentemente organica, ed il necessario passaggio da wholesale a retail farà crescere fatturati e risultati
  • la gestione integrata del canale online e fisico diventa essenziale
  • la difesa del marchio diventa questione di vita o di morte.

Il nuovo consumatore globe trotter è attento alla provenienza dei prodotti e ricerca l'esperienza d'acquisto anche al di fuori del proprio paese.

Un consumatore ormai immerso nel mondo digitale, sensibile al passaparola e ai social media. Utilizza internet per ricercare informazioni, comparare prezzi e per stabilire un punto di contatto e scambio con i brand.

Il punto vendita rimane centrale, con caratteristiche diverse in base all’età del target e al paese.

Leve da utilizzare

  • Focus su qualità ed esclusività per garantire la difesa e lo sviluppo del brand a livello globale
  • Advocacy come pilastro di una strategia di comunicazione Omni-media efficace
  • Canale digitale come controparte del canale fisico in un'ottica sempre più integrata
  • "Made In Italy" asset fondamentale su cui costruire per le sviluppo del brand.

Altagamma Retail Evolution

L’Altagamma Retail Evolution, realizzato insieme ad EXANE BNP Paribas, analizza l’evoluzione e le prospettive delle strategie retail delle imprese.

La ricerca è basata su ricerche empiriche e sull’elaborazione dei dati pubblici di un centinaio di aziende quotate e non, per un totale di 12.500 punti vendita.

I brand di alta gamma si sono progressivamente trasformati in retailers. La crescita degli spazi retail ha contribuito per circa il 30% alla crescita dei consumi e dei fatturati dei beni di lusso per la persona dal 2005 al 2013.

Dei 12.500 negozi monomarca del 2013, 9.000 sono nei primi 10 mercati: USA, Cina, Giappone, Sud Corea, Francia, Italia, Taiwan, Regno Unito, Arabia Saudita, Germania.

Nel retail l’imperativo è aumentare la produttività di ogni singolo negozio. La produttività degli spazi retail varia in funzione della categoria di prodotti, della forza del brand e delle dimensioni del negozio. I Mega Brand hanno una posizione di vantaggio, perché possono spendere più dei concorrenti in comunicazione, e questa spesa accresce la produttività degli spazi.

I negozi a livello di strada sono particolarmente importanti in Europa, i Department Store sono importantissimi in Giappone, Sud Corea, Francia e Regno Unito, gli Shopping Mall contano poco in Europa tranne che in Russia e sono rilevanti in USA, Brasile, Medio Oriente, Cina, Hong Kong e Singapore.

Il canale degli alberghi è importante in India ed anche a Singapore e Sud Corea. Nel canale Outlet i monomarca hanno notevole rilevanza negli USA e in Giappone.

Le aziende americane utilizzano più di tutte il canale outlet e sono le più aggressive nella gestione commerciale dei loro brand.

Fonte: Altagamma

 

Analisi di mercato
Polonia: come le sanzioni Ue potrebbero (non) colpire l’economia del Paese
Polonia: sanzioni Ue e l’economia del Paese La riforma del sistema giudiziario varata nel luglio dello scorso anno dal governo polacco, che limita il potere della Magistratura, messa sotto accusa dall’Unione Europea, ha fatto sì che la Commissione Europea aprisse a inizio luglio 2018 una procedura di infrazione contro il Paese.
Che export tira? Scopri i dati di maggio
Che export tira? Scopri i dati di maggio Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy Le esportazioni italiane di agroalimentare continuano ad evidenziare dinamiche favorevoli.
Importazioni tedesche premium-price a quota 324.1 miliardi di euro
Crescono le importazioni tedesche premium-price L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per ...
India: procedura fiscale per aziende non residenti
India: procedura fiscale per aziende non residenti L’India, anno dopo anno, diventa sempre più importante nell’economia globale e, grazie all’avvio di una serie di riforme ...
Che export tira? Scopri i dati di aprile
Che export tira? Scopri i dati di aprile Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Rwanda: sviluppo e opportunità di business
Rwanda: sviluppo e opportunità di business Il Rwanda, paese dell’Africa subsahariana, sta ormai avendo un enorme sviluppo economico, ampliando il proprio business a livello internazionale e attraendo numerosi buyer esteri nel suo mercato interno.
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi?
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi? Dieci miliardi di euro è il totale raggiunto dall’export italiano in Turchia nel 2017.
L'export agroalimentare italiano verso l'obiettivo di 50 mld nel 2020
Come cresce l'export agroalimentare italiano Nel 2017 l'export agroalimentare italiano si è confermato particolarmente dinamico, con un incremento del +7,8% nei valori in euro rispetto al 2016, raggiungendo a fine anno - secondo le prestime StudiaBo basate sui dati Eurostat - un valore prossimo ai 38 miliardi di euro.
Kenya: Edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia
Kenya: edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia Il Kenya è un paese con una superficie di 569,259 Km2 ed una popolazione di circa 48,5 milioni di persone.