Myanmar: nuova legge sulle Zone Economiche Speciali

Il Myanmar è il secondo Paese ASEAN per estensione territoriale, ha 62,4 milioni di abitanti, è una "cerniera" tra India, Cina e Paesi ASEAN e, negli ultimi anni, il suo PIL è cresciuto a tassi superiori al 5%. 

Myanmar: nuova legge sulle Zone Economiche Speciali

Le riforme politiche ed economiche, iniziate nel marzo 2011, hanno innescato un processo di apertura verso il mondo esterno e di generale miglioramento delle condizioni di vita della popolazione. 

Nel 2012 l’UE ha sospeso la maggior parte delle sanzioni nei confronti del paese e, a luglio 2013, ha re-inserito il Myanmar nello schema di preferenze generalizzate UE-GSP, nella categoria più favorita "Everything but Arms", che prevede l'accesso dei beni birmani al mercato comunitario a zero dazi e zero quote, con applicazione retroattiva a partire dal 13 giugno 2012.

Il Presidente della Banca Mondiale, Jim Yong Kim, il 26 gennaio 2014 ha annunciato un impegno ad elargire prestiti per 2 miliardi di dollari al fine di promuovere l’elettrificazione (1 miliardo di dollari), la sanità (200 milioni) e altri progetti prioritari del Governo.

Le ultime stime di crescita ADB per il Myanmar prevedonio + 6,8% nel 2014 e +7-8% fino al 2030; mentre il FMI ha stimato che la crescita dell'ultimo anno fiscale birmano 2012-2013 sia stata del 6,5% e che si possa attestare attorno al 7% annuo nel medio termine.

In campo economico è stato adottato un nuovo sistema di cambio a fluttuazione controllata ancorato al dollaro e la Banca Centrale ha iniziato a gestire la politica monetaria con una certa autonomia.

Sono però necessarie riforme strutturali del settore bancario e finanziario: ricapitalizzazione banche nazionali e apertura alle banche straniere, avvio di servizi finanziari e assicurativi, introduzione di carte di debito e di credito.  

La legge sugli investimenti del 2 novembre 2012 ha definito un quadro regolamentare più certo e offre agli investitori esteri l’esenzione fiscale per i primi 5 anni di attività e la possibilità di affittare terreni per 50 anni.

Cresce la presenza delle multinazionali estere (tra cui Coca-Cola, Ford, General Electric, Mitsubishi, Suzuki) e affluiscono nuovi IDE, in particolare nel settore energetico (i Paesi più attivi sono Cina, Thailandia, Giappone e, in prospettiva, Corea del Sud).

Sono discrete le riserve di petrolio, estratto nelle coste e nella regione centrale (un oleodotto di 400 km unisce i pozzi alle raffinerie nell’area di Yangon). Molto importante è l’estrazione di gas naturale lungo la riva occidentale dell’Irrawaddy e nel Golfo di Martaban. Notevole il potenziale idroelettrico: nuovi impianti sono in costruzione con capitali cinesi.

È stata emanata anche una nuova legge sulle Zone Economiche Speciali (ZES) per attrarre imprese del settore edile, dell’abbigliamento e dell’automotive. La precedente legge del 2011 aveva istituito tre Zone economiche speciali:

  • Dawei nel sud
  • Thilawa vicino a Yangon
  • Kyaukphyu sulla costa occidentale.

Gli investitori – sia nazionali che stranieri – che opereranno nelle ZES godranno di esenzioni fiscali per sette anni (otto per le imprese edili).

Anche la burocrazia sarà più snella: la gestione amministrativa delle ZES sarà sganciata dallo stato centrale ed affidata a comitati locali, più facilmente accessibili da parte delle imprese.

Sebbene l’iniziativa rappresenti un’ulteriore apertura agli investitori esteri, permangono criticità di breve periodo legate al contesto operativo del paese ed alle possibili opposizioni dei residenti nelle aree delle ZES.

Analisi di mercato
Polonia: come le sanzioni Ue potrebbero (non) colpire l’economia del Paese
Polonia: sanzioni Ue e l’economia del Paese La riforma del sistema giudiziario varata nel luglio dello scorso anno dal governo polacco, che limita il potere della Magistratura, messa sotto accusa dall’Unione Europea, ha fatto sì che la Commissione Europea aprisse a inizio luglio 2018 una procedura di infrazione contro il Paese.
Che export tira? Scopri i dati di maggio
Che export tira? Scopri i dati di maggio Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy Le esportazioni italiane di agroalimentare continuano ad evidenziare dinamiche favorevoli.
Importazioni tedesche premium-price a quota 324.1 miliardi di euro
Crescono le importazioni tedesche premium-price L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per ...
India: procedura fiscale per aziende non residenti
India: procedura fiscale per aziende non residenti L’India, anno dopo anno, diventa sempre più importante nell’economia globale e, grazie all’avvio di una serie di riforme ...
Che export tira? Scopri i dati di aprile
Che export tira? Scopri i dati di aprile Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Rwanda: sviluppo e opportunità di business
Rwanda: sviluppo e opportunità di business Il Rwanda, paese dell’Africa subsahariana, sta ormai avendo un enorme sviluppo economico, ampliando il proprio business a livello internazionale e attraendo numerosi buyer esteri nel suo mercato interno.
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi?
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi? Dieci miliardi di euro è il totale raggiunto dall’export italiano in Turchia nel 2017.
L'export agroalimentare italiano verso l'obiettivo di 50 mld nel 2020
Come cresce l'export agroalimentare italiano Nel 2017 l'export agroalimentare italiano si è confermato particolarmente dinamico, con un incremento del +7,8% nei valori in euro rispetto al 2016, raggiungendo a fine anno - secondo le prestime StudiaBo basate sui dati Eurostat - un valore prossimo ai 38 miliardi di euro.
Kenya: Edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia
Kenya: edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia Il Kenya è un paese con una superficie di 569,259 Km2 ed una popolazione di circa 48,5 milioni di persone.