Ostacoli e virtù del modello economico vietnamita

La rivoluzione 4.0, l’attesa digitalizzazione dei processi industriali e le tendenze protezionistiche sono le sfide piu’ attuali cui il Vietnam deve confrontarsi per mantenersi competitivo sul mercato globale contenendo e compensando il rischio concreto di assottigliamento del suo primo vantaggio comparato, legato a un costo del lavoro ancora concorrenziale. 

Ostacoli e virtù del modello economico vietnamita

Altrettanto urgente è, poi, la duplice esigenza di dotarsi di un sistema fiscale riformato e di ridefinire l’organizzazione delle imprese di Stato, in gran parte poco produttive o inefficienti, liberando così risorse preziose per un’economia la cui imprenditoria privata stenta ancora a decollare. 

Pur con i propri tempi e al netto delle esigenze imposte dal prioritario obiettivo di garantire la sopravvivenza del sistema monopartitico e i delicati equilibri che esso impone, la leadership vietnamita lavora con determinazione per accompagnare e agevolare lo sviluppo economico del Paese. 

Politica commerciale

La politica commerciale di Hanoi si regge sul principio dell’integrazione con le economie dell’area e del resto del mondo. In questa ottica si inquadrano non solo la membership dell’OMC e dell’Asean (di cui è entrato a far parte nel 1995 aderendo ai pertinenti accordi di libero scambio con Cina, Corea, Giappone, India, Australia e Nuova Zelanda), ma anche i più recenti accordi commerciali bilaterali con Giappone e Corea e la partnership con l’Unione Euroasiatica. La finalizzazione, a inizi marzo, del Comprehensive and Progressive Agreement for TransPacific Partnership (CPTPP), promosso con il Giappone durante il Vertice APEC di Danang e siglato insieme agli altri 10 Paesi del TPP (in assenza degli USA) e il grado elevato di ambizione dell’Accordo di libero scambio con l’UE offrono la cifra della determinazione e dell’impegno con i quali il Paese, indipendentemente dall’avvicendarsi delle diverse correnti all’interno della sua leadership, persegue l’obiettivo della propria integrazione economico-commerciale. 

A sostegno di un simile impegno, Hanoi sta profondendo uno sforzo importante per migliorare il business environment, alleggerendo il carico burocratico per le imprese e semplificando il quadro di riferimento normativo per gli operatori economici.

I primi segni tangibili di miglioramento cominciano ad arrivare: nel 2017 la Banca Mondiale ha collocato il Vietnam al 68 posto su 190 Paesi nella sua classifica “Ease of doing Bunisess” e si stima che nel solo 2016 siano state create circa 100 mila nuove piccole e medie imprese.

Cecilia Piccioni Ambasciatrice d’Italia in Vietnam

Analisi di mercato
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy Le esportazioni italiane di agroalimentare continuano ad evidenziare dinamiche favorevoli.
Importazioni tedesche premium-price a quota 324.1 miliardi di euro
Crescono le importazioni tedesche premium-price L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per ...
India: procedura fiscale per aziende non residenti
India: procedura fiscale per aziende non residenti L’India, anno dopo anno, diventa sempre più importante nell’economia globale e, grazie all’avvio di una serie di riforme ...
Che export tira? Scopri i dati di aprile
Che export tira? Scopri i dati di aprile Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Rwanda: sviluppo e opportunità di business
Rwanda: sviluppo e opportunità di business Il Rwanda, paese dell’Africa subsahariana, sta ormai avendo un enorme sviluppo economico, ampliando il proprio business a livello internazionale e attraendo numerosi buyer esteri nel suo mercato interno.
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi?
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi? Dieci miliardi di euro è il totale raggiunto dall’export italiano in Turchia nel 2017.
L'export agroalimentare italiano verso l'obiettivo di 50 mld nel 2020
Come cresce l'export agroalimentare italiano Nel 2017 l'export agroalimentare italiano si è confermato particolarmente dinamico, con un incremento del +7,8% nei valori in euro rispetto al 2016, raggiungendo a fine anno - secondo le prestime StudiaBo basate sui dati Eurostat - un valore prossimo ai 38 miliardi di euro.
Kenya: Edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia
Kenya: edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia Il Kenya è un paese con una superficie di 569,259 Km2 ed una popolazione di circa 48,5 milioni di persone.
Le sfide della manifattura americana : pronti per il Made in USA?
Le sfide della manifattura americana: pronti per il Made in USA? I tagli fiscali, le politiche di semplificazione burocratica e le misure protezionistiche annunciate o intraprese dall’amministrazione Trump ...
Che export tira? Scopri i dati di marzo
Che export tira? Scopri i dati di marzo Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a marzo 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.