I principali poli economici del Brasile

Il tessuto industriale brasiliano è composto da circa 6,14 milioni di imprese delle quali 99,6% sono PMI (ossia con fatturato inferiore a € 25 milioni) o con meno di 500 dipendenti (settore industriale) o 100 dipendenti (settore servizi/commerciale) secondo la classificazione del SEBRAE. 

Le PMI rappresentano il 30% PIL, il 40% degli stipendi e il 52% dei dipendenti registrati. La distribuzione geografica delle imprese riflette la storia economica del Brasile: più del 90% delle imprese si concentra nelle regioni Sud e Sud Est (il 54% solo nello Stato di San Paolo), dove sussiste un livello di sviluppo industriale consolidato.

Per una futura installazione, gli Stati con una tradizionale vocazione industriale, come São Paulo e Minas Gerais, offrono una base di qualificazione tecnica più diffusa, mercato sviluppato e anche una presenza sindacale maggiormente consolidata.

Altri Stati, come quelli del Nordest, ma non solo, dove, nel corso degli ultimi anni, sono state promosse politiche di incentivo per accelerare la polarizzazione industriale, possono rappresentare grandi opportunità, ma anche nuove “challenges” per le imprese.

Principali poli economici

São Paulo

  • Regione Metropolitana di São Paulo (ABC)
  • Vale do Paraíba (Embraer, Volkswagen e General Motors)
  • Regione Metropolitana di Campinas o Vale do Silício (IBM, Compaq e HP)
  • Regione di Piracicaba (imprese di biotecnologia).

Rio de Janeiro

  • Parco Industriale del Sud dello Stato, con particolare riferimento alla presenza della “CSN - Companhia Siderúrgica Nacional“, PSA Peugeot Citroën, Volkswagen Caminhões e Ônibus, Coca-Cola, Centrali Nucleari Angra 1, 2 e 3, tra le altre.
  • Bacino di Campos, con piattaforme petrolifere della Petrobras. Imprese presenti: Shell, Esso, Ipiranga e El Paso. Tutte insieme producono oltre i quattro quinti dei combustibili distribuiti nelle stazioni di servizio del Paese.

Minas Gerais

  • “BH-TEC - Parque Tecnológico de Belo Horizonte” (Parco Tecnologico di Belo Horizonte), progetto per aumentare l’offerta di manodopera specializzata del settore.
  • Complesso delle Centrali Idroelettriche (Irapè, Capim Branco I e Capim Branco II).

Bahia

  • Polo Petrolchimico di Camaçari (Ford)
  • Complesso Idroelettrico di Paulo Afonso
  • Parco Tecnologico di Salvador (TecnoVia)
  • Polo turistico Chapada Diamantina
  • Polo di Informatica di Ilhèus.

Santa Catarina

  • Polo Agroindustriale
  • Polo Tessile (Blumenau e Joinville)
  • Polo Elettrometalmeccanico
  • Polo Ceramica
  • Polo Nautico.

Pernambuco

  • Petrolchimico (Raffineria Abreu e Lima)
  • Navale (Cantiere navale Atlântico Sul e Complesso Industriale Portuario di Suape)
  • Automobilistico (FIAT, Shineray e General Motors)
  • Siderurgico (CSN - Companhia Siderúrgica Nacional)
  • Metalmeccanico (Gerdau)
  • Chimico-Farmaceutico (Gruppo Mossi & Ghisolfi)
  • Biotecnologia, tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Espírito Santo

  • Polo Industriale di Colatina (tessili)
  • Settore delle Confezioni (tessili)
  • Polo Industriale di Cachoeiro do Itapemirim (marmi e graniti)

Parà

  • Polo Industriale di Belèm /Anhanindeua e Porto
  • Santarèm
  • Marabà.

Amazonas

  • Polo Industriale di Manaus

Maranhão

  • Distretto industriale di São Luís, creato dal Decreto Statale n. 7.646, diviso in 15 aree (moduli), per un totale di 19.712 ha. Il modulo 1 del distretto occupa un’area di 317,8 ha, ed è distante 18 km dal porto di Itaqui.

Mato Grosso do Sul

  • Polo minerario e siderurgico di Corumbà. Il Mato Grosso possiede la seconda maggior riserva di ferro del Brasile (quasi 6 miliardi di tonnellate) e la seconda maggior riserva di manganese (30 milioni di tonnellate), oltre a marmo (136 milioni di m3), graniti, basalto, arena e argilla.
  • Nel Mato Grosso sono state impiantate foreste di eucaliptus per la produzione di cellulosa (VCP, Votorantim Celulose e Papel).
  • Notecole il potenziale turistico dello Stato che ospita il 65 % del “Pantanal”, maggiore estensione umida continua della terra, patrimonio dell’Umanità e Riserva della Biosfera dell’UNESCO.

Distrito Federal

  • Polo de desenvolvimento industrial Juscelino Kubitschek
  • Setor de Múltiplas Atividades (SMA)
  • Area de Desenvolvimento Econômico (ADE).

Fonte: "Modello di sviluppo industriale del Sistema Italia in Brasile" (agosto 2012)

Analisi di mercato
Polonia: come le sanzioni Ue potrebbero (non) colpire l’economia del Paese
Polonia: sanzioni Ue e l’economia del Paese La riforma del sistema giudiziario varata nel luglio dello scorso anno dal governo polacco, che limita il potere della Magistratura, messa sotto accusa dall’Unione Europea, ha fatto sì che la Commissione Europea aprisse a inizio luglio 2018 una procedura di infrazione contro il Paese.
Che export tira? Scopri i dati di maggio
Che export tira? Scopri i dati di maggio Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati a maggio 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy
Agroalimentare: casi di eccellenza del made in Italy Le esportazioni italiane di agroalimentare continuano ad evidenziare dinamiche favorevoli.
Importazioni tedesche premium-price a quota 324.1 miliardi di euro
Crescono le importazioni tedesche premium-price L’analisi delle importazioni del mercato tedesco per fasce di prezzo disponibili nel Sistema Informativo Ulisse, rielaborate da StudiaBo per ...
India: procedura fiscale per aziende non residenti
India: procedura fiscale per aziende non residenti L’India, anno dopo anno, diventa sempre più importante nell’economia globale e, grazie all’avvio di una serie di riforme ...
Che export tira? Scopri i dati di aprile
Che export tira? Scopri i dati di aprile Nell'articolo dell'Ufficio Studi SACE- SIMEST i principali dati riguardanti l'andamento dell'export italiano aggiornati ad aprile 2018, con focus sui principali mercati di esportazione e sui settori che hanno trainato maggiormente le vendite.
Rwanda: sviluppo e opportunità di business
Rwanda: sviluppo e opportunità di business Il Rwanda, paese dell’Africa subsahariana, sta ormai avendo un enorme sviluppo economico, ampliando il proprio business a livello internazionale e attraendo numerosi buyer esteri nel suo mercato interno.
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi?
Turchia: 10 miliardi di opportunità o di rischi? Dieci miliardi di euro è il totale raggiunto dall’export italiano in Turchia nel 2017.
L'export agroalimentare italiano verso l'obiettivo di 50 mld nel 2020
Come cresce l'export agroalimentare italiano Nel 2017 l'export agroalimentare italiano si è confermato particolarmente dinamico, con un incremento del +7,8% nei valori in euro rispetto al 2016, raggiungendo a fine anno - secondo le prestime StudiaBo basate sui dati Eurostat - un valore prossimo ai 38 miliardi di euro.
Kenya: Edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia
Kenya: edilizia e immobiliare, due settori chiave dell’economia Il Kenya è un paese con una superficie di 569,259 Km2 ed una popolazione di circa 48,5 milioni di persone.