Brexit e accordi di giurisdizione in favore del giudice dell'Inghilterra e del Galles, della Scozia e del Nord Irlanda

Una volta notificata l'intenzione di recedere dall'Unione Europea alla Commissione, il Regno Unito sta negoziando le modalità del recesso che dovrà intervenire entro due anni. Quali saranno le norme di conflitto applicabili nel Regno Unito agli accordi di giurisdizione in favore dei giudici dell'Inghilterra e del Galles, della Scozia e del Nord Irlanda?

Brexit e accordi di giurisdizione in favore del giudice dell'Inghilterra e del Galles, della Scozia e del Nord Irlanda

Disciplina fino all’uscita dalla UE

Anzitutto nel Regno Unito non esiste nessun giudice dotato di autorità, in materia civile e commerciale, su tutto il territorio del regno. Esistono invece i giudici dell'Inghilterra e del Galles, della Scozia e del Nord Irlanda, conferiti di giurisdizione sui rispettivi territori. Quindi, cosa accade nel raro caso in cui le parti concludano un accordo di proroga della giurisdizione in favore delle corti del Regno Unito o della Gran Bretagna?

La dottrina d'oltremanica dibatte circa il valore da attribuire ad un simile accordo, e, sebbene privo di significato, secondo alcuni, esso dovrebbe esser ritenuto tale da conferire giurisdizione in capo alle corti di tutti i paesi del Regno Unito. Eppure, in una sua nota decisione The Komninos S, la Corte d'appello dell'Inghilterra e del Galles ha interpretato l'accordo con cui si intendeva sottoporre una controversia alle corti della Gran Bretagna, come tale da conferire giurisdizione alle sole corti inglesi.

Non resta quindi che suggerire alle parti di specificare il paese del Regno Unito in cui opera il giudice che intendono investire di giurisdizione.

Ciò premesso, in Gran Bretagna, in materia civile e commerciale, gli accordi di giurisdizione in favore del giudice dell'Inghilterra e del Galles, della Scozia e del Nord Irlanda sono disciplinati, a seconda dei casi:

  • (i) dalla Convenzione dell'Aia del 2005 sugli accordi di giurisdizione esclusiva
  • (ii) dal Regolamento Bruxelles Ibis (Reg. UE 1215/2012)
  • (iii) dal Civil Jurisdiction and Judgments Act del 1982, e successive modifiche, del parlamento del Regno Unito.

La Convenzione dell’Aia

La Convenzione dell'Aia del 2005 si applica alla scelta esclusiva (v. artt. 1, par. 1 e 3 della Convenzione) del foro inglese e gallese, scozzese, o nord irlandese, allorché la controversia prorogata sia caratterizzata da un elemento di estraneità (v. art. 1 della Convenzione), ricada nella materia civile e commerciale (v. artt. 1, par. 1 e 2 della Convenzione) ed una parte sia domiciliata in uno Stato Membro dell'UE e l'altra in Messico. Così, si capisce quanto la Convenzione abbia una portata applicativa limitata, quindi una scarsa rilevanza pratica.

Regolamento Bruxelles Ibis

Di grande applicazione è invece il Regolamento Bruxelles Ibis, il quale si applica negli altri casi, ossia quelli in cui la controversia prorogata al giudice d'oltremanica sia caratterizzata dall'elemento di estraneità, abbia carattere civile e commerciale (v. art. 1, par. 1 del Regolamento) e – nel caso in cui l'accordo abbia natura esclusiva – alcuna delle parti sia residente in Messico. 
Difatti, con le modifiche introdotte, la norma che disciplina gli accordi di giurisdizione all'interno del Regime di Bruxelles si applica a prescindere dal domicilio delle parti contraenti, ma, nel caso in cui l'accordo sia esclusivo ed una delle parti sia domiciliata in Messico, si ritiene che alla norma del regolamento prevalga la Convenzione dell'Aia.

Civil Jurisdiction and Judgments Act

A fronte dell'estensione del campo di applicazione ratione personae portato dal Regolamento Bruxelles Ibis, il diritto interno dei paesi del Regno Unito non trova più spazio nella disciplina degli accordi di giurisdizione in favore delle corti inglesi e gallesi, scozzesi e nord irlandesi, se non nei casi in cui le controversie prorogate siano carenti dell'elemento di estraneità od esulino dalla materia civile e commerciale.

Seppur stravagante per l'internazional privatista italiano, nel caso in cui sorga un conflitto tra le giurisdizioni dei paesi che compongono il Regno Unito, oltremanica si ritiene che tale conflitto dia luogo ad una vera e propria questione di diritto internazionale privato, come se si trattasse di un conflitto tra le giurisdizioni del Regno Unito ed uno Stato terzo.
Infatti, nel caso in cui la controversia prorogata sia carente dell'elemento di estraneità ma ricada nella materia civile e commerciale, si applica la legge di diritto internazionale privato del parlamento del Regno Unito che fa stato in tutti i territori del regno. 

In particolare, quando sorga un caso di conflitto di giurisdizioni interno al Regno Unito si applicherà il Civil Jurisdiction and Judgments Act del 1982 e successive modifiche, norma che disciplina la ripartizione della giurisdizione all'interno del regno, adottando gli stessi criteri del Regime di Bruxelles. Ad esempio, nel caso in cui, in virtù di un accordo di giurisdizione, un soggetto domiciliato in Inghilterra abbia convenuto dinnanzi al giudice nord irlandese la controparte domiciliata in Scozia, l'accordo sarà retto dalla norma che governa la proroga di giurisdizione nel Regime di Bruxelles come trasposta nell'Act (v. Section (16) dell'Act).

Nel caso in cui, infine, la controversia prorogata al giudice del paese del Regno Unito esuli dalla materia civile o commerciale, si applicheranno i principi di diritto internazionale privato espressi dal diritto comune in vigore nel territorio di quel paese. Infatti, va detto che, in ciascun paese del Regno Unito vige un ordinamento legislativo particolare. Per la precisione, benché Inghilterra e Galles formino un'unità a fini giurisdizionali, nel secondo paese vige un sistema di leggi distinto dal primo.

La disciplina applicabile dopo l’uscita dalla UE

Quali saranno le norme applicabili dalle corti dei paesi del Regno Unito agli accordi di giurisdizione in materia civile e commerciale quando la nazione sarà fuoriuscita dall'Unione Europea? 

Anzitutto, in quanto ratificata dall'Unione Europea per conto degli Stati Membri (esclusa la Danimarca), si ritiene che la Convenzione dell'Aia non sarà più applicabile al Regno Unito.
Parimenti, non sarà applicabile il Regolamento Bruxelles Ibis e - al contrario di quanto qualcuno già afferma - la Convenzione di Bruxelles del 1968 non potrà supplire il conseguente vuoto normativo, in quanto si ritiene che possa “rivivere” soltanto tra i paesi aderenti al Trattato di Roma, sulla cui base è stata ratificata.

Sarebbe quindi auspicabile che il Regno Unito, una volta fuoriuscito dall'Unione Europea, ratificasse la Convenzione dell'Aia. Eppure, questa soluzione non sarebbe soddisfacente rispetto al sistema finora in vigore, in quanto:

  • da un lato, l'interpretazione della Convenzione dell'Aia non è sottoposta al vaglio di un organo nomofilattico, diversamente dal Regime di Bruxelles (la cui interpretazione uniforme è garantita dalla Corte di giustizia europea); 
  • e, dall'altro lato, la predetta Convenzione non predispone un regime automatico di circolazione delle decisioni, che è stato invece introdotto dal Regolamento Bruxelles Ibis con la c.d. abolizione dell'exequatur (v. art. 39 del Regolamento).

Se, invece, il Regno Unito decidesse di aderire alla Convenzione di Lugano del 2007, oltre agli stessi inconvenienti descritti nel caso di ratifica della Convenzione dell'Aia, si riproporrebbe il problema delle c.d. Torpedo Actions, invece risolto nel Regime dell'Aia, nonché nel Regime di Bruxelles con le nuove norme sulla litispendenza introdotte dal Regolamento Bruxelles Ibis (v. art. 31, par. 2, del Regolamento). 
Tantomeno risolutiva sarebbe la decisione del Parlamento del Regno Unito di predisporre una disciplina interna di diritto internazionale privato sulla falsariga del Regime di Bruxelles, come accade nel Civil Jurisdiction and Judgments Act del 1982 e successive modifiche, perché - da sola - non consentirebbe di raggiungere quei vantaggi che invece sono garantiti da una disciplina di carattere internazionale.

Conclusioni

In sostanza, nessuna delle soluzioni prospettate sarebbe soddisfacente in quanto la migliore disciplina in materia di accordi di giurisdizione, in termini di loro efficacia, è proprio quella contenuta nel Regolamento Bruxelles Ibis, alla quale il Regno Unito ha dimostrato di voler rinunciare con il referendum del 23 giugno scorso.

Così, chi abbia concluso un accordo di giurisdizione in favore del giudice inglese e gallese, scozzese e nord irlandese, contando sulla validità ed efficacia dell'accordo, nonché sulla  circolazione della sentenza eventualmente emanata dal giudice prorogato in virtù del Regime di Bruxelles, sarà costretto a riconsiderare l'opportunità della sua scelta. 

Tutto ciò senza contare che, in assenza di una disciplina eurounitaria o comunque convenzionale, l'accordo di giurisdizione in favore delle corti inglesi e gallesi, scozzesi e nord irlandesi potrà esser disatteso dalle corti degli altri Stati Membri sulla base delle rispettive norme interne di diritto internazionale privato. 

Alcuni, però, nel tentativo di salvare il salvabile, rassicurano circa il futuro degli accordi di giurisdizione in favore del giudice inglese sottolineando come, una volta fuori dall'Unione Europea, egli potrà tornare a far ricorso alle anti-suit injunctions: quel potente strumento - bandito dalla Corte di giustizia europea nel caso West Tankers - con cui punire chi instaura o prosegue un giudizio in un paese straniero in spregio di una scelta del foro inglese.

Eppure, tale provvedimento continuerà ad essere carta straccia al di fuori del Regno Unito e anzi, tornerà a rappresentare un attentato alla c.d. international comity. In più, chi fa riferimento alle anti-suit injunctions omette di ricordare come si potrà far altresì ricorso alla dottrina del forum non conveniens - anch'essa bandita dalla Corte di giustizia europea, nel caso Owusu - che permette al giudice inglese di aggirare un accordo di giurisdizione in suo favore quando ritenga, a sua (ampia) discrezione, che la controversia prorogata abbia un più stretto collegamento con un altro foro.

Infine, lungi dal voler creare qualunque allarmismo, si ricorda come, fintantoché il Regno Unito farà parte dell'Unione Europea, i giudici che operano sul suo territorio saranno tenuti a rispettare le norme della Convenzione dell'Aia e, soprattutto, del Regolamento Bruxelles Ibis.

Avv. Marialena Giorcelli - Dott. Ennio Piovesani

Contrattualistica
Il franchising internazionale come opportunità di sviluppo all’estero
Il franchising internazionale come opportunità di sviluppo all’estero Il franchising è una formula distributiva che permette di integrare la filiera e di rendere più efficiente il processo di distribuzione ...
Agenzia: cessazione del contratto durante il periodo di prova e indennità di fine rapporto
Agenzia e indennità di fine rapporto nel periodo di prova In una recente sentenza la Corte di Giustizia Europea ha affrontato, per la prima volta, la questione della sussistenza del diritto all’indennità di fine rapporto in caso di cessazione di un contratto di agenzia durante il periodo di prova.
La limitazione di responsabilità nei contratti internazionali
La limitazione di responsabilità nei contratti internazionali Nelle condizioni di vendita spesso si inseriscono clausole di esclusione o di limitazione di responsabilità che mirano a tutelare l'azienda dal rischio di pagare cospicui risarcimenti.
Lavoratori distaccati: armonizzazione europea del salario e degli incentivi
Lavoratori distaccati: armonizzazione europea del salario e degli incentivi La Commissione europea ha proposto una modifica della disciplina europea relativa ai lavoratori distaccati, nel tentativo di riconoscere a questi la stessa retribuzione e gli stessi bonus spettanti ai lavoratori locali.
Come tutelarsi nella redazione di un contratto internazionale
Come tutelarsi nella redazione di un contratto internazionale Come intraprendere strategie commerciali internazionali e stipulare accordi con partners stranieri?
Diffuse violazioni antitrust in tema di rivendite online
Diffuse violazioni antitrust in tema di rivendite online Questo il monito della Commissione UE in chiusura di un’importante indagine sull’e-commerce; un chiaro invito alle imprese comunitarie a riesaminare e, nel caso, riscrivere i loro accordi sulla distribuzione online.
Il contratto di Distribuzione in Spagna
Il contratto di Distribuzione in Spagna Il contratto di distribuzione in Spagna non è regolato da una specifica disciplina legislativa, ma, in presenza di determinati requisiti è equiparato al contratto di agenzia.
Clausole di deroga del foro nei contratti internazionali: indicazioni della Corte UE sulla loro validità nelle condizioni generali
Clausole di deroga del foro nei contratti internazionali: indicazioni della Corte UE sulla loro validità nelle condizioni generali Nella stipula di contratti internazionali le parti possono decidere di pattuire una clausola attributiva di giurisdizione in modo da assicurarsi, per il sorgere di eventuali future controversie, che queste vengano giudicate da un determinato foro preventivamente individuato.
Arbitrato rapido: riforma del Regolamento della Camera di Commercio Internazionale di Parigi
Arbitrato rapido: riforma del Regolamento della Camera di Commercio Internazionale di Parigi La costante domanda di efficienza in termini di costi e tempo, oltre che di maggiore trasparenza, da parte delle imprese che ricorrono all’arbitrato ...
Vendita dei prodotti di marca nei marketplace online
Vendita dei prodotti di marca nei marketplace online Al vaglio della Corte UE il rapporto tra mercati virtuali e distribuzione selettiva. Domanda di pronuncia pregiudiziale, caso C-230/16, Coty Germany / Parfümerie Akzente.