Le nuove ICC Mediation Rules

Le nuove Regole ICC sulla Mediazione, che sostituiscono le Regole ICC sull’ADR utilizzate dal 2001 in tutto il mondo, sono entrate in vigore il 1 gennaio 2014.

Le nuove ICC Mediation Rules

Le ICC Mediation Rules, disponibili in otto lingue e corredate dalla nuova pubblicazione ICC Mediation Guidance Note, sono state elaborate da una task force di 90 esperti provenienti da 29 Paesi e approvate dalla ICC Commission on Arbitration and ADR, i cui componenti rappresentano circa 100 Paesi.

Le Regole, modificate e aggiornate per aiutare le parti a risolvere in modo più rapido e affidabile le controversie internazionali, offrono una maggiore chiarezza del quadro procedurale e una maggiore flessibilità.

Tra i vari cambiamenti introdotti, da segnalare:

  • l’impostazione della mediazione come tecnica predefinita (le precedenti ICC ADR Rules erano state redatte al fine di regolamentare tutte le tecniche di risoluzione amichevole delle controversie – tra cui mediazione e conciliazione – mentre oggi le nuove Rules individuano la mediazione quale approccio predefinito, pur lasciando alle parti la facoltà di scegliere altre forme di risoluzione delle controversie)
  • un maggior supporto da parte dell’ICC International Centre for ADR, l’organismo che amministra le nuove Regole.

La mediazione è infatti più veloce ed economica rispetto ad altre procedure di risoluzione delle controversie, richiedendo solo pochi incontri tra un mediatore qualificato e le parti per definire i termini esatti dell’accordo (che tiene conto dei vari interessi finanziari, legali e commerciali in gioco).

Dal 2001 a oggi il Centro Internazionale ICC per la Risoluzione Amichevole delle Controversie ha mediato casi in tutto il mondo, coinvolgendo più di 70 nazionalità e garantendo la conclusione di un accordo in oltre il 75% dei casi affidati a un mediatore.

Approfondimenti.

Contrattualistica
La limitazione di responsabilità nei contratti internazionali
La limitazione di responsabilità nei contratti internazionali Nelle condizioni di vendita spesso si inseriscono clausole di esclusione o di limitazione di responsabilità che mirano a tutelare l'azienda dal rischio di pagare cospicui risarcimenti.
Lavoratori distaccati: armonizzazione europea del salario e degli incentivi
Lavoratori distaccati: armonizzazione europea del salario e degli incentivi La Commissione europea ha proposto una modifica della disciplina europea relativa ai lavoratori distaccati, nel tentativo di riconoscere a questi la stessa retribuzione e gli stessi bonus spettanti ai lavoratori locali.
Come tutelarsi nella redazione di un contratto internazionale
Come tutelarsi nella redazione di un contratto internazionale Come intraprendere strategie commerciali internazionali e stipulare accordi con partners stranieri?
Diffuse violazioni antitrust in tema di rivendite online
Diffuse violazioni antitrust in tema di rivendite online Questo il monito della Commissione UE in chiusura di un’importante indagine sull’e-commerce; un chiaro invito alle imprese comunitarie a riesaminare e, nel caso, riscrivere i loro accordi sulla distribuzione online.
Il contratto di Distribuzione in Spagna
Il contratto di Distribuzione in Spagna Il contratto di distribuzione in Spagna non è regolato da una specifica disciplina legislativa, ma, in presenza di determinati requisiti è equiparato al contratto di agenzia.
Clausole di deroga del foro nei contratti internazionali: indicazioni della Corte UE sulla loro validità nelle condizioni generali
Clausole di deroga del foro nei contratti internazionali: indicazioni della Corte UE sulla loro validità nelle condizioni generali Nella stipula di contratti internazionali le parti possono decidere di pattuire una clausola attributiva di giurisdizione in modo da assicurarsi, per il sorgere di eventuali future controversie, che queste vengano giudicate da un determinato foro preventivamente individuato.
Arbitrato rapido: riforma del Regolamento della Camera di Commercio Internazionale di Parigi
Arbitrato rapido: riforma del Regolamento della Camera di Commercio Internazionale di Parigi La costante domanda di efficienza in termini di costi e tempo, oltre che di maggiore trasparenza, da parte delle imprese che ricorrono all’arbitrato ...
Vendita dei prodotti di marca nei marketplace online
Vendita dei prodotti di marca nei marketplace online Al vaglio della Corte UE il rapporto tra mercati virtuali e distribuzione selettiva. Domanda di pronuncia pregiudiziale, caso C-230/16, Coty Germany / Parfümerie Akzente.
Procacciatore d'affari e obbligo di iscrizione al ruolo dei mediatori: rimessa la questione alla Corte di Cassazione
Procacciatore d'affari e obbligo di iscrizione al ruolo dei mediatori: rimessa la questione alla Corte di Cassazione L’ordinanza 22558 del 4-11-2015 della Corte di Cassazione civile, Sezione II, ha inteso devolvere al giudizio delle Sezioni Unite l’annosa questione relativa al diritto del procacciatore di affari a ricevere la provvigione, qualora esso non sia iscritto all’elenco dei mediatori.
Le condizioni generali d’acquisto per la gestione dell’international supply chain
Le condizioni generali d’acquisto per la gestione dell’international supply chain I dati ISTAT - riferiti all’agosto 2016 - registrano una crescita tendenziale delle importazioni di merci provenienti sia da Paesi UE che, in minor misura, da Paesi extra UE.