Esportare vino in Giappone

Il sistema di accesso al mercato non è semplice e l’importatore gioca un ruolo fondamentale in quanto la legislazione giapponese lo considera garante del rispetto della normativa da parte del produttore.

 

Esportare vino in Giappone

Il mercato giapponese dei prodotti food è maturo e molto sofisticato. I prodotti italiani di punta della nostra tradizione eno-gastronomica sono apprezzati anche grazie alla ristorazione italiana che ha favorito negli anni la conoscenza della nostro cultura culinaria.

Nella maggior parte dei casi, il sistema giapponese non riconosce le certificazioni ottenute da un prodotto nel Paese di origine, e prevede - prima dell’ingresso definitivo della merce in Giappone - l’effettuazione, a spese dell’importatore e da parte delle autorità locali giapponesi, di controlli prevalentemente di tipo sanitario.

Nel caso di prodotto importato per la prima volta l’importatore deve presentare ai rappresentanti del Ministero prima della spedizione:

  • dichiarazione che il prodotto soddisfi le norme vigenti nel Paese da cui proviene la merce
  • lista degli ingredienti
  • descrizione dei processi produttivi
  • campionatura
  • eventuali risultati analitici ottenuti in un laboratorio sito nel Paese di origine riconosciuto dal Ministero; in tal caso i test devono dimostrare il rispetto dei parametri fissati dalla normativa giapponese.

A seguito dell’esito positivo del controllo l’importatore può procedere ad effettuare la Notifica d’Importazione (import notification).

Nel caso di merce già importata, l’importatore presenta la Notifica d’Importazione a una delle Food Quarantine Stations che operano nei luoghi di ingresso della merce, porti e aeroporti. Esaminati i documenti ed effettuati i controlli le Food Quarantine Stations emettono il Certificate of Notification.

Documenti per la spedizione

  • Dichiarazione doganale
  • packing list
  • fattura commerciale: triplice copia in lingua inglese o giapponese; non è previsto un format specifico ma devono essere presenti i dati identificativi della merce, del corrispettivo economico e della consegna
  • polizza di carico
  • certificato d’origine: può essere eventualmente richiesto dall’importatore e consegnato in originale
  • certificato di analisi: l’elenco dei parametri oggetto di controllo e i relativi limiti di accettabilità sono riportati nel sito dell’organizzazione giapponese per il commercio estero JETRO

In merito al trasporto è necessario che i container contenenti i prodotti da esportare siano sigillati qualora il trasporto tra Italia e Giappone preveda delle tappe intermedie.

Etichettatura Vino

Per il vino  e le bevande alcoliche in generale l’etichetta deve riportare:

  • nome del prodotto
  • elenco degli additivi alimentari usati
  • titolo alcolometrico espresso in volume
  • indicazione nel caso di bevanda effervescente
  • nome e indirizzo dell’importatore
  • nome e l’indirizzo del distributore
  • avvertimento che la bevanda non deve essere consumata da minorenni
  • riferimento all’origine e standard di qualità del prodotto.

In alcuni testi viene specificato che si consiglia l’utilizzo di bottiglie in vetro incolori per evitare problematiche relative al riciclaggio.

Per quanto riguarda l’imballaggio primario, sull’etichetta o sul contenitore della bevanda devono essere riportati obbligatoriamente i marchi giapponesi (JIS), che specificano il materiale del tappo, del contenitore e dell’etichetta .

Disciplina dei vini biologici

La tematica del biologico è particolarmente attuale in Giappone, non solo per motivi tradizionali, ma anche a seguito degli incidenti avvenuti nel Paese.

La disciplina dei prodotti alcolici è gestita dal Ministero delle Finanze: la normativa per la certificazione del vino biologico non è, pertanto, soggetta al sistema JAS Bio, (Japanese Agricultural Standard),  che regola invece la normativa per i prodotti alimentari biologici in Giappone.

Sull’etichetta è possibile soltanto indicare che le materia prime utilizzate sono certificate JAS Bio; non è ammessa la dicitura in lingua inglese “organic” o il termine giapponese equivalente, ma è, invece, possibile utilizzare la scritta (in lingua italiana o altra lingua con l’esclusione di quanto indicato) “vino biologico” o “vino prodotto con uve biologiche”.

Approfondimenti

Dogane
Il nuovo Codice doganale dell’Unione: cogliere le opportunità del cambiamento
Il nuovo Codice doganale dell’Unione: cogliere le opportunità del cambiamento Le dinamiche del commercio internazionale sono mutate nel tempo e hanno reso necessari strumenti doganali semplici, efficaci e fruibili attraverso sistemi informatici, in modo da facilitare il movimento delle merci e ottimizzare la catena di approvvigionamento.
Valore in dogana e Royalties
Valore in dogana e Royalties La base primaria per il valore in dogana delle merci (Articolo 70(1) CDU)  è il valore di transazione, cioè il prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci quando sono vendute per l'esportazione verso il territorio doganale dell'Unione, eventualmente adeguato.
Importazioni di alluminio: introduzione della vigilanza unionale preventiva
Importazioni di alluminio: vigilanza unionale preventiva Il 25 aprile 2018 la Commissione Europea ha adottato il regolamento di esecuzione (UE) 2018/640 che introduce una vigilanza unionale preventiva sulle importazioni di determinati prodotti di alluminio originari di alcuni paesi terzi (regolamento sulla vigilanza nel settore dell’alluminio).
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA Negli ultimi anni la Food & Drug Admnistration (FDA), Organismo statunitense preposto alla regolamentazione e al controllo dei prodotti alimentari ...
Operazioni doganali… non in dogana
Operazioni doganali… non in dogana Nell’articolo una panoramica della normativa italiana ed europea relativa alla gestione delle operazioni doganali presso le sedi dell’operatore economico.
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med Nell’ambito degli Accordi commerciali di libero scambio tra l’Unione europea egli altri Paesi o gruppi di Paesi accordatari, il documento normalmente utilizzato come “prova di origine” preferenziale è il certificato di circolazione EUR.
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017 Con il termine dual use (duplice uso) si identificano quei beni e quelle tecnologie che, pur essendo principalmente utilizzati per scopi civili, possono essere adoperati nella fabbricazione e sviluppo di diverse tipologie di armamenti.
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità L’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del D. Lgs.
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione La Commissione europea ha introdotto importanti modifiche alle disposizioni di applicazione del Codice Doganale dell’Unione, con particolare riguardo agli adempimenti connessi alla gestione dell’origine delle merci.
Obbligo della dichiarazione nutrizionale nell’etichetta dei prodotti alimentari
Obbligo della dichiarazione nutrizionale nell’etichetta dei prodotti alimentari Il 13 dicembre 2016 è entrato in vigore l'obbligo di inserire la dichiarazione nutrizionale sulle etichette della quasi totalità dei prodotti alimentari, con le modalità disciplinate dal Regolamento UE n.