Valore in dogana delle merci importate: regola del First sale price

Per il calcolo delle imposte di confine (dazio ed iva) occorre ricavare correttamente il valore delle merci da dichiarare all’atto dell’importazione. Per calcolare tale valore occorre tener presente quanto disposto dagli articoli 29 e seguenti del Reg. Cee 2913/92 (Codice Doganale Comunitario) ora trasfusi negli articoli da 69 a 74 del Reg. UE 952/2013 (codice doganale dell'Unione).

 

Valore in dogana delle merci importate: regola del First sale price

La normativa prevede innanzitutto che il valore in dogana delle merci importate sia il valore di transazione, ossia il prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci. Pertanto è ininfluente a che titolo vengano cedute le merci poiché, anche per le merci cedute a titolo gratuito, occorre indicare il valore reale per calcolare le imposte di confine.

Qualora non sia possibile individuare il valore delle merci mediante il valore di transazione, la normativa prevede alcune modalità alternative per il calcolo del valore come, ad esempio:

  • il valore di transazione di merci identiche
  • il valore di transazione di merci similari, oggetto di cessione verso l’Unione Europea.

Il Codice Doganale prevede altresì che, oltre al valore individuato in una delle modalità sopra descritte, vadano indicate alcune spese purché siano a carico dell’importatore e non siano incluse nella fattura di acquisto. Tra le suddette spese si possono citare:

  • spese di trasporto e di assicurazione delle merci importate fino al luogo d'introduzione delle merci nella Comunità
  • commissioni e spese di mediazione
  • utensili, matrici, stampi e oggetti similari utilizzati per la produzione delle merci importate
  • royalties pagate dall’importatore qualora siano relative alle merci importate e siano condizione della vendita.

Oltre alle spese sopra descritte, vi sono altri elementi che possono essere detratti dal valore di transazione, qualora sussistano determinati requisiti. Ad esempio le spese di trasporto delle merci, dopo il loro arrivo nel luogo d'introduzione nel territorio doganale della Comunità, devono essere escluse dal valore in dogana purché siano distinte dal prezzo pagato.

In base all’impianto normativo descritto, per effettuare una importazione definitiva occorre, in primis, presentare un documento che attesti il valore della merce. Nella pratica del commercio internazionale, tale documento è rappresentato dalla fattura di acquisto delle merci relativa all’ultima transazione effettuata.

Tuttavia alla suddetta norma vi è una deroga; infatti l’importatore, quando vi siano determinate condizioni, può dichiarare quale valore delle merci, quello relativo ad una transazione antecedente all’ultima effettuata.

Tale regola, definita First Sale Price Rule, è contenuta nell’articolo 147 del regolamento Cee n. 2454/93, del 2 giugno 1993, recante le disposizioni di applicazione del citato codice doganale comunitario. Tale norma, che esplica quanto già previsto dall’art. 29 del Codice doganale Comunitario, prevede la possibilità di dichiarare, a fini daziari, il “prezzo relativo ad una vendita anteriore all’ultima vendita sulla cui base le merci sono state introdotte nel territorio doganale della Comunità”.

Per l’applicazione della suddetta regola devono essere rispettati tre requisiti:

  • devono essere avvenute più transazioni prima della importazione definitiva
  • le merci, sin dall’origine, devono essere destinate all’importazione nell’Unione Europea
  • l’importatore deve poter dimostrare il valore della prima vendita.

In seno alla dottrina ed alla Giurisprudenza, sin dall’emanazione della norma, si è dibattuto su quali fossero gli elementi e le prove che devono essere consegnati all’atto dell’importazione per poter fruire del suddetto beneficio.

Innanzitutto occorre che le merci siano state oggetto di una o più vendite prima di essere introdotte nel territorio doganale della Comunità, oppure siano state oggetto di una o più vendite all'interno del territorio doganale della Comunità, ma anteriormente alla loro immissione in libera pratica.

Pertanto è ininfluente il luogo dove sia avvenuta la cessione, ma occorre che sia avvenuta prima della dichiarazione di importazione. Infatti, quale ulteriore misura di agevolazione, per "ultima vendita" si può intendere anche la vendita conclusa quando le merci si trovano già nella Comunità europea (ad esempio in deposito doganale).

Per quanto riguarda il secondo requisito, occorre altresì dimostrare che, sin dalla prima transazione, tali merci erano destinate ad essere importate nell’Unione Europea. Al riguardo, nel commento n. 7 (punto 3.2.2) del documento TAXUD/800/2002-IT, il Comitato del Codice ha chiarito che: “qualora sia stata effettuata una vendita anteriore riguardante le merci in questione, il dichiarante può chiedere all’autorità doganale di accettarle come base per la determinazione del valore in dogana, ma esclusivamente se può dimostrare che, rispetto alla vendita in questione, vi sono circostanze specifiche e pertinenti che hanno indotto ad esportare le merci nel territorio doganale della Comunità”.

Inoltre, circa i criteri pertinenti alla prova che deve fornire il dichiarante, è stato precisato (punto 4) che, “ai fini dell’applicazione della terza frase dell’art. 147, la dimostrazione che le merci sono state vendute per l’esportazione nel territorio doganale della Comunità può includere i seguenti elementi di prova:

  • le merci sono fabbricate in conformità delle specifiche CE o risulta evidente (in base ai loro marchi ecc.) che non hanno altro impiego o destinazione
  • le merci in questione sono state fabbricate o prodotte specificamente per un compratore nella Comunità europea
  • merci specifiche sono ordinate da un intermediario che le ottiene da un fabbricante il quale le spedisce direttamente nella Comunità europea”.

Il terzo requisito è il materiale possesso della fattura di prima vendita da parte dell’importatore. Tale requisito, all’apparenza il più semplice, in virtù di quanto avviene nella prassi del commercio internazionale, può risultare il più difficile da soddisfare. Infatti spesso l’operatore “intermediario” non vuole consegnare la suddetta fattura di prima vendita, per non mettere in contatto il proprio fornitore ed il destinatario della merce.

Sentenze della Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione, nel corso del 2013, è stata chiamata più volte a decidere su vertenze che avevano, come oggetto, la regola del first sale price.

  • In una sentenza , la stessa Corte ha ravvisato un contrasto giurisprudenziale sull’argomento in questione e, pur confermando la pretesa della Dogana, ha provveduto all’annullamento delle sanzioni per obiettive condizioni di incertezza normativa.
  • In un secondo caso, la Suprema Corte ha invece ritenuto non applicabile la regola del “first sale price”, ai fini della determinazione del valore in dogana della merce importata, in quanto l’importatore non ha sufficientemente dimostrato che le merci erano, sin dall’origine, destinate ad essere importate nell’Unione Europea.

Da quanto sopra esposto risulta evidente che la regola del “first sale price” consente agli operatori di dichiarare un valore più basso all’atto dell’importazione rispetto a quello di acquisto, consentendo pertanto di assolvere un dazio inferiore a quello normalmente previsto.

Tuttavia, prima di utilizzare tale istituto occorre verificare di aver rispettato i dettami della norma, perché, in difetto, l’Amministrazione procederà al recupero dell’imposta non versata comminando le sanzioni che, dopo la riforma del 2012, possono essere anche di notevole entità

Andrea Toscano e Enrico Calcagnile

Dogane
Valore in dogana e Royalties: analisi normativa e novità giurisprudenziali
Valore in dogana e Royalties: analisi normativa e novità giurisprudenziali La base primaria per il valore in dogana delle merci (Articolo 70(1) CDU)  è il valore di transazione, cioè il prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci quando sono vendute per l'esportazione verso il territorio doganale dell'Unione, eventualmente adeguato.
Importazioni di alluminio: introduzione della vigilanza unionale preventiva
Importazioni di alluminio: vigilanza unionale preventiva Il 25 aprile 2018 la Commissione Europea ha adottato il regolamento di esecuzione (UE) 2018/640 che introduce una vigilanza unionale preventiva sulle importazioni di determinati prodotti di alluminio originari di alcuni paesi terzi (regolamento sulla vigilanza nel settore dell’alluminio).
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA Negli ultimi anni la Food & Drug Admnistration (FDA), Organismo statunitense preposto alla regolamentazione e al controllo dei prodotti alimentari ...
Operazioni doganali… non in dogana
Operazioni doganali… non in dogana Nell’articolo una panoramica della normativa italiana ed europea relativa alla gestione delle operazioni doganali presso le sedi dell’operatore economico.
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med Nell’ambito degli Accordi commerciali di libero scambio tra l’Unione europea egli altri Paesi o gruppi di Paesi accordatari, il documento normalmente utilizzato come “prova di origine” preferenziale è il certificato di circolazione EUR.
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017 Con il termine dual use (duplice uso) si identificano quei beni e quelle tecnologie che, pur essendo principalmente utilizzati per scopi civili, possono essere adoperati nella fabbricazione e sviluppo di diverse tipologie di armamenti.
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità L’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del D. Lgs.
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione La Commissione europea ha introdotto importanti modifiche alle disposizioni di applicazione del Codice Doganale dell’Unione, con particolare riguardo agli adempimenti connessi alla gestione dell’origine delle merci.
Obbligo della dichiarazione nutrizionale nell’etichetta dei prodotti alimentari
Obbligo della dichiarazione nutrizionale nell’etichetta dei prodotti alimentari Il 13 dicembre 2016 è entrato in vigore l'obbligo di inserire la dichiarazione nutrizionale sulle etichette della quasi totalità dei prodotti alimentari, con le modalità disciplinate dal Regolamento UE n.
Sanzioni doganali e ravvedimento operoso
Sanzioni doganali e ravvedimento operoso La sanzione amministrativa che punisce l'irregolare dichiarazione di importazione è contenuta nell’art. 303 del TULD (DPR 43/73).