Il regime IVA dei beni venduti nell’ambito delle fiere in paesi UE

La movimentazione intracomunitaria di beni in occasione di fiere ed esposizioni deve essere attentamente verificata, in quanto il trattamento fiscale ai fini IVA applicabile ai beni introdotti in un altro Paese membro da parte del soggetto nazionale dipende dalla legislazione vigente nel singolo Stato membro.

Il regime IVA dei beni venduti nell’ambito delle fiere in paesi UE

In questo articolo viene esaminato il regime IVA dei beni inviati in altri paesi membri in occasione di fiere mercato ed esposizioni, e poi successivamente venduti da parte delle imprese italiane nello stesso paese membro che ospita l’evento.
A livello comunitario, si ricorda come l’art. 17, par. 2, lett. h), della Direttiva 28 novembre 2006, n. 2006/112/CE, non considera come acquisto intracomunitario il «trasferimento a destinazione di un altro Stato membro» se finalizzato:

  • alla temporanea utilizzazione del bene,
  • per una durata non superiore a ventiquattro mesi,
  • nel territorio di un altro Stato membro all’interno del quale l’importazione dello stesso bene in provenienza da un paese terzo ai fini di un’utilizzazione temporanea fruirebbe del regime dell’ammissione temporanea in esenzione totale dai dazi all’importazione.

Ciò premesso, occorrerà pertanto far riferimento alla normativa vigente nel Paese comunitario ospitante l’evento per valutare come siano state recepite da detto Stato membro le disposizioni  comunitarie.

Normativa doganale del Paese ospitante la manifestazione prevede l’esonero dei dazi in caso di importazioni di beni analoghi

Nello specifico, ove la normativa doganale vigente in tale Paese prevedesse l’esonero totale dai dazi in caso di importazioni di beni analoghi, allora l’introduzione dei beni nel proprio territorio per esposizioni, fiere e mostre non darà luogo ad un acquisto comunitario, fin tanto che continuino a sussistere le condizioni per l’esonero (temporanea utilizzazione per una durata non superiore a 24 mesi).
In tale ipotesi l’operatore italiano non sarà ivi tenuto ad identificarsi ai fini IVA, ma dovrà esclusivamente annotare il trasferimento dei beni, a titolo non traslativo della proprietà, nel “registro di carico e scarico” di cui all’art. 50, comma 5, del D.L. n. 331/1993, ovvero, secondo le indicazioni fornite nella risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 39/2005 in materia di “tentata vendita”, a prendere in “carico” i beni su un apposito documento, numerato e conservato ai sensi dell’art. 39 del D.P.R. n. 633/1972.
Tanto le annotazioni sul registro di “carico e scarico”, quanto la “presa in carico”, sono indispensabili per superare le presunzioni di cessione, di cui al D.P.R. 10 novembre 1997, n. 441.

Se poi, nell’ambito della fiera a cui si partecipa, l’impresa italiana dovesse vendere i propri beni, allora tale cessione si considererà perfezionata, all’atto della stipula del contratto, nello Stato membro che ospita l’evento.
In questo caso, venendo meno la sospensione d’imposta, il soggetto passivo italiano dovrà regolarizzare l’operazione, sicchè previa identificazione diretta nel paese UE o per il tramite di un rappresentante fiscale, dovrà fatturare l’operazione in regime di non imponibilità IVA ex art. 41, comma 2, lett. c), del D.L. n. 331/1993 al proprio rappresentante fiscale il quale successivamente procederà alla corrispondente acquisizione intracomunitaria imponibile IVA.

Riguardo al trattamento IVA delle cessioni, escluse da IVA in Italia per carenza del presupposto territoriale, ove gli acquirenti dovessero essere soggetti d’imposta ivi stabiliti e lo Stato membro prevedesse l’obbligo di reverse charge, l’impresa italiana dovrà emettere fattura indicando, in luogo dell’imposta, che si tratta di operazione soggetta ad “inversione contabile” ai sensi dell’art. 21, comma 6-bis, lett. a), del D.P.R. n. 633/1972.
Ai fini INTRASTAT, per i beni movimentati nell’ambito delle suddette manifestazioni, gli elenchi riepilogativi devono essere compilati, ai fini fiscali e statistici, solo in caso di cessione o acquisto dei beni e con riferimento al periodo di registrazione della relativa fattura.

Normativa doganale del Paese ospitante la manifestazione non prevede l’esonero dei dazi in caso di importazioni di beni analoghi

In caso contrario, cioè ove la normativa doganale vigente nel Paese UE ospitante la manifestazione non prevedesse l’esenzione totale da dazi (ammissione temporanea) in caso di importazione di beni analoghi proveniente da Paesi extraUE, allora è già all’atto dell’introduzione del bene nel territorio comunitario che si realizza un’operazione assimilata ad un acquisto intracomunitario, con l’obbligo da parte del soggetto passivo italiano di assolvere i relativi adempimenti ai fini Iva tramite identificazione diretta o mediante nomina di un rappresentante fiscale.
In questa ipotesi il trasferimento dei beni inviato nello Stato membro di destinazione darà luogo, in capo al soggetto passivo italiano, ad un trasferimento intracomunitario di beni a “se stesso”, con il conseguente obbligo di:

  • emissione della fattura  in  Italia  in regime di non  imponibilità IVA ex art. 41, comma 2, lett. c), del D.L. n. 331/1993;
  • acquisizione intracomunitaria nel medesimo Stato per il tramite del numero di partita IVA previamente acceso “in loco”, nella forma diretta o per mezzo di un rappresentante fiscale.


La successiva vendita dei beni già introdotti nello Stato membro di destinazione  si  configurerà come  una  operazione  “interna”, con obbligo di osservare le disposizioni ivi prescritte.
Tali cessioni, territorialmente irrilevanti in Italia ai sensi dell’art. 7-bis, comma 1, del DPR n. 633/1972, dovranno essere assoggettate all’IVA  locale  per  il  tramite  della  propria posizione IVA se il cessionario è un privato consumatore o un soggetto passivo stabilito  in un  diverso  Stato membro; se,  invece,  si  tratta  di  un  soggetto  passivo  stabilito  nello  stesso Stato  membro ospitante la manifestazione in cui ove sia previsto l’obbligo di reverse  charge,  allora sarà il cessionario stesso che deve applicare l’imposta a fronte della fattura emessa dal cedente italiano ai  sensi  dell’art.  21,  comma  6-bis,  lett.  a),  del D.P.R.  n.  633/1972.

Natale Galimi

Tag
Fiscalità
ax Cut and Jobs Act: la riforma fiscale USA
Tax Cut and Jobs Act: la riforma fiscale USA Il 22 dicembre 2017 il Presidente degli Stati Uniti d’America D. J. Trump ha firmato una legge, nota come Tax Cut and Jobs Act "TCJA". ...
La fattura export
La fattura export Contrariamente a quanto accade in altri Paesi al mondo, in Italia e nell’Unione Europea non è, in generale, previsto alcun particolare accreditamento per poter esportare merci al di fuori del territorio doganale.
Svizzera: La riforma del sistema Iva e l’impatto per le aziende straniere
Svizzera: La riforma del sistema Iva Con decorrenza 1 gennaio 2018 è entrata in vigore la riforma del sistema della fiscalità indiretta-Iva svizzera, andando ad incidere in maniera considerevole sugli adempimenti per le imprese italiane che operano in Svizzera.
Prestazioni di servizio in ambito internazionale: Guida pratica
Prestazioni di servizio in ambito internazionale: Guida pratica Le prestazioni di servizi, negli ultimi anni, si stanno evolvendo e soprattutto si stanno orientando verso mercati internazionali.
Il soggetto passivo certificato e la riforma dell’ IVA comunitaria
Il soggetto passivo certificato e la riforma dell’ IVA comunitaria La Commissione Europea è impegnata nella riforma dell’IVA nell’ambito delle cosiddette operazioni intracomunitarie-transfrontaliere ...
Guida Pratica alla compilazione dei modelli Intrastat
Guida Pratica alla compilazione dei modelli Intrastat Unioncamere Lombardia, in collaborazione con il Dott. Andrea Toscano e Dott.
Iva Svizzera: nuovi obblighi per le aziende italiane
Iva Svizzera: nuovi obblighi per le aziende italiane Dal 1 Gennaio 2018 tutte le imprese (svizzere ed estere – italiane nella fattispecie) che effettuano prestazioni e realizzano sul territorio svizzero e all’estero un volume d’affari di almeno 100.
Novità Intrastat 2018: possibili scenari
Novità Intrastat 2018: possibili scenari A seguito del confronto istituito tra Agenzia delle entrate e dogane, Istat, Banca d’Italia e associazioni di categoria, iniziano a delinearsi le semplificazioni agli adempimenti relativi ai Modelli INTRA, che saranno formalizzate con un provvedimento direttoriale.
Territorialità Iva prestazioni di servizio relative a beni immobili
Territorialità Iva prestazioni di servizio relative a beni immobili Dal 2017 sono in vigore nuove regole per individuare la territorialità Iva dei servizi immobiliari, (articolo 7-quater, lett. a), del D.P.R. ...
Vendita e-commerce a privati di bevande alcoliche: aspetti fiscali e accise
Vendita e-commerce a privati di bevande alcoliche: aspetti fiscali e accise Il commercio elettronico indiretto consiste in una tipologia di transazioni in cui la cessione giuridica del bene e la conclusione del contratto tra venditore e acquirente si perfezionano per via telematica, a cui segue la consegna fisica del bene attraverso i canali tradizionali.