Novità Intrastat 2018: possibili scenari

A seguito del confronto istituito tra Agenzia delle entrate e dogane, Istat, Banca d’Italia e associazioni di categoria, iniziano a delinearsi le semplificazioni agli adempimenti relativi ai Modelli INTRA, che saranno formalizzate con un provvedimento direttoriale.

Novità Intrastat 2018: possibili scenari

Le novità riguarderanno i modelli INTRA mensili o trimestrale da presentarsi in relazione al 2018 e gli scopi di tali interventi sono sostanzialmente i seguenti:

  • semplificare gli obblighi comunicativi
  •  evitare duplicazioni.

Si prevede infatti, come conseguenza di tali novità, che il numero dei soggetti obbligati all’invio degli elenchi si riduca al minimo, essendo inferiore il numero dei soggetti interessati, i quali saranno tenuti ad obblighi informativi inferiori rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente.

Sulla base di tali principi direttivi, ad esempio, molti dati saranno riscontrabili dalla “comunicazione dati fattura” e dal processo di fatturazione elettronica e saranno quindi condivisi da parte dell’Agenzia delle entrate, anche alle Dogane, Istat e Banca d’Italia, per la parte fiscale e statistica di proprio interesse.

Si ritiene non vi saranno variazioni per quanto concerne la tempistica di presentazione degli INTRA, sia mensili (acquisti e cessioni di beni e servizi) che trimestrali (per le sole cessioni di beni e servizi), che rimane fissata al giorno 25 del mese successivo al periodo di riferimento (mese o trimestre). 

Nella Direttiva n. 2006/112/CE (articolo 263) la Comunità europea impone tale periodicità che non può coincidere con quella di invio della “comunicazione dati fatture” (più ampia) pertanto i termini di scadenza non subiranno modifiche.

Analizzando nel dettaglio i vari campi del modello Intrastat, elenchiamo brevemente le novità sostanziali che dovrebbero verificarsi.

Cessioni di beni

Vengono innanzitutto confermate le due periodicità di presentazione:

  • Mensile: gli operatori che nel corso dell’anno precedente abbiano realizzato più di 50.000 euro in uno dei 4 trimestri precedenti
  • Trimestrale: gli operatori che per 4 trimestri consecutivi siano rimasti sotto la soglia dei 50.000 euro in ciascun trimestre.

Per gli operatori mensili inoltre viene confermata l’obbligatorietà del modello in tutti i suoi elementi compresa la colonna “natura della transazione” (imposta dall’art.262 della Direttiva 2006/112/CE).

Viene invece introdotta una nuova soglia per la fornitura dei dati statistici nelle vendite per gli operatori mensili:

  • Dati statistici obbligatori se si superano i 100.000 euro a trimestre
  • Dati statistici facoltativi per chi si colloca tra i 50.000 ed i 100.000 euro a trimestre.

Quest’ultimi saranno tenuti alla presentazione del modello mensile limitatamente ai dati fiscali ossia avranno la facoltà di inviare l’elenco mensile omettendo la compilazione dei dati statistici (che risulteranno opzionali).

Cessione di servizi

Anche in questo caso vengono confermate le due periodicità di presentazione:

  • Mensile: gli operatori che nel corso dell’anno precedente abbiano realizzato più di 50.000 euro in uno dei 4 trimestri precedenti
  • Trimestrale: gli operatori che per 4 trimestri consecutivi siano rimasti sotto la soglia dei 50.000 euro in ciascun trimestre.

Il modello viene confermato in tutte le sue colonne con l’unica novità riguardante i CPA (codici servizio)  che subiranno una sostanziale riduzione (circa del 50%) e saranno codificati con codici a 5 cifre e non più a 6.

Acquisti di beni

Le due “classiche soglie” di presentazione saranno così modificate:

  • Mensile: Operatori che nel corso di uno dei precedenti 4 trimestri abbiano superato la soglia di Euro 200.000 a trimestre (contro gli attuali 50.000),
  • Trimestrale: soppressa.

Si verifica quindi un innalzamento della soglie che obbligano alla presentazione dei modelli mensili:

  • Da 50.000 a 200.000 per i beni,
  • Da 50.000 a 100.000 per i servizi.

Si segnala che tali soglie opereranno in modo indipendente, ovvero al superamento della soglia per i servizi i contribuenti non saranno tenuti all’obbligo per i beni e viceversa.

Il modello Intrastat sostanzialmente non presenta alcuna modifica in termini di dati da dover comunicare, assume però rilevanza “ai soli fini statistici”, pur rimanendo fermo l’obbligo di fornire anche i dati che storicamente avevano rilevanza fiscale.

L’unica vera novità è che tutti gli operatori che abbiano realizzato un ammontare inferiore ai 200.000 euro a trimestre non dovranno compilare più l’intrastat acquisti trimestrale.

Acquisti di servizi

Vengono modificate le soglie che distinguono i contribuenti mensili da quelli trimestrali:

  • Mensile: gli operatori che abbiano realizzato più di 100.000 euro a trimestre
  • Trimestrale: gli operatori che abbiano realizzato meno di 100.000 euro a trimestre.

Ricordiamo che la precedente soglia era di 50.000 euro.

Viene mantenuto l’obbligo di compilazione della dichiarazione intrastat per quanto assumerà valenza esclusivamente statistica (non più fiscale). Anche in questo caso i CPA (codici servizio) saranno codificati con codici a 5 cifre e non più a 6.

Simone Del Nevo e Andrea Clerici

Fiscalità
La digital economy ai fini Iva
La digital economy ai fini Iva L’economia digitale è un mondo che corre parallelo a quello offline ma con velocità enormemente superiore.
ax Cut and Jobs Act: la riforma fiscale USA
Tax Cut and Jobs Act: la riforma fiscale USA Il 22 dicembre 2017 il Presidente degli Stati Uniti d’America D. J. Trump ha firmato una legge, nota come Tax Cut and Jobs Act "TCJA". ...
La fattura export
La fattura export Contrariamente a quanto accade in altri Paesi al mondo, in Italia e nell’Unione Europea non è, in generale, previsto alcun particolare accreditamento per poter esportare merci al di fuori del territorio doganale.
Svizzera: La riforma del sistema Iva e l’impatto per le aziende straniere
Svizzera: La riforma del sistema Iva Con decorrenza 1 gennaio 2018 è entrata in vigore la riforma del sistema della fiscalità indiretta-Iva svizzera, andando ad incidere in maniera considerevole sugli adempimenti per le imprese italiane che operano in Svizzera.
Prestazioni di servizio in ambito internazionale: Guida pratica
Prestazioni di servizio in ambito internazionale: Guida pratica Le prestazioni di servizi, negli ultimi anni, si stanno evolvendo e soprattutto si stanno orientando verso mercati internazionali.
Il soggetto passivo certificato e la riforma dell’ IVA comunitaria
Il soggetto passivo certificato e la riforma dell’ IVA comunitaria La Commissione Europea è impegnata nella riforma dell’IVA nell’ambito delle cosiddette operazioni intracomunitarie-transfrontaliere ...
Guida Pratica alla compilazione dei modelli Intrastat
Guida Pratica alla compilazione dei modelli Intrastat Unioncamere Lombardia, in collaborazione con il Dott. Andrea Toscano e Dott.
Iva Svizzera: nuovi obblighi per le aziende italiane
Iva Svizzera: nuovi obblighi per le aziende italiane Dal 1 Gennaio 2018 tutte le imprese (svizzere ed estere – italiane nella fattispecie) che effettuano prestazioni e realizzano sul territorio svizzero e all’estero un volume d’affari di almeno 100.
Novità Intrastat 2018: possibili scenari
Novità Intrastat 2018: possibili scenari A seguito del confronto istituito tra Agenzia delle entrate e dogane, Istat, Banca d’Italia e associazioni di categoria, iniziano a delinearsi le semplificazioni agli adempimenti relativi ai Modelli INTRA, che saranno formalizzate con un provvedimento direttoriale.
Territorialità Iva prestazioni di servizio relative a beni immobili
Territorialità Iva prestazioni di servizio relative a beni immobili Dal 2017 sono in vigore nuove regole per individuare la territorialità Iva dei servizi immobiliari, (articolo 7-quater, lett. a), del D.P.R. ...