Certificato o Attestato di Libera Vendita

E' un documento necessario per esportare in alcuni Stati (tra cui: Argentina, Cina, Corea, Emirati Arabi, Estonia, Giappone, India, Kuwait, Messico, Russia, Taiwan, Turchia, Venezuela)

Viene richiesto soprattutto per cosmetici e profumi, articoli elettromedicali, alimentari, sostanze farmaceutiche ed erboristiche.

Il certificato attesta che i prodotti vengono venduti e commercializzati liberamente sul mercato italiano. Le autorità del Paese di destinazione hanno così la prova che i prodotti importati hanno superato i controlli previsti dalla nostra legislazione. Il certificato di libera vendita viene rilasciato dalle Camere di Commercio, oltreché dal Ministero della Sanità.

Glossario
Intrastat Sistema di rilevazione dei dati relativi agli scambi di beni e servizi in ambito intracomunitario.
Ingiunzione di pagamento europea Il 12 dicembre 2008 è entrato in vigore il Regolamento CE n. 1896/2006 che istituisce un procedimento europeo d’ingiunzione di pagamento. ...
Informazione tariffaria vincolante La corretta classificazione delle merci importate assume importanza rilevante per l’operatore economico, poiché dall’esatta attribuzione ...
Filiale (Subsidiary) Società giuridicamente autonoma controllata da una società madre.
Incoterms (International Commercial Terms) Regole elaborate dalla Camera di Commercio Internazionale per individuare responsabilità, spese e rischi collegati alla consegna della merce nei contratti di compravendita internazionale.
Importazione definitiva Con la dichiarazione di importazione definitiva si sottopone la merce a due distinti regimi.
Fast Track L'espressione "corsia preferenziale" viene utilizzata negli USA per indicare la procedura parlamentare di autorizzazione a concludere ...
Monterrey consensus Programma di globalizzazione firmato nel marzo 2002 da 50 capi di Stato e di Governo in Messico
Minimum premium benchmark (Mbp) Tassi minimi di premio assicurativo stabiliti in sede Ocse a fronte di assicurazioni del rischio politico, in relazione al rischio del paese debitore, alla durata dell'operazione e alla valuta di finanziamento (euro o dollaro).