Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari

di lettura

Le forniture di beni e servizi alla maggior parte delle aziende possedute dal governo sono disciplinate dalla Legge sulle gare d'appalto e sugli appalti pubblici, emanata nel 2006.

Image

L’Arabia Saudita ha annunciato che, dal 2024, un’azienda che voglia firmare contratti con il governo e le istituzioni statali saudite dovrà necessariamente avere la propria sede regionale nel Regno (tale decisione non avrà alcun impatto sulla possibilità per gli investitori di fare affari nel settore privato).

Il Ministero degli Investimenti saudita (MISA) ha pubblicato ulteriori indicazioni sul programma Regional Headquarters, che incentiva le aziende straniere a stabilire la propria sede regionale in Arabia Saudita richiedendo la “licenza commerciale per Regional Headquarters”.

Possono ottenere la licenza commerciale di sede regionale le società che conducono affari in più di una giurisdizione e che intendono stabilire una presenza in Arabia Saudita per sostenere, gestire e fornire direttive alle loro filiali, consociate e affiliate in Medio Oriente e Nord Africa.

Le aziende che ottengono la licenza commerciale di sede regionale possono beneficiare di esenzioni in materia fiscale e giuslavoristica, anche se non sono ancora stati pubblicati dettagli o meccanismi specifici.

L’Arabia Saudita mira a diventare il principale hub dell’economia, del commercio e del turismo regionale, oltre che il principale polo di attrazione dei talenti. Obiettivi che rischiano di porre Riyadh in rotta di collisione con gli Emirati Arabi Uniti, in particolare con l’emirato di Dubai. Proprio a Dubai hanno infatti sede gli headquarters regionali delle principali aziende che operano attualmente nell’area: ad attrarle non solo gli incentivi fiscali e il clima economico favorevole, ma anche la possibilità di condurre uno stile di vita vicino a quello occidentale.

Ingresso nel paese

Nell’ambito delle riforme introdotte da Saudi Vision 2030 c’è anche il nuovo sistema dei visti turistici che ha aperto le porte ai visitatori di tutto il mondo con il programma e-visa.

I visitatori possono acquisire attraverso una procedura online un visto per ingressi multipli valido per un anno che consente di soggiornare nel Paese per un massimo di 90 giorni. Il visto riguarda le attività legate al turismo.

Il visto per visita d'affari è il nuovo visto unificato per affari. Il Ministero degli Affari Esteri saudita ha iniziato a emettere anche un nuovo formato di lettera di invito, che non indica più lo scopo della visita (ad esempio visita di lavoro).

Attività commerciali consentite con il visto business

Le attività consentite dipendono dalle attività e dalla qualifica professionale citate nella lettera d'invito.

Di seguito sono riportati alcuni esempi di attività consentite per i richiedenti con qualifica manageriale o di livello superiore (Development Manager, Sales Manager, Direttore finanziario): partecipare a riunioni di lavoro o discussioni, ricevere una formazione tecnica pratica, acquistare beni da vendere al di fuori del Paese, negoziare contratti, assistere e partecipare a una fiera, visitare strutture e impianti, partecipare a seminari o conferenze.

I seguenti sono esempi di attività consentite ai candidati con qualifiche tecniche (ingegnere, consulente, tecnico, caposquadra, geometra): Riparazioni e manutenzione tecnica, facilitazione della formazione tecnica, supervisione tecnica, installazione di sistemi, revisione contabile, consulenza, preparazione dell'inventario).

Per gli italiani, il visto per ingresso singolo ha validità di 90 giorni dal rilascio, quello multiplo di 1 anno.

Stefano Meani

Altre tematiche
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Secondo appuntamento della rubrica dedicata alle azioni che l'Unione Europea finanzia al di fuori dei suoi confini attraverso i bandi europei indetti dalla Direzione dei Partenariati Internazionali della Commissione Europea (DG INTPA).
Tutela del marchio in Arabia Saudita
Tutela del marchio in Arabia Saudita
L’Arabia Saudita non ha aderito agli accordi di Madrid, pertanto la registrazione del marchio in questo paese è possibile solo depositando la domanda di registrazione del marchio nazionale presso il Ministero del Commercio e degli Investimenti saudita (MCI).
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Le forniture di beni e servizi alla maggior parte delle aziende possedute dal governo sono disciplinate dalla Legge sulle gare d'appalto e sugli appalti pubblici, emanata nel 2006.
SACE Annual review 2021
SACE Annual review 2021
Il Gruppo SACE offre soluzioni di assicurazione del credito diversificate in base alle esigenze delle aziende e alla complessità dell’operazione.
Creare una presenza stabile in Arabia Saudita
Creare una presenza stabile in Arabia Saudita
Quali fattori considerare per scegliere la miglior forma societaria per insediarsi in Arabia Saudita?
Bandi UE nel mondo | Come individuare le gare d'appalto
Bandi UE nel mondo | Come individuare le gare d'appalto
Al via la nuova rubrica dedicata alle azioni che l'Unione Europea finanzia al di fuori dei suoi confini attraverso i bandi europei indetti dalla Direzione dei Partenariati Internazionali della Commissione Europea (DG INTPA).
Bonus partecipazione fiere internazionali in Italia
Bonus partecipazione fiere internazionali in Italia
Il Bonus fiere è un buono del valore massimo di 10.000 euro, erogabile in favore delle imprese aventi sede operativa in Italia, per la partecipazione alle manifestazioni fieristiche internazionali organizzate in Italia.
Brevetti+, Marchi+ e Disegni+:  46 milioni di euro di contributi
Brevetti+, Marchi+ e Disegni+: 46 milioni di euro di contributi
Diventano operativi i nuovi bandi 2022 per la concessione delle misure agevolative denominate Brevetti+, Disegni+  e Marchi+.
Germania: nuovi obblighi sugli imballaggi
Germania: nuovi obblighi sugli imballaggi
Con decorrenza primo luglio 2022 è stata introdotta in Germania una nuova normativa inerente alla gestione degli imballaggi introdotti sul territorio tedesco.
Sostegno alle imprese esportatrici con approvvigionamenti da Ucraina - Federazione Russa - Bielorussia
Sostegno alle imprese esportatrici con approvvigionamenti da Ucraina - Federazione Russa - Bielorussia
A seguito della crisi in atto in Ucraina, Simest ha presentato un secondo intervento per fronteggiare gli impatti negativi sulle imprese esportatrici derivanti dalle difficoltà o rincari degli approvvigionamenti.