Aviazione civile: riduzione delle emissioni e cooperazione Italia - Cina

di lettura

Segnaliamo uno studio che compara le misure di limitazione delle emissioni di carbonio implementate da Cina e Italia nel settore dell’aviazione civile.

Image

L’analisi dello sviluppo sostenibile dell’aviazione civile in Cina e Italia è stato realizzato dall’Istituto degli Studi Europei dell’Accademia Cinese delle Scienze Sociali (CASS) in collaborazione con l’Istituto di Studi Politici, Economici e Sociali (Eurispes). Gli esperti cinesi e italiani che hanno partecipato allo studio esplorano anche i possibili percorsi di cooperazione per consolidare ulteriormente il partenariato strategico bilaterale.

L’aviazione civile è un settore importante nell’industria dei trasporti, nonché un pilastro dell’economia e del commercio globale. Sta registrando tassi di crescita delle emissioni tra i più rapidi al mondo (secondo dati ICAO + 29% tra il 2013 e il 2019). Nel 2019 l’aviazione civile è stata responsabile del 10% delle emissioni complessive di carbonio dell’intera industria dei trasporti internazionali, nonché di una percentuale compresa tra il 2 e il 3% delle emissioni prodotte dall’uomo.

La limitazione delle emissioni sono al centro dell’attenzione della comunità internazionale, ma la neutralità carbonica resta un obiettivo estremamente difficile da raggiungere per questo settore, vista anche la rapida espansione delle operazioni complessive dell’aviazione civile su scala globale.

Nel breve-medio periodo un operatore aereo può agire sull’efficientamento delle operazioni di volo e di assistenza a terra, su interventi mirati di manutenzione degli aeromobili e dei motori, su una oculata gestione della flotta, sull’addestramento dei piloti a un uso efficiente del carburante.

In una prospettiva di lungo periodo, invece, gli interventi programmabili da parte degli operatori aerei richiedono investimenti più cospicui. Si parla, ad esempio, di rinnovo della flotta, di una rimodulazione del network di corto raggio e di utilizzare aeromobili più piccoli intercettando le tecnologie a propulsione ibrida o elettrica, disponibili già nel prossimo quinquennio.

L'esperienza italiana

Negli ultimi anni l’Italia ha ottenuto risultati nettamente superiori in termini di efficienza energetica non solo rispetto alla media dell’Ue, ma anche rispetto a Germania e Francia.

Analizzando l’incremento dell’efficienza energetica e della riduzione delle emissioni nel settore dell’aviazione civile, si scopre che sono stati fatti numerosi passi avanti per quanto riguarda l’innovazione in ambito tecnologico, ma è anche già stata acquisita una vasta esperienza nella progettazione di sistemi e meccanismi. 

Merita una menzione il contributo a una aviazione più verde che viene dalla tecnologia sviluppata dalla società italiana TECNAM in collaborazione con altri primari operatori internazionali. La tecnologia chiamata P-Volt riguarda la costruzione di un motore completamente elettrico, per aerei passeggeri e voli di medio raggio, alimentato da energia rinnovabile.

Il pacchetto UE di provvedimenti Fit-for-55 Package per quanto riguarda i combustibili e il settore dell’aviazione civile, afferma: “la Commissione propone di promuovere l'adozione di combustibili sostenibili nei settori aeronautico e marittimo, integrando l’ETS per i settori aeronautico e marittimo, il che rende i combustibili inquinanti più costosi per i fornitori. Il ReFuel EU Aviation per la promozione del carburante per aerei sostenibili obbligherà i fornitori di carburante a miscelare un livello sempre più elevato di carburanti per aerei sostenibili nel carburante per aerei esistente caricato negli aeroporti UE, oltre a incentivare l'adozione di carburanti sintetici, noti come e-fuel”.

Agli inizi del 2021, Il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile ha indicato le politiche di sviluppo del trasporto aereo “Occorre favorire il rinnovo delle flotte con l’acquisto/sostituzione di aeromobili di nuova generazione, meno inquinanti sia per emissioni nocive (CO2), sia per il rumore. È necessario poi elaborare una nuova strategia per l’utilizzo degli aeroporti minori attualmente non aperti al traffico commerciale, di cui possono essere sviluppate le potenzialità in termini di accessibilità ai territori e di promozione dei flussi turistici”.

Nel PNNR si legge: “L'innovazione digitale applicata al settore del trasporto aereo permette un miglioramento del sequenziamento degli aerei, sia nello spazio aereo in rotta che nell'avvicinamento agli aeroporti, con conseguente ottimizzazione e riduzione del consumo di carburante… I progetti riguarderanno: digitalizzazione delle informazioni aeronautiche, realizzazione di infrastrutture cloud e virtualizzazione delle infrastrutture operative, nuovi modelli di manutenzione”.

ENAV

ENAV opera come fornitore in esclusiva di servizi alla navigazione aerea civile nello spazio aereo di competenza italiana. La società è controllata dal Ministero dell'economia e delle finanze (53,37% del capitale sociale).

ENAV gestisce il traffico aereo civile in Italia, garantendo circa 2 milioni di voli l’anno dalle torri di controllo di 45 aeroporti e dai 4 Centri di Controllo d’Area. Nel 2012 ha avviato la fornitura di servizi commerciali sui mercati internazionali, procedendo anche alla costituzione e/o acquisizione di quote di altre società:

  • ha costituito la società ENAV Asia Pacific (2012) con sede a Kuala Lumpur in Malaysia, per la fornitura di servizi di consulenza aeronautica
  • ha acquisito l’11% della società AIREON (2014) per il servizio globale di sorveglianza space-based
  • ha costituito nel 2018 la società D-Flight (60% ENAV) per lo sviluppo di soluzioni per il controllo del traffico dei droni
  • ha acquisito nel 2019 il 100% della società IDS AirNav, per la fornitura di soluzioni software AIM ed ATFM.

ENAV, grazie alle proprie società controllate garantisce l’installazione, la manutenzione e il monitoraggio di tutti i sistemi hardware e software; sviluppa e collauda nuove tecnologie ed è presente all’estero con la consulenza e la fornitura dei servizi. Tra i primi in Europa a implementare le rotte libere al di sopra di un certa altitudine (consentendo tagli di rotta e risparmio di tempi operativi e carburante), ENAV si è impegnata all’azzeramento delle sue emissioni dirette tramite azioni di riduzione di CO2 e di Offsetting, entro il 2022.

Società Aeroporti di Roma (ADR)

Dal 2011, l’anno della prima certificazione “Airport Carbon Accreditation (ACA)”, la società che gestisce gli Aeroporti di Roma (ADR) ha migliorato costantemente le sue emissioni di carbonio.

Gli scali romani di Ciampino e Fiumicino hanno ottenuto l’Airport Carbon Accreditation 4+ “Transition”: si tratta del livello massimo di certificazione introdotto dal Consiglio Internazionale degli Aeroporti d’Europa (ACI Europe) a fine 2020. Gli aeroporti romani sono stati i primi in Europa e terzi al mondo a raggiungere questo risultato.

L’attenzione verso l’ambiente ha permesso di ottenere un miglioramento delle performance in tutte le matrici ambientali: la raccolta differenziata dei rifiuti, la produzione di energia, il risparmio e il riuso dell’acqua.

Nel novembre 2020 ADR ha aderito al progetto ALIGHT, insieme ad altri grandi aeroporti europei, che ha l’obiettivo strategico della costruzione dell'aeroporto sostenibile del futuro: testare soluzioni praticabili, intervenire nella riduzione delle emissioni dirette tramite l’utilizzo di energie rinnovabili e smart energy, introdurre i SAF nella logistica del carburante aeroportuale entro il 2024.

Future prospettive di cooperazione tra Cina e Italia

Nonostante l’aviazione civile cinese e quella italiana stiano attraversando fasi di sviluppo diverse e si ritrovino ad affrontare anche differenti sfide in materia di risparmio energetico e riduzione delle emissioni, entrambi i Paesi stanno puntando sull’innovazione tecnologica nel percorso verso la neutralità carbonica, e stanno sfruttando il meccanismo del mercato del carbonio per assicurarsi che il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni siano efficaci in termini di costi.

Innovazione tecnologica

La collaborazione nel campo della ricerca e dell’innovazione tra Cina e Italia potrà contribuire a migliorare le tecnologie dell’aviazione civile già esistenti e far progredire significativamente le tecnologie più all’avanguardia. Si stanno implementando misure per promuovere la cooperazione tecnologica tra le aziende dei due Paesi nei seguenti settori: innovazione tecnologica degli aeromobili, digitalizzazione dell’aviazione civile, e sviluppo e produzione di SAF e tecnologie energetiche a base di idrogeno.

Meccanismo di mercato

I due Paesi potranno trovare soluzioni adatte a promuovere l’allineamento dell’UE ETS con il mercato del carbonio cinese, gettando così le basi legali e istituzionali per la riduzione delle emissioni nel settore dell’aviazione civile. Mentre l’Italia ha aderito all’UE ETS, ormai già maturo, il mercato del carbonio cinese sta ancora muovendo i suoi primi passi: un allineamento dei due mercati richiederà una certa compatibilità e uniformità in termini di impegno per la riduzione delle emissioni, meccanismo dei prezzi, riconoscimento dei progetti di compensazione a livello internazionale e meccanismi sanzionatori.

Fonte: Analisi del percorso verso la riduzione delle emissioni di carbonio e prospettive future di cooperazione nel settore dell’aviazione civile tra Cina e Italia

Altre tematiche
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Secondo appuntamento della rubrica dedicata alle azioni che l'Unione Europea finanzia al di fuori dei suoi confini attraverso i bandi europei indetti dalla Direzione dei Partenariati Internazionali della Commissione Europea (DG INTPA).
Tutela del marchio in Arabia Saudita
Tutela del marchio in Arabia Saudita
L’Arabia Saudita non ha aderito agli accordi di Madrid, pertanto la registrazione del marchio in questo paese è possibile solo depositando la domanda di registrazione del marchio nazionale presso il Ministero del Commercio e degli Investimenti saudita (MCI).
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Le forniture di beni e servizi alla maggior parte delle aziende possedute dal governo sono disciplinate dalla Legge sulle gare d'appalto e sugli appalti pubblici, emanata nel 2006.
SACE Annual review 2021
SACE Annual review 2021
Il Gruppo SACE offre soluzioni di assicurazione del credito diversificate in base alle esigenze delle aziende e alla complessità dell’operazione.
Creare una presenza stabile in Arabia Saudita
Creare una presenza stabile in Arabia Saudita
Quali fattori considerare per scegliere la miglior forma societaria per insediarsi in Arabia Saudita?
Bandi UE nel mondo | Come individuare le gare d'appalto
Bandi UE nel mondo | Come individuare le gare d'appalto
Al via la nuova rubrica dedicata alle azioni che l'Unione Europea finanzia al di fuori dei suoi confini attraverso i bandi europei indetti dalla Direzione dei Partenariati Internazionali della Commissione Europea (DG INTPA).
Bonus partecipazione fiere internazionali in Italia
Bonus partecipazione fiere internazionali in Italia
Il Bonus fiere è un buono del valore massimo di 10.000 euro, erogabile in favore delle imprese aventi sede operativa in Italia, per la partecipazione alle manifestazioni fieristiche internazionali organizzate in Italia.
Brevetti+, Marchi+ e Disegni+:  46 milioni di euro di contributi
Brevetti+, Marchi+ e Disegni+: 46 milioni di euro di contributi
Diventano operativi i nuovi bandi 2022 per la concessione delle misure agevolative denominate Brevetti+, Disegni+  e Marchi+.
Germania: nuovi obblighi sugli imballaggi
Germania: nuovi obblighi sugli imballaggi
Con decorrenza primo luglio 2022 è stata introdotta in Germania una nuova normativa inerente alla gestione degli imballaggi introdotti sul territorio tedesco.
Sostegno alle imprese esportatrici con approvvigionamenti da Ucraina - Federazione Russa - Bielorussia
Sostegno alle imprese esportatrici con approvvigionamenti da Ucraina - Federazione Russa - Bielorussia
A seguito della crisi in atto in Ucraina, Simest ha presentato un secondo intervento per fronteggiare gli impatti negativi sulle imprese esportatrici derivanti dalle difficoltà o rincari degli approvvigionamenti.