Buone prassi di fabbricazione: linee guida sull’uso dei prodotti chimici nelle filiere della moda

di lettura

Camera Nazionale della moda italiana ha pubblicato le Linee guida sull’utilizzo delle sostanze chimiche nei prodotti e nei processi produttivi per aiutare le aziende a rispettare i requisiti di sostenibilità più avanzati.

Image

Camera Nazionale della Moda Italiana rinnova il suo impegno per rendere più sostenibile il Fashion formalmente iniziato con il “Manifesto della sostenibilità per la moda italiana” nel 2012.

L'universo moda è molto articolato e dinamico, caratterizzato da un’enorme varietà di articoli, con prodotti realizzati in filiere complesse i cui attori operano in contesti normativi con rilevanti differenze a seconda del paese in cui hanno sede.

I principali aspetti da tenere sotto controllo e gestire puntualmente sono:

  • le materie prime utilizzate
  • le sostanze chimiche impiegate
  • le lavorazioni eseguite
  • le filiere produttive.

Le Linee Guida sono applicabili alle diverse lavorazioni che facciano uso di sostanze chimiche all’interno delle filiere produttive degli articoli di abbigliamento, calzature, pelletteria, accessori.

Oltre a garantire la conformità ai requisiti di legge per quanto attiene alla tutela dell’ambiente e alla sicurezza dei lavoratori, le aziende devono impegnarsi a implementare policy e procedure che consentano il monitoraggio e il miglioramento continuo di salute, sicurezza e ambiente. Ciò comporta:

  • sensibilizzazione dei lavoratori
  • nomina di un referente per le tematiche di salute/sicurezza e sostenibilità
  • coinvolgimento dei responsabili di qualità, progettazione, acquisto e produzione in merito ai requisiti eco-tossicologici
  • attuazione di un piano di controllo adeguato, sia sui processi produttivi che sugli articoli, al fine di assicurare la conformità ai requisiti delle Linee Guida.

Occorre adottare un sistema di tracciabilità delle materie prime, dei semilavorati e del prodotto finito che consenta di ricostruire la “storia” del prodotto, dalla spedizione al cliente, ai processi produttivi che ha subito, ai fornitori coinvolti, alle materie prime e ai prodotti chimici utilizzati.

Gestione macchine e tecnologie

Nell’utilizzo delle macchine e delle tecnologie si deve considerare:

  • se operano a ciclo chiuso o aperto in relazione all’esposizione dell’operatore
  • se sono dotate di impianti di aspirazione localizzati (vapori, solventi o polveri)
  • a quali temperature massime operano
  • i volumi di acqua in rapporto alla merce (valore medio di litri di acqua necessari per 1 kg di merce)
  • se operano a ciclo discontinuo o continuo.

Le macchine e le attrezzature devono essere sottoposte a manutenzione programmata così come previsto nel manuale d’uso e manutenzione e inoltre, devono essere presenti procedure operative per l’utilizzo in sicurezza delle macchine e delle tecnologie.

Gestione dei prodotti non conformi

Qualora siano state rilevate una o più non conformità sul prodotto dev’essere presente un sistema di gestione che permetta di:

  • identificare e isolare i prodotti non conformi, l’origine della non conformità e le lavorazioni da cui deriva
  • adottare tutte le azioni necessarie, ivi incluso il fermo della produzione, nonché tutte le azioni correttive al fine di evitare il ripetersi della problematica
  • registrare e conservare la documentazione relativa alle non conformità, alle rilavorazioni e ai risultati per future statistiche e per una gestione finalizzata a ridurne l’incidenza.

Gestione dei prodotti chimici

L’esecuzione dei processi produttivi presuppone un sistema di monitoraggio e controllo delle sostanze chimiche all’interno di ogni singola fase di lavorazione manifatturiera. Il Chemical Management System (CMS) consente di identificare, misurare e controllare i rischi associati all’uso di sostanze chimiche nel tempo, riducendo progressivamente i pericoli e identificando preventivamente i nuovi rischi per l’ambiente, i lavoratori, o la salute dei consumatori.

Un sistema di gestione dei prodotti chimici impiegati nelle lavorazioni individua le aree di intervento per implementare le performance ambientali ed eco-tossicologiche di articoli e processi.

L’acquisto di un prodotto chimico presuppone la conoscenza e la valutazione dell’intero suo ciclo di vita all’interno dei processi produttivi aziendali (Life Cycle – LC) dall’arrivo in magazzino, allo stoccaggio, dall’utilizzo nei cicli di lavorazione, fino allo smaltimento del prodotto non consumato e dei relativi contenitori vuoti.

Fonte: Camera Nazionale della moda italiana (Buone prassi di fabbricazione: linee guida sull’uso dei prodotti chimici nelle filiere della moda)

Ti potrebbe interessare

Altre tematiche
tessile in Spagna
Settore tessile in Spagna
La Spagna è un attore importante nel settore della moda globale e ha una forte base industriale, sebbene l'attività si sia ridotta a causa della pandemia.
Guida Incoterms® 2020
Guida Incoterms® 2020
Unioncamere Lombardia ha pubblicato la Guida pratica Incoterms® 2020 disponibile sul sito di Lombardia Point.
Lettera credito Pakistan
Sri Lanka e Pakistan: restrizioni per l’apertura di lettere di credito su beni considerati non essenziali
Le banche di Sri Lanka e Pakistan scoraggiano l’importazione di beni non essenziali imponendo vincoli alle aperture delle lettere di credito.
Prodotti chimici nel fashion linee guida
Buone prassi di fabbricazione: linee guida sull’uso dei prodotti chimici nelle filiere della moda
Camera Nazionale della moda italiana ha pubblicato le Linee guida sull’utilizzo delle sostanze chimiche nei prodotti e nei processi produttivi per aiutare le aziende a rispettare i requisiti di sostenibilità più avanzati.
Finanziamenti agevolati PMI
Nuovo Fondo 394 finanziato dall’Ue – NextGenerationEU
Risorse per € 1,2 mld riservate alla transizione digitale e verde delle PMI. Fondo perduto fino al 25%. Il 28 ottobre lancio del Portale; pre-apertura dal 21ottobre per agevolare il caricamento delle domande.
Polo logistico YOOX Landriano
Inaugurato l’innovativo polo logistico di Yoox Net-A-Porter a Landriano
L’hub da 47 milioni di euro rappresenta uno degli investimenti più significativi degli ultimi 20 anni in termini logistici e operativi fatti da Yoox Net-A-Porter Group in Italia.
Fondo di garanzia PMI
Fondi EGF per attivare 5 miliardi di finanziamenti per le PMI
L’accordo tra CDP, Fondo Europeo per gli Investimenti e Mediocredito Centrale permetterà di attivare 5 miliardi di nuovi prestiti da parte del sistema bancario a sostegno di circa 30.000 imprese italiane.
CTU Code
Guida in italiano sulla sicurezza della merce nell’unità di trasporto intermodale
Grazie al recente lavoro di traduzione del Centro Internazionale Studi Containers (C.I.S.Co.) i soggetti coinvolti nel commercio e nel trasporto internazionale hanno a disposizione una nuova guida tecnica in italiano sulla sicurezza della caricazione.
I pagamenti nel commercio elettronico
I pagamenti nel commercio elettronico
Banca d’Italia ha pubblicato un documento che spiega gli schemi di funzionamento dei pagamenti digitali e offre una visione d’insieme dei potenziali rischi e delle regole applicabili.
Italian Maritime economy
Italian maritime economy 2021
Il Report annuale di Srm fornisce dati aggiornati su: porti, rotte, noli, sostenibilità e logistica.