Clausole nelle Bills of Lading che consentono il rilascio della merce senza richiedere la presentazione dell’originale a destino

di lettura

Notevole importanza va attribuita ad alcune clausole presenti nelle Bills of Lading, che, a certe condizioni, consentono il ritiro della merce a destino senza la presentazione dell’originale del documento.

Clausole nelle Bills of Lading che consentono il rilascio della merce senza richiedere la presentazione dell’originale a destino

Tali clausole sono solitamente presenti nelle indicazioni riportate in basso a destra, appena sopra la casella destinata alla firma del documento di trasporto:

Received by the Carrier, as far as ascertained by reasonable means of checking, in apparent good order and condition unless otherwise herein stated, the total number of quantity of Containers or other packages or units indicated in the box entitled "Number of Packages" for carriage from the Port of Loading (or the Place of Receipt, if mentioned below) to the Port of Discharge (or the exceptions, limitations, and liberties hereof (INCLUDING ALL THOSE TERMS AND CONDITIONS ON THE REVERSE HEREOF NUMBERED 1-25 AND THOSE TERMS AND CONDITIONS CONTAINED IN THE CARRIER'S APPLICABLE TARIFF) and the Merchant's attention is drawn in particular to teh Carrier's liberties in respect of on deck stowage (see clause 16) and the carrying vessel (see clause 19). Where the bill of lading is non-negotiable the Carrier may give delivery of the Goods to the named consignee upon reasonable proof of identity and without requiring surrender of an original bill of lading. Where the bill of lading is negotiable the Merchant is obliged to surrender one original, duly endorsed, in exchange for the Goods. The carrier accept a duty of reasonable care to check that any such document which the Merchant surrenders as a bill of lading is genuine and orginal. 
If the carrier complies with this duty, it will be entitled to deliver the Goods against what it reasonably believes to be genuine and original bill of lading, such delivery discharging the Carrier's delivery obligations. In accepting this bill of lading, any local customs or privileges to the contrary notwithstanding, the Merchant agrees to be bound by all terms and conditions stated herein whether written, printed, stamped or incorporated on teh face or reverse side hereof, as fully as if they were all signed by the Merchant. IN WITNESS WHEREOF the numbers of original Bills of Lading stated on this side have been signed and wherever one original BILL of lading has been surrendered any others shall be void.

Di seguito si riporta il wording di alcune clausole presenti su Bills of Lading che potrebbero consentire il rilascio della merce al consignee senza richiedere la presentazione dell’originale a destino:

  1.  “If  this  is  a  negotiable  (To  Order/of)  Bill  of  Lading,  one  original  Bill  of  Lading,  duly endorsed  must  be  surrendered  by  the  Merchant  to  the  Carrier  (together  with outstanding  Freight  and  charges)  in  exchange  for  Goods  or  a  Delivery  Order.  If this  is  a  non-negotiable  (straight)  Bill  of  Lading,  the  Carrier  shall  deliver  the  Goods or  issue  a  Delivery  Order  (after  payment  of  outstanding  Freight  and  charges) against  the  surrender  of  one  original  Bill  of  Lading  or  in  accordance  with  national law at the Port of Discharge or Place of Delivery whichever is applicable.”

Con tale clausola il carrier consente, in alternativa alla consegna dell’originale della Bill of Lading e quando la stessa è emessa in “straight” form, la consegna della merce “in  accordance  with  national law at the Port of Discharge or Place of Delivery whichever is applicable.”

2.    “Where the bill of lading is non-negotiable the Carrier may give delivery of the Goods to the named consignee upon reasonable proof of identity and without requiring surrender of an original bill of lading. Where the bill of lading is negotiable, the Merchant is obliged to surrender one original, duly endorsed, in exchange for the Goods.”  

Con tale clausola il carrier si impegna a consegnare la merce a destino dietro presentazione di una Bill of Lading originale solo se emessa in “negotiable” form. Se la Bill of Lading viene emessa in “straight” form, la compagnia “may give delivery of the Goods to the named consignee upon reasonable proof of identity” e senza richiedere la presentazione dell’originale del documento.

  1.  “If required  by  the Carrier one (1) original Bill of Lading must be surrendered duly endorsed in exchange for the Goods or Delivery order.”

Con tale clausola  il carrier richiede, per il rilascio della merce, la presentazione di un originale della Bill of Lading solo “If  required  by  the Carrier”. Si può pertanto presumere che, con tale clausola, il carrier si assume il diritto di consegnare la merce a destino anche senza la presentazione dell’originale del documento di trasporto, indipendentemente se emesso in “straight” o “negotiable” form.
Di seguito si riporta, invece, il wording di alcune clausole presenti su Bills of Lading che non consentono il rilascio della merce al consignee senza richiedere la presentazione dell’originale a destino indipendentemente se emesse in “negotiable” o “straight” form:

  1. The goods or containers specified below to be delivered, by the Carrier or his authorized Agent, to the Holder of this document (duly endorsed), upon  presentation of it and against payment of the freight as specified herein plus-other charges incurred, in accordance with the  provisions contained  in  this documents.”
     
  2.  “One of these Bill of Lading/Multimodal Transport Bills of Lading must be surrendered duly endorsed in exchange for the goods or delivery order.”

Quale atteggiamento in merito da parte delle banche nell’esame delle Bills of Lading presentate a corredo di crediti documentari?

Bisogna preliminarmente sottolineare che nell’ottobre del 2008, dopo aver consultato tre Commissioni (“Banking Technique and Practice”, “Commercial Law and Practice”, e “Transport and Logistics”), la ICC decise che non sarebbe stata fornita alcuna Opinion per regolare tale problematica.
Detto questo, attualmente, si registrano comportamenti delle banche in linea con le indicazioni che seguono nell’esame delle Bill of Lading presentate a corredo di crediti documentari:

  1. Il credito documentario richiede una “negotiable” (to order) Bill of Lading e il documento presentato riporta clausole con le quali si indica che la merce potrebbe essere rilasciata senza la presentazione di almeno un originale della Bill of Lading, anche se emesse in “negotiable” form:

Es. “Where the bill of lading is negotiable, surrender of an original bill of lading will generally be required before delivery is given, but the carrier has the option to deliver the goods to a person whom he reasonably believes to be entitled to take delivery of the goods without requiring surrender of an original bill of lading

Es. “If required by the Carrier, one (1) original Bill of Lading must be surrendered duly endorsed in exchange for the goods or delivery order”

In questi casi molti document checkers considerano tali clausole non accettabili in quanto viene meno una delle più importanti funzionalità della Bill of Lading, quella di consegnare la merce a destino contro presentazione del relativo originale. Per tale motivo, alcune compagnie riportano, nelle Bills of Lading da loro emesse una clausola del tipo “The Carrier will require surrender of the original bill of lading for the release of the cargo.” Con tale indicazione, la Bill of Lading potrebbe essere considerata conforme.

  1. Il credito documentario richiede una non-negotiable Bill of Lading (straight) e il documento presentato riporta clausole con le quali si indica che la merce potrebbe essere rilasciata senza la presentazione di almeno un originale della Bill of Lading se emesso in “straight” form:

Es. “Where the bill of lading is non-negotiable the Carrier may give delivery of the Goods to the named consignee upon reasonable proof of identity and without requiring surrender of an original bill of lading.” 
Es. “If this  is  a  non-negotiable  (straight)  Bill  of  Lading,  the  Carrier  shall  deliver  the  Goods or  issue  a  Delivery  Order  (after  payment  of  outstanding  Freight  and  charges) against  the  surrender  of  one  original  Bill  of  Lading  or  in  accordance  with  national law at the Port of Discharge or Place of Delivery whichever is applicable.”

In tali casi, molti document checkers considerano tali clausole del tutto accettabili. Rimane, ovviamente, accettabile un documento di trasporto richiesto ed emesso in “negotiable” form, qualora il documento presentato riporti clausole con le quali si indica che la merce potrebbe essere rilasciata senza la presentazione di almeno un originale della Bill of Lading se emesso in “straight” form.

Conclusioni

In definitiva si rileva che, pur in presenza di clausole nelle Bills of Lading che consentono il rilascio della merce senza richiedere la presentazione dell’originale a destino, il documento di trasporto viene solitamente ritenuto conforme nell’ambito di una presentazione a corredo di un credito documentario qualora il credito richieda una “straight” Bill of Lading.  

In presenza, invece, di tali clausole nelle Bills of Lading con contestuale richiesta nel credito di una “negotiable” Bill of Lading, il documento solitamente non viene considerato conforme, nella misura in cui tali clausole consentono il rilascio della merce a destino senza presentare il documento originale anche se emesso in “negotiable” form. Come abbiamo già segnalato, rimane ovviamente accettabile un documento di trasporto richiesto ed emesso in “negotiable” form qualora il documento presentato riporti clausole con le quali si indica che la merce potrebbe essere rilasciata senza la presentazione di almeno un originale della Bill of Lading se emessa in “straight” form. 

Si fa inoltre notare ai beneficiari di crediti documentari che richiedono una “straight” Bill of Lading con presentazione del documento di trasporto con clausole che consentono il rilascio della merce senza richiedere la presentazione dell’originale a destino che, pur presentando un documento ritenuto conforme dalle banche, potrebbero perdere la tutela del controllo della merce a destino. Tale tutela verrebbe invece assicurata dalle Bill of Lading richieste ed emesse in “negotiable” form nella misura in cui tali documenti non presentino clausole che consentono il rilascio della merce senza richiedere la presentazione dell’originale a destino anche in presenza di “negotiable” Bill of Lading. In quest’ultimo caso, oltre al probabile rifiuto dei documenti da parte delle banche coinvolte nell’operazione, il destinatario potrebbe anche ritirare le merci a destino senza presentare nemmeno un originale delle Bills of Lading emesse! In tal caso, una soluzione potrebbe essere quella di richiedere al carrier o al suo agente di inserire nel documento una indicazione del tipo: “The Carrier will require surrender of the original bill of lading for the release of the cargo.”

Si segnala, infine, che le indicazioni fornite nel presente lavoro si applicano anche ai seguenti documenti: Multimodal Transport Document, Non-Negotiable Sea Waybill (questo documento può essere emesso solo in “straight” form) e Charter Party Bill of Lading.

Per ulteriori indicazioni, si rimanda alla scheda allegata (pdf)

Domenico Del Sorbo

Tag dell'informativa
Altre tematiche
Conseguenze della Brexit sui diritti di proprietà intellettuale
Conseguenze della Brexit sui diritti di proprietà intellettuale Il Consiglio europeo ha adottato una decisione che proroga al 31/01/20 il termine per l’uscita del Regno Unito dall'UE. Il parlamento britannico sta cercando da mesi un accordo per l’uscita dall’UE, ma molti punti sono ancora controversi e per questo, nell’eventualità di un’uscita senza accordo (c.
Marchi registrati e violazioni online: la competenza giurisdizionale
Marchi registrati e violazioni online: la competenza giurisdizionale Nell'articolo è presentata la sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea che ha chiarito la portata dell'art.97(5) del Regolamento sul marchio dell'Unione, consentendo ai soggetti titolari di marchi di avvalersi di due o più fori alternativi competenti a decidere per gli atti di contraffazione.
Pagamenti Internazionali: Settlment, Risk Mitigation o Financing?
Pagamenti Internazionali: Settlment, Risk Mitigation o Financing? Numerose sono le forme di pagamento attivabili in un'operazione di compravendita internazionale. Scopri nell'articolo le principali e come utilizzarle al meglio nelle attività di import export.
Le nuove regole ICCIncoterms 2020
Le nuove regole ICC Incoterms 2020 L’azione più significativa della ICC diretta a facilitare gli scambi internazionali attraverso la standardizzazione delle pratiche commerciali è stata quella di codificare nel tempo una serie di regole, prassi e modelli, ormai accettati universalmente.
Operazioni di credito e incasso documentario: Le Nuove Regole Icc per la presentazione dei documenti in formato elettronico
Operazioni di credito e incasso documentario: Le Nuove Regole Icc per documenti in formato elettronico Lo scorso 1 Luglio 2019 sono entrate in vigore due importanti pubblicazioni della CCI riguardanti le operazioni documentarie. In particolare si tratta della nuova versione delle eUCP, da oggi eUCP 2.
Novità del codice della crisi di impresa e relative procedure
Novità del codice della crisi di impresa e relative procedure Il nuovo Codice della Crisi di Impresa (Decreto Legislativo n. 14 del 12 gennaio 2019) fornisce una nuova definizione di “crisi descrivendola quale “lo stato di difficoltà economico-finanziaria che rende probabile l’insolvenza del debitore, e che per le imprese si manifesta come inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate”.
Servizi di intermediazione online e mercato digitale: nuove sfide per l’Europa
Servizi di intermediazione online e mercato digitale: nuove sfide per l’Europa Nell’ambito della strategia per il mercato unico digitale è stato raggiunto un accordo politico fra le istituzioni europee in merito all’adozione di un nuovo regolamento UE che si prefigge quale obiettivo quello di assicurare  equità, trasparenza e prevedibilità nelle pratiche commerciali utilizzate dalle piattaforme di intermediazione online e dai motori di ricerca generici nei confronti delle imprese e degli operatori commerciali che ne fruiscono.
Guida Pratica: Il trasporto internazionale
Guida Pratica: Il trasporto internazionale Quando un’impresa decide di commercializzare i suoi prodotti all’estero, non può assolutamente esimersi da un’attenta gestione del trasporto e dei rapporti giuridici con i soggetti coinvolti i quali giocano un ruolo importantissimo anche in relazione ad eventuali problematiche doganali.
Conai: la dichiarazione ed il versamento per gli importatori
Conai: la dichiarazione ed il versamento per gli importatori CONAI è il Consorzio Nazionale Imballaggi e si occupa di recuperare, riciclare e/o smaltire i rifiuti derivanti da materiali da imballaggio in Italia.
La nuova normativa europea sul trattamento dei dati personali
La nuova normativa europea sul trattamento dei dati personali Il nuovo Regolamento Privacy sarà applicabile su tutto il territorio dell’Unione europea a partire dal 25 maggio 2018 ed abrogherà la quasi totalità della legge italiana attualmente vigente (Codice Privacy).