Conseguenze della Brexit sui diritti di proprietà intellettuale

di lettura

Il Consiglio europeo ha adottato una decisione che proroga al 31/01/20 il termine per l’uscita del Regno Unito dall'UE. Il parlamento britannico sta cercando da mesi un accordo per l’uscita dall’UE, ma molti punti sono ancora controversi e per questo, nell’eventualità di un’uscita senza accordo (c.d. No Deal), il governo britannico ha rilasciato comunicati contenenti indicazioni su cosa i titolari di diritti di proprietà intellettuale dovranno aspettarsi.

Image

Ad oggi, la maggior parte delle norme sui diritti di proprietà intellettuale sono armonizzate in tutti gli stati membri dell’UE e alcuni diritti di proprietà intellettuale molto diffusi, primo fra tutti il Marchio dell’Unione europea, hanno validità unitaria in tutti i 28 paesi membri dell’Unione: ciò significa che con un unico marchio o design si ottiene una tutela estesa a tutti gli stati membri. L’intenzione è quella di attuare, dove più possibile, dei meccanismi per garantire una continuità di tutela nel Regno Unito per la maggioranza dei diritti di proprietà intellettuale validi in tutta l’UE.

Brevetti per invenzione industriale

L’eventuale uscita dall’Unione senza accordo non provocherà modifiche importanti della tutela. I brevetti europei sono regolati dalla Convenzione del brevetto europeo, che non è un trattato dell’UE, e pertanto non ci saranno effetti su tale brevetto.

Marchi e design UE

Ai marchi UE e ai design comunitari sarà garantita automaticamente la continuità di tutela nel Regno Unito se già registrati alla data della Brexit.

In caso di una no-deal Brexit, tutti i marchi UE registrati e i design comunitari registrati continueranno a essere protetti e difendibili nel Regno Unito come segue:

  • ai marchi e i design UE già concessi alla data dell’uscita del Regno Unito dall’UE sarà garantita automaticamente la continuità di tutela nel Regno Unito attraverso un nuovo diritto nazionale equivalente del Regno Unito. I titolari di diritti comunitari  saranno avvisati del rilascio di un nuovo titolo del Regno Unito e, chiunque  avrà la possibilità di rinunciarvi; 
  •  i titolari di domande ancora pendenti al momento dell’uscita del Regno Unito dall’UE avranno 9 mesi di tempo per presentare una nuova domanda nazionale UK, mantenendo la data della domanda dell’UE ai fini della priorità.  

Diritti d’autore

Il Regno Unito continuerà, anche dopo la Brexit, ad essere membro dei principali accordi internazionali sul diritto d’autore e pertanto la relativa tutela non subirà cambiamenti sostanziali.

Indicazioni geografiche

I prodotti agroalimentari sono tutelati in UE attraverso il sistema delle Indicazioni Geografiche che detta regole precise per la loro salvaguardia, prevedendo l'istituzione di appositi regimi normativi di qualità, a tutela della buona fede dei consumatori e con lo scopo di dotare i produttori di strumenti concreti per identificare e promuovere meglio prodotti aventi caratteristiche specifiche, nonché proteggerli da pratiche sleali. Al momento, non sembra prevista una continuità automatica di tutela per le indicazioni geografiche: a ciò conseguirebbe che, per ottenere tutela in UK, sarà necessario richiedere una nuova registrazione secondo un nuovo sistema di tutela nazionale per le indicazioni geografiche, ad oggi non esistente. 

Privative comunitarie per novità vegetali

A livello UE è stata introdotta una normativa che garantisce la protezione delle nuove varietà vegetali mediante una apposita domanda di privativa che riconosce le peculiari caratteristiche del mondo agricolo e dei suoi complessi meccanismi.
Anche alle privative comunitarie per novità vegetali sarà garantita automaticamente una continuità di tutela in UK se già concesse alla data della Brexit senza alcun adempimento da parte del titolare.
Nel caso, invece, di domande ancora pendenti, i titolari potranno presentare una nuova domanda di tutela nazionale, mantenendo la stessa data della domanda UE.

Avv. Elena Cristofori Rapisardi

Tag dell'informativa

Altre tematiche
Conftrasporto: il futuro dei trasporti e della logistica
Conftrasporto: il futuro dei trasporti e della logistica
Secondo i dati presentati a Roma al Convegno di Conftrasporto-Confcommercio, valichi alpini e porti sono le principali vie di accesso del nostro Paese al commercio internazionale.
Il rilancio del Porto di Ravenna
Il rilancio del Porto di Ravenna
Il porto di Ravenna è il solo porto commerciale dell’Emilia Romagna e movimenta ogni anno oltre 27 milioni di tonnellate.
Emirati Arabi Uniti: introdotta l’imposizione fiscale delle società
Emirati Arabi Uniti: introdotta l’imposizione fiscale delle società
E’ stata emanata la nuova legge sull’imposta delle società (Legge Federale n. 47 del 2022). Le disposizioni della c.d. CT Law si applicheranno ai periodi di imposta che iniziano il 1° giugno 2023.
Guida: La libera circolazione dei servizi nell’UE
Guida: La libera circolazione dei servizi nell’UE
Tra le quattro libertà di circolazione sulle quali si fonda il mercato interno dell’Unione europea, quella relativa ai servizi è di importanza fondamentale per imprese, lavoratori autonomi e professionisti.
10 interventi chiave per l’efficienza energetica
10 interventi chiave per l’efficienza energetica
Uno studio indipendente suggerisce 10 interventi che aiutano il mondo produttivo a migliorare da subito l’efficienza energetica.
Porto di Genova e Savona: dati 2021 e prospettive di sviluppo
Porto di Genova e Savona: dati 2021 e prospettive di sviluppo
Genova è da tempo il porto marittimo di riferimento per le imprese manifatturiere della Lombardia. L’area di attrazione dell’hub ligure si sta allargando anche al Veneto e all’Emilia Romagna.
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Secondo appuntamento della rubrica dedicata alle azioni che l'Unione Europea finanzia al di fuori dei suoi confini attraverso i bandi europei indetti dalla Direzione dei Partenariati Internazionali della Commissione Europea (DG INTPA).
Tutela del marchio in Arabia Saudita
Tutela del marchio in Arabia Saudita
L’Arabia Saudita non ha aderito agli accordi di Madrid, pertanto la registrazione del marchio in questo paese è possibile solo depositando la domanda di registrazione del marchio nazionale presso il Ministero del Commercio e degli Investimenti saudita (MCI).
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Le forniture di beni e servizi alla maggior parte delle aziende possedute dal governo sono disciplinate dalla Legge sulle gare d'appalto e sugli appalti pubblici, emanata nel 2006.
SACE Annual review 2021
SACE Annual review 2021
Il Gruppo SACE offre soluzioni di assicurazione del credito diversificate in base alle esigenze delle aziende e alla complessità dell’operazione.