Crediti Documentari: come preparare il “beneficiary’s certificate”

di lettura

Il beneficiario di un credito documentario deve, al fine di ottenere le previste prestazioni dalla banca, preparare i documenti richiesti dal credito rispettando - gerarchicamente – le condizioni del credito, le disposizioni previste dalle UCP 600 ICC e dalla prassi bancaria internazionale uniforme parzialmente codificata nella pubblicazione ISBP 745 ICC. Vediamo in questo articolo come preparare il beneficiary’s  certificate.

L’art. 2 UCP 600 ICC indica, infatti, che "Presentazione Conforme", in inglese "Complying Presentation", significa una presentazione conforme ai termini e alle condizioni del credito, alle disposizioni applicabili delle presenti norme e alla prassi bancaria internazionale uniforme. 
Analizziamo di seguito come preparare il "beneficiary’s  certificate" nel rispetto delle condizioni del credito e delle disposizioni sopra citate.

Cosa si intende per beneficiary’s certificate

Il beneficiary’s certificate è un documento emesso dal beneficiario di un credito che deve certificare quanto richiesto dal credito.

Il beneficiary’s certificate: l'art.14 UCP 600 ICC

Le UCP 600 ICC non riportano indicazioni specifiche su come produrre il "beneficiary’s certificate". Il documento va pertanto preparato nel rispetto delle disposizioni dell’art. 14 UCP 600 ICC che riporta i "Criteri generali per l’esame dei documenti".

  • L’art. 14, al punto d) segnala che "Data in a document, when read in context with the credit, the document itself and international standard banking practice, need not be identical to, but must not conflict with, data in that document, any other stipulated document or the credit."

    Pertanto, il documento in esame, sarà emesso dal beneficiario che vi riporterà un contenuto in linea con la funzione del documento richiesto. Inoltre i dati indicati possono non essere identici a quanto specificato nel credito o negli altri documenti richiesti, ma non devono essere in conflitto con essi.
     
  • Al punto e), l’art. 14  riporta quanto segue: "In documents other than the commercial invoice, the description of the goods, services or performance, if stated, may be in general terms not conflicting with their description in the credit.".

    Alla luce di ciò, dunque, si può affermare che la descrizione della merce, eventualmente riportata nel documento in esame, può non essere identica a quella del credito, a patto che non sia incompatibile con essa.
     
  • Al punto j) viene inoltre precisato che non è necessaria l’esatta corrispondenza degli indirizzi del beneficiario o dell’ordinante tra i documenti presentati a ciò che è riportato nel credito documentario, ma devono indicare lo stesso Paese che appare nei rispettivi indirizzi presenti nel credito.
    Tutti gli elementi di contatto (telefono, telefax ecc.), quando fanno parte dell’indirizzo del beneficiario o dell’ordinante, non saranno presi in considerazione. 
     
  • L’art. 14 al punto k), infine, segnala che il caricatore o mittente delle merci indicato su un qualunque documento può non essere il beneficiario del credito e ciò, evidentemente, vale anche per il beneficiary’s certificate.
     
  • Si ricorda, infine, che, sempre l’art. 14, al punto i riporta che "A document may be dated prior to the issuance date of the credit, but must not be dated later than its date of presentation." Pertanto, anche il beneficiary’s certificate può essere eventualmente datato prima della data di emissione del credito.

Il beneficiary’s  certificate: il punto di vista delle ISBP 745 ICC

Di seguito si riportano ulteriori indicazioni in merito alla corretta impostazione del beneficiary certificate in riferimento a quanto indicato nel paragrafo A39 "Title of documents and combined documents" e P1-P4 "Beneficiary’s Certificate" della pubblicazione ISBP 745 ICC:

  • un documento può essere denominato come da richiesta del credito, con indicazione similare o non essere affatto denominato a patto che il contenuto del documento rispetti la funzione del documento richiesto. Pertanto, la richiesta di un  Beneficiary’s Certificate  sarà soddisfatta presentando un documento contenente le indicazioni richieste dal credito denominato Beneficiary’s Certificate o indicazioni similari o senza alcuna denominazione.
     
  • Se un credito richiede la presentazione di un beneficiary’s  certificate, la richiesta sarà soddisfatta presentando un documento firmato denominato come da credito o con indicazioni similari o non denominato affatto che "fulfils its function by containing the data and certification required by the credit.". Tali dati (che non devono essere in conflitto col credito o in altri documenti richiesti) o tale certificazione non devono necessariamente essere identiche a quanto richiesto dal credito, ma devono chiaramente indicare che quanto richiesto dal credito è stato rispettato.
     
  • Un beneficiary’s certificate deve essere firmato dal o "for or on behalf of", beneficiario e non è necessario che riporti la descrizione della merce o altri riferimenti al credito o ad altri documenti richiesti dal credito.

Conclusioni

In conclusione appare opportuno sottolineare che i documenti da presentare in utilizzo di un credito debbano essere preparati nel rispetto delle condizioni del credito, delle disposizioni previste dalle UCP 600 ICC e della prassi bancaria internazionale uniforme, seguendo la relativa gerarchia.  La preparazione del beneficiary’s certificate richiede, come per tutti i documenti, puntuale attenzione degli operatori.
 

Domenico Del Sorbo

Trade & Export Finance Specialist

Altre tematiche
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia,  Slovenia
Coronavirus e trasporti internazionali: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia, Slovenia
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Progettare un piano di export significa innanzitutto mappare lo “stato dell’arte” del singolo mercato di sbocco e valutarne le potenzialità, non soltanto sotto il profilo della domanda finale ma anche e, talora, soprattutto della domanda intermedia ovvero dei buyer e delle strutture distributive in essere.
Aggregarsi per l'export
Aggregarsi per l'export
Il panorama industriale italiano gode di un numero altissimo (circa 3 milioni) di piccole o addirittura micro aziende (rispettivamente con meno di 50 o 10 dipendenti). La media non raggiunge i 4 dipendenti per azienda, quando in Germania, ad esempio, è circa il triplo.
Il piano di business internazionale in 6 passi
Il piano di business internazionale in 6 passi
L’elaborazione di un piano marketing per l’estero serve a formalizzare un approccio pianificato che permetta di ridurre tempi, costi e rischi del processo di internazionalizzazione, evitando di procedere per tentativi o in base ad una valutazione superficiale dei mercati esteri e dei punti di forza e di debolezza dell’impresa.
L’importanza di tutelare la proprietà intellettuale
L’importanza di tutelare la proprietà intellettuale
Con il termine proprietà intellettuale (PI) si indica un sistema di tutela giuridica dei beni immateriali frutto dell’attività creativa e inventiva dell’uomo, come le opere artistiche e letterarie, le invenzioni industriali e i modelli di utilità, il design e i marchi.
Proprietà intellettuale e sorveglianza doganale
Proprietà intellettuale e sorveglianza doganale
La piaga economico-sociale della contraffazione preoccupa e occupa ogni giorno moltitudini di imprese in tutto il mondo.
Trasporto internazionale su strada e lettera di vettura CMR
Trasporto internazionale su strada e lettera di vettura CMR
La Convenzione di Ginevra del 1956, conosciuta come Convenzione CMR, disciplina i trasporti stradali internazionali di merce. Ne restano pertanto esclusi i trasporti in conto proprio, quelli realizzati dall’esportatore con veicoli propri e i trasporti nazionali che sono regolati da principi dell’ordinamento interno.