La gestione delle controversie e dei crediti transfrontalieri in Europa

di lettura

La Commissione Europea organizza un seminario dedicato alle Pmi che svolgono attività transfrontaliera. Appuntamento giovedì 20 Febbraio a Milano presso l'Hotel Melià (Via Tommaso Masaccio, 19).

La gestione delle controversie e dei crediti transfrontalieri in Europa

Il seminario gratuito fa parte di una serie di eventi nazionali il cui scopo è quello di aiutare le PMI a conoscere meglio le misure che hanno a disposizione per gestire con successo i crediti e per recuperare velocemente i pagamenti transfrontalieri.

Termine ultimo per l'iscrizione: giovedì 13 febbraio.

Manuale sulla gestione delle controversie e dei crediti transfrontalieri

Uno degli ostacoli più rilevanti per molte imprese è l’incertezza in merito alla liquidazione tempestiva degli importi fatturati da parte di un cliente residente in un altro Paese dell’UE o, ancora, i dubbi in merito ai procedimenti da attuare in caso di ritardo di pagamento o morosità. Per questo, la Commissione Europea ha anche realizzato un manuale per aiutare le PMI nella gestione delle controversie transfrontaliere, che descrive:

  • le misure che un imprenditore può adottare sin dall’inizio, dalla preparazione di un preventivo, e fino all’avvio di un procedimento europeo al fine di prevenire ed evitare un debito a rischio
  • le misure a disposizione di un imprenditore nel caso in cui la possibilità di un debito a rischio si concretizzi.

Tutti gli aspetti di una gestione corretta delle controversie transfrontaliere viene illustrata prendendo come esempio una micro-impresa fittizia gestita da due giovani imprenditori, i quali hanno recentemente istituito una società in comproprietà assumendo altri cinque dipendenti. I due imprenditori gestiscono un’attività di vendita per corrispondenza, nonché un business online incentrato sull’abbigliamento giovanile uomo/donna e sul mobilio in pino per bambini.

Per il futuro, i due imprenditori intendono rispondere alle offerte d’appalto sia nel loro Paese che in altri Stati Membri dell’UE. Questi giovani imprenditori intendono quindi definire Termini e Condizioni commerciali generali, termini di pagamento, sistemi di monitoraggio di fatturazione e pagamenti atti a prevenire ed evitare efficacemente situazioni di debito a rischio.

Oltre a quanto già indicato, è di importanza basilare conoscere quale legge è applicabile al contratto e quale tribunale sarà ritenuto competente in caso di dispute fra le parti coinvolte.

Per assicurarsi che il ricorso sia intentato esclusivamente presso tribunali nazionali «interni», in accordo (qualora così convenuto) alla scelta della legge applicabile, e che il ricorso stesso sia disciplinato esclusivamente dalla «propria» legge nazionale, si consiglia di inserire una clausola attributiva di competenza pertinente nella sezione Termini e Condizioni commerciali generali. I Termini e le Condizioni commerciali generali devono essere inclusi non solo nel contratto effettivo, ma anche nei documenti precedenti la stipula del contratto stesso e relativi a preventivi, proposte, ordini, commesse e così via.

È necessario prestare particolare attenzione a stabilire disposizioni in merito a risarcimento danni, danni per un importo forfettario e così via, ivi compresa l’eventualità di ritardi di pagamento da parte del debitore (acquirente). Di primaria importanza in questo caso, tenendo conto dei valori soglia massimi consentiti o delle somme massime ammesse ai sensi del sistema giuridico applicabile, è disciplinare quanto segue:

  • spese di sollecito in caso di ritardo di pagamento
  • interessi di mora
  • maggiorazioni per pagamento tardivo
  • importi forfettari per risarcimento danni
  • penali contrattuali in caso di ritardo di pagamento o morosità, compresi casi di
  • mancata accettazione o recesso dal contratto.

Oltre a un mero accordo in merito alla riserva di proprietà, il contratto deve anche definire le condizioni all’occorrere delle quali il venditore è autorizzato a esigere la rinuncia dell’oggetto di acquisto da parte dell’acquirente, le possibili conseguenze legali a ciò correlate, le eventuali obbligazioni dell’acquirente a tale proposito e il responsabile della corresponsione delle spese di reso.

Più queste procedure sono regolamentate nel dettaglio, maggiore è l’efficacia dell’applicazione della riserva di proprietà come strumento di gestione delle controversie.

Nell’ultima parte la guida offre consigli utili sulla fatturazione, sulla gestione dei resi, sull’invio dei solleciti e sulle varie opzioni di recupero crediti (riscossione in via stragiudiziale, cessione del credito, ricorso a un legale).

Fonte: Commissione Europea

 

Tag dell'informativa

Altre tematiche
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Anche se il momento più critico dell’emergenza Covid-19 sembra superato, restrizioni e protocolli restano in vigore e le imprese devono osservarli scrupolosamente.
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Le imprese possono ottenere i finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione offerti da SIMEST a fondo perduto fino al 40%.
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Fase 2, Fase 3... lentamente si riparte. Per andare dove? Il mondo ai tempi del corona virus è cambiato. E di conseguenza i mercati, non solo dalla prospettiva geografica, ma soprattutto per quanto riguarda le modalità di delivery dei prodotti - servizi e le tipologie di clientela.
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
Cassa Depositi e Prestiti ha approvato la sottoscrizione di ulteriori quote nel fondo di investimento “FOF Private Equity Italia” gestito da Fondo Italiano d’Investimento Sgr.
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
In questa fase di incertezza rilevante sugli andamenti economici dei nostri paesi target colpiti dal virus, si impongono alcune riflessioni sull’opportunità di riconfigurare o riorientare le esportazioni.  
L’economia digitale
L’economia digitale
Pubblichiamo una sintesi della newsletter “Focus on” realizzata da Banca d’Italia che offre interessanti riflessioni sull’economia digitale. 
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Covid-19 e trasporti: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Nell'articolo verranno analizzati i seguenti Paesi: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera.
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Coronavirus e trasporti: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Analizziamo la situazione in alcuni Paesi di interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. 
Coronavirus e trasporti: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia,  Slovenia
Coronavirus e trasporti: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia, Slovenia
Ministero Affari Esteri ed ANITA hanno pubblicato aggiornamenti sulla situazione trasporti in: Albania, Bosnia, Bulgaria, Croazia, Moldavia, Romania, Macedonia, Serbia e Slovenia.