La gestione delle controversie e dei crediti transfrontalieri in Europa

di lettura

La Commissione Europea organizza un seminario dedicato alle Pmi che svolgono attività transfrontaliera. Appuntamento giovedì 20 Febbraio a Milano presso l'Hotel Melià (Via Tommaso Masaccio, 19).

La gestione delle controversie e dei crediti transfrontalieri in Europa

Il seminario gratuito fa parte di una serie di eventi nazionali il cui scopo è quello di aiutare le PMI a conoscere meglio le misure che hanno a disposizione per gestire con successo i crediti e per recuperare velocemente i pagamenti transfrontalieri.

Termine ultimo per l'iscrizione: giovedì 13 febbraio.

Manuale sulla gestione delle controversie e dei crediti transfrontalieri

Uno degli ostacoli più rilevanti per molte imprese è l’incertezza in merito alla liquidazione tempestiva degli importi fatturati da parte di un cliente residente in un altro Paese dell’UE o, ancora, i dubbi in merito ai procedimenti da attuare in caso di ritardo di pagamento o morosità. Per questo, la Commissione Europea ha anche realizzato un manuale per aiutare le PMI nella gestione delle controversie transfrontaliere, che descrive:

  • le misure che un imprenditore può adottare sin dall’inizio, dalla preparazione di un preventivo, e fino all’avvio di un procedimento europeo al fine di prevenire ed evitare un debito a rischio
  • le misure a disposizione di un imprenditore nel caso in cui la possibilità di un debito a rischio si concretizzi.

Tutti gli aspetti di una gestione corretta delle controversie transfrontaliere viene illustrata prendendo come esempio una micro-impresa fittizia gestita da due giovani imprenditori, i quali hanno recentemente istituito una società in comproprietà assumendo altri cinque dipendenti. I due imprenditori gestiscono un’attività di vendita per corrispondenza, nonché un business online incentrato sull’abbigliamento giovanile uomo/donna e sul mobilio in pino per bambini.

Per il futuro, i due imprenditori intendono rispondere alle offerte d’appalto sia nel loro Paese che in altri Stati Membri dell’UE. Questi giovani imprenditori intendono quindi definire Termini e Condizioni commerciali generali, termini di pagamento, sistemi di monitoraggio di fatturazione e pagamenti atti a prevenire ed evitare efficacemente situazioni di debito a rischio.

Oltre a quanto già indicato, è di importanza basilare conoscere quale legge è applicabile al contratto e quale tribunale sarà ritenuto competente in caso di dispute fra le parti coinvolte.

Per assicurarsi che il ricorso sia intentato esclusivamente presso tribunali nazionali «interni», in accordo (qualora così convenuto) alla scelta della legge applicabile, e che il ricorso stesso sia disciplinato esclusivamente dalla «propria» legge nazionale, si consiglia di inserire una clausola attributiva di competenza pertinente nella sezione Termini e Condizioni commerciali generali. I Termini e le Condizioni commerciali generali devono essere inclusi non solo nel contratto effettivo, ma anche nei documenti precedenti la stipula del contratto stesso e relativi a preventivi, proposte, ordini, commesse e così via.

È necessario prestare particolare attenzione a stabilire disposizioni in merito a risarcimento danni, danni per un importo forfettario e così via, ivi compresa l’eventualità di ritardi di pagamento da parte del debitore (acquirente). Di primaria importanza in questo caso, tenendo conto dei valori soglia massimi consentiti o delle somme massime ammesse ai sensi del sistema giuridico applicabile, è disciplinare quanto segue:

  • spese di sollecito in caso di ritardo di pagamento
  • interessi di mora
  • maggiorazioni per pagamento tardivo
  • importi forfettari per risarcimento danni
  • penali contrattuali in caso di ritardo di pagamento o morosità, compresi casi di
  • mancata accettazione o recesso dal contratto.

Oltre a un mero accordo in merito alla riserva di proprietà, il contratto deve anche definire le condizioni all’occorrere delle quali il venditore è autorizzato a esigere la rinuncia dell’oggetto di acquisto da parte dell’acquirente, le possibili conseguenze legali a ciò correlate, le eventuali obbligazioni dell’acquirente a tale proposito e il responsabile della corresponsione delle spese di reso.

Più queste procedure sono regolamentate nel dettaglio, maggiore è l’efficacia dell’applicazione della riserva di proprietà come strumento di gestione delle controversie.

Nell’ultima parte la guida offre consigli utili sulla fatturazione, sulla gestione dei resi, sull’invio dei solleciti e sulle varie opzioni di recupero crediti (riscossione in via stragiudiziale, cessione del credito, ricorso a un legale).

Fonte: Commissione Europea

 

Tag dell'informativa
Altre tematiche
Franchising internazionale: quando scegliere l’area development
Franchising internazionale: quando scegliere l’area development
La formula franchising per l’estero presenta tre principali declinazioni: il master franchising, modello strategico in cui la casa-madre concede la licenza in esclusiva ad un partner per un Paese o macro-area con l’impegno di sviluppare ...
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia,  Slovenia
Coronavirus e trasporti internazionali: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia, Slovenia
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Progettare un piano di export significa innanzitutto mappare lo “stato dell’arte” del singolo mercato di sbocco e valutarne le potenzialità, non soltanto sotto il profilo della domanda finale ma anche e, talora, soprattutto della domanda intermedia ovvero dei buyer e delle strutture distributive in essere.
Aggregarsi per l'export
Aggregarsi per l'export
Il panorama industriale italiano gode di un numero altissimo (circa 3 milioni) di piccole o addirittura micro aziende (rispettivamente con meno di 50 o 10 dipendenti). La media non raggiunge i 4 dipendenti per azienda, quando in Germania, ad esempio, è circa il triplo.
Il piano di business internazionale in 6 passi
Il piano di business internazionale in 6 passi
L’elaborazione di un piano marketing per l’estero serve a formalizzare un approccio pianificato che permetta di ridurre tempi, costi e rischi del processo di internazionalizzazione, evitando di procedere per tentativi o in base ad una valutazione superficiale dei mercati esteri e dei punti di forza e di debolezza dell’impresa.
L’importanza di tutelare la proprietà intellettuale
L’importanza di tutelare la proprietà intellettuale
Con il termine proprietà intellettuale (PI) si indica un sistema di tutela giuridica dei beni immateriali frutto dell’attività creativa e inventiva dell’uomo, come le opere artistiche e letterarie, le invenzioni industriali e i modelli di utilità, il design e i marchi.
Proprietà intellettuale e sorveglianza doganale
Proprietà intellettuale e sorveglianza doganale
La piaga economico-sociale della contraffazione preoccupa e occupa ogni giorno moltitudini di imprese in tutto il mondo.