Il trasporto di merci dopo la Brexit

di lettura

Per effetto della Brexit e del Covid 19 i costi di trasporto verso la Gran Bretagna sono quadruplicati (fonte Transporeon).

Il trasporto di merci dopo la Brexit

Il costo dello spostamento delle merci dall’Italia al Regno Unito è aumentato fino a quattro volte rispetto ai costi usualmente praticati da vettori e spedizionieri negli ultimi quindici giorni. Tale effetto è dovuto alla Brexit e alla nuova variante del Covid 19 particolarmente aggressiva nel paese d’oltre manica.

Le nuove procedure doganali imposte dalla piena applicazione della Brexit, in vigore dal 1° gennaio 2021, stanno portando a un aumento significativo del costo del trasporto stradale da e per la Gran Bretagna.

La tariffa, infatti per un carico completo (FTL – Full truck Loaded) che oscillava tra 1,5 e 3 euro al chilometro per  un viaggio spot, di fatto è già raddoppiato, considerando la tariffa di 3 Euro, e quadruplicato considerando 1,5 Euro. Si segnalano anche casi isolati di costo che raggiungono 10 euro al chilometro. Tale aumento è dovuto a vari fattori.

  • I tempi di attesa dei mezzi per il disbrigo delle pratiche doganali in entrata e in uscita da UK, elemento particolarmente gravoso per alcuni settori come l’agroalimentare italiano.
  • La carenza di autisti durante le festività natalizie è normale e di solito aumenta le tariffe spot, ma l’entità dell’aumento non può essere giustificato solo da questo elemento
  • La Francia ha chiuso il confine per contenere il nuovo ceppo Inglese del Covid-19, misure in cambiamento rapido che hanno già portato alcune aziende trasportatrici a rifiutare il carico.

Due colossi del trasporto hanno comunicato che sospenderanno le spedizioni per e da il Regno Unito e altre aziende di minori dimensioni, stanno valutando di rifiutare carichi per tale destinazione. Oltre all’aumento dei prezzi, si potrebbe pertanto configurare un problema per le vendite e l’approvvigionamento.

Consigli per gli operatori

  • Programmare gli acquisti aumentando le scorte di sicurezza in relazione al maggiore lead time di forniture in arrivo da UK
  • Inserire nei contratti di vendita clausole al fine di non incorrere in penali o contestazioni qualora la data di consegna non venisse rispettata.

I termini CPT/CIP e DAP (normalmente utilizzati per il trasporto camionistico) prevedono tutti, limitandosi all’analisi dei costi di trasporto , che l’esportatore sostenga tale onere fino al luogo indicato dopo l’acronimo.

In caso di luogo posizionato dopo la linea impositiva, ad esempio il cliente finale o un terminal già in Gran Bretagna, l’esportatore rimarrebbe esposto a maggiori costi riguardanti soste impreviste e/o presentazione tardiva della pratica doganale in entrata. Si consiglia pertanto, qualora, i termini indicati regolino il contratto di compravendita di:

  • Ottimizzare la relazione con l’importatore al fine di verificare che l’importatore abbia adempiuto a espletare tutte le formalità richieste per l’importazione
  • Predisporre la spedizione con documento doganale di transito T2. Tale documento potrà essere emesso presso la dogana di partenza o presso qualsiasi altra dogana della UE, prima dell’uscita delle merci dal confine comunitario. L’emissione del T2 permetterà di effettuare le operazioni doganali in import in Inghilterra presso qualsiasi dogana interna, evitando di effettuarle al confine, che attualmente è congestionato.
  • Non utilizzare le rese CPT/CIP e DAP a favore del  termine FCA (magazzini venditore) o FCA (Hub logistico), ad esempio per spedizioni in groupage, al fine di non incorrere in costi imprevisti che con tale resa sono obbligazione dell’acquirente.

Si ricorda infine che l’utilizzo del termine EXW (luogo di carico) è particolarmente sconsigliato per le vendite extra - Ue, come dal 1° Gennaio la Gran Bretagna,  per le note problematiche doganali e fiscali.

Marco Bertozzi

Altre tematiche
ONU e Banca Mondiale: le opportunità offerte da bandi e progetti
ONU e Banca Mondiale: le opportunità offerte da bandi e progetti
Gli ambiti di competenza delle Nazioni Unite vanno dal campo della sicurezza a quello socio-economico e dei diritti umani. 
Primo “Basket Bond di filiera”: 21 milioni per la crescita di tre imprese vitivinicole
Primo “Basket Bond di filiera”: 21 milioni per la crescita di tre imprese vitivinicole
CDP e UniCredit hanno sottoscritto la prima emissione per favorire lo sviluppo delle imprese appartenenti alle filiere strategiche dell’economia italiana.
Marchio di conformità UKCA
Marchio di conformità UKCA
Dal 1 ° gennaio 2021, il marchio UKCA  UK (Conformity Assessed = conformità valutata del Regno Unito)  inizierà a sostituire il marchio CE per le merci vendute in Gran Bretagna UK .
EPO: Patent Index 2020
EPO: Patent Index 2020
Nel 2020, l’Ufficio europeo dei brevetti (EPO) ha ricevuto 180.250 domande di brevetto (solo lo 0.7% in meno rispetto al 2019, malgrado la pandemia).
ADR 2021 - trasporto internazionale merci pericolose su strada
ADR 2021 - trasporto internazionale merci pericolose su strada
Il primo gennaio 2021 è entrato in vigore il regolamento ADR riguardante il trasporto internazionale di merci pericolose su strada, per i trasporti nazionali è prevista una proroga fino al 1° luglio 2021.
Porti di Genova e Savona punto di riferimento per le PMI del Nord Italia
Porti di Genova e Savona punto di riferimento per le PMI del Nord Italia
L’accordo Ports of Genoa - Promos Italia vuole favorire il recupero in capo all’impresa italiana di quote di logistica per trattenere e sviluppare il valore delle merci scambiate.
Sequestro conservativo europeo dei conti correnti: prime applicazioni
Sequestro conservativo europeo dei conti correnti: prime applicazioni
La procedura di ordinanza europea di sequestro conservativo su conti bancari del debitore, da dicembre 2020, può essere effettivamente richiesta anche in Italia.
Italian Maritime Economy 2020
Italian Maritime Economy 2020
Il report annuale Italian maritime economy di SRM analizza l’impatto del Covid-19 sul trasporto marittimo.
Crolla la puntualità dei vettori marittimi
Crolla la puntualità dei vettori marittimi
L’indice di puntualità delle compagni marittime, introdotto nel 2011, rileva i ritardi e le performance delle compagnie marittime.
Il trasporto di merci dopo la Brexit
Il trasporto di merci dopo la Brexit
Per effetto della Brexit e del Covid 19 i costi di trasporto verso la Gran Bretagna sono quadruplicati (fonte Transporeon).