Incasso documentario

di lettura
Con l'incasso documentario il venditore conferisce alla propria banca mandato ad incassare l'importo della fornitura dal compratore o raccoglierne l'accettazione su una tratta, contro consegna di documenti commerciali e finanziari.

Tale forma di pagamento è conosciuta anche con il nome CAD Cash Against Documents (nel sistema di pagamento C.O.D. - Cash On Delivery - i documenti viaggiano con la merce, nell'incasso documentario essi viaggiano separatamente, generalmente, tramite banca).

Nell'intento di uniformare le diverse interpretazioni nell'ambito degli scambi internazionali e di disciplinare obblighi e responsabilità delle parti interessate, la Camera di Commercio Internazionale di Parigi (CCI) ha regolamentato questa forma di pagamento con la Pubblicazione n. 522 "Norme uniformi relative agli incassi " conosciuta con il nome NUI, in vigore dal 1° gennaio 1996.

Soggetti

  • Cedente: è l'esportatore che affida l'operazione d'incasso alla propria banca
  • Banca trasmittente: è la banca alla quale il cedente-esportatore ha affidato l'operazione d'incasso
  • Banca presentatrice: è la banca incaricata dell'incasso, che effettua la presentazione dei documenti al trassato-importatore
  • Trassato: è l'importatore al quale deve essere effettuata la presentazione in conformità con l'ordine di incasso.

Modalità di regolamento

  • Documenti contro pagamento (D/P), ovvero "documents against payment": la banca presentatrice è tenuta a consegnare i documenti all'importatore contro il pagamento della somma indicata.
  • Documenti contro accettazione (D/A), ovvero "documents against acceptance": la banca presentatrice è tenuta a consegnare i documenti all'importatore contro l'accettazione di una o più cambiali tratte o firma di pagherò cambiario. Tali effetti possono essere trattenuti per il successivo incasso sino alla scadenza stabilita, oppure possono essere restituiti alla banca trasmittente, secondo le istruzioni ricevute.
  • Documenti contro garanzia bancaria: prevede, ai fini della consegna dei documenti, un duplice adempimento: accettazione di effetti a scadenza e contemporaneo rilascio di una garanzia bancaria a favore del venditore o avallo dei predetti titoli. In tal modo la banca garante si impegna al pagamento degli effetti alla scadenza in caso di inadempienza del compratore.
  • Documenti contro ricevuta o impegno chirografario: in presenza di un preesistente rapporto fiduciario fra le parti, i documenti possono essere consegnati dalla banca anche previo rilascio da parte del compratore di una semplice ricevuta o di un impegno a pagarne il prezzo; in tal caso il pagamento avverrà per iniziativa del compratore.
  • Documenti franco pagamento: i documenti sono consegnati all'importatore contro semplice attestazione di ricevuta degli stessi; si versa, evidentemente, in una situazione di fiducia o di accordi pregressi che hanno regolato diversamente il pagamento del prezzo.

Documenti

Generalmente sono oggetto di un'operazione di incasso documentario i seguenti documenti:

  • fattura
  • documento di trasporto
  • documento di assicurazione
  • eventuale tratta
  • eventuali documenti necessari al transito doganale
  • eventuali altri documenti connessi alla natura della transazione, richiesti dalle norme dei Paesi interessati ovvero contrattualmente convenuti.

Fasi dell'incasso documentario

1) Conclusione del contratto commerciale: le controparti stipulano il contratto di vendita prevedendo il pagamento a mezzo incasso documentario, e definiscono il dettaglio dell'operazione di incasso.

2) Spedizione delle merci: l'esportatore invia le merci all'importatore secondo quanto pattuito contrattualmente.

3) Invio documenti alla banca trasmittente: il venditore consegna alla propria banca la documentazione richiesta dall'operazione d'incasso, accompagnata da un documento denominato istruzioni d'incasso, che contiene il dettaglio dell'operazione e le modalità cui le banche dovranno attenersi nel dare esecuzione al mandato.

La lettera di istruzioni deve indicare chiaramente:

  • il nominativo del trassato, cioè dell'acquirente estero con il relativo indirizzo
  • la banca estera d'appoggio, cioè la banca estera cui spedire i documenti e a cui dare le istruzioni circa l'incasso e/o l'accettazione
  • il soggetto/i cui compete il pagamento delle spese e delle commissioni d'incasso
  • ulteriori istruzioni per gestire l'incasso.

4) Ricevuta la documentazione, la banca trasmittente verificherà che le istruzioni d'incasso siano pienamente applicabili e che tutti i documenti ricevuti siano ad esse conformi. La banca dell'esportatore inoltra l'ordine d'incasso alla banca dell'importatore, provvedendo all'invio dei documenti alla banca presentatrice, limitandosi all'attività di gestione della rimessa e al controllo sull'operato della banca estera.

5) La banca presentatrice consegna i documenti all'importatore, nel rispetto delle indicazioni ricevute.

6) Ricevuta la notifica, l'importatore ritira i documenti ed effettua la prestazione secondo quanto stabilito nelle istruzioni di incasso.

7) Trasferimento interbancario dei fondi: la banca presentatrice trasmette alla banca trasmittente l'importo riscosso dall'importatore all'atto della consegna dei documenti o alla scadenza degli effetti.

8) Accredito del c/c dell'esportatore: la banca trasmittente accredita i fondi ricevuti al proprio cliente.

Ruolo delle banche

Nell'incasso documentario le banche si limitano a gestire i documenti e a rispettare scrupolosamente le istruzioni di incasso che rappresentano l'unica fonte di riferimento da cui sono desunte le rispettive responsabilità.
È opportuno che le banche coinvolte siano di elevato standing e intrattengano rapporti di corrispondenza.

Le banche non entrano nel rapporto contrattuale che lega importatore ed esportatore e non rispondono del buon fine dell'operazione.

Al contrario, nel credito documentario le banche svolgono un ruolo attivo, assumendo a favore dell'esportatore un impegno di pagamento autonomo. Questa forma di pagamento presenta, quindi, diversi rischi.

Domenico Del Sorbo

Tag dell'informativa

Altre tematiche
Finanziamenti SIMEST estesi ai Paesi intra UE e aumento quota a fondo perduto
Finanziamenti SIMEST estesi ai Paesi intra UE e aumento quota a fondo perduto
Dal 6 agosto 2020 i finanziamenti per l’internazionalizzazione che SIMEST eroga, vengono ulteriormente potenziati, ampliati ed estesi anche all’interno dell’Unione Europea.
Export una guida per partire
Export una guida per partire
La Farnesina - in collaborazione con le Regioni, ICE, SACE e SIMEST – ha elaborato una guida digitale, per  far conoscere gli strumenti pubblici a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese.
Come muoversi sui mercati esteri nel post Covid-19
Come muoversi sui mercati esteri nel post Covid-19
Secondo Gita Gopinath, capo economista del FMI, l'emergenza provocata dalla pandemia causerà "una perdita complessiva per l'economia mondiale di oltre 12.000 miliardi di dollari" fra il 2020 e il 2021. 
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Anche se il momento più critico dell’emergenza Covid-19 sembra superato, restrizioni e protocolli restano in vigore e le imprese devono osservarli scrupolosamente.
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Le imprese possono ottenere i finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione offerti da SIMEST a fondo perduto fino al 40%.
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Fase 2, Fase 3... lentamente si riparte. Per andare dove? Il mondo ai tempi del corona virus è cambiato. E di conseguenza i mercati, non solo dalla prospettiva geografica, ma soprattutto per quanto riguarda le modalità di delivery dei prodotti - servizi e le tipologie di clientela.
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
Cassa Depositi e Prestiti ha approvato la sottoscrizione di ulteriori quote nel fondo di investimento “FOF Private Equity Italia” gestito da Fondo Italiano d’Investimento Sgr.
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
In questa fase di incertezza rilevante sugli andamenti economici dei nostri paesi target colpiti dal virus, si impongono alcune riflessioni sull’opportunità di riconfigurare o riorientare le esportazioni.  
L’economia digitale
L’economia digitale
Pubblichiamo una sintesi della newsletter “Focus on” realizzata da Banca d’Italia che offre interessanti riflessioni sull’economia digitale. 
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.