Incoterms 2010 e obblighi assicurativi

di lettura

All’interno degli Incoterms 2010 solo due termini di resa prevedono l’obbligo assicurativo: CIF (porto di destinazione) per quanto riguarda il trasporto via mare e CIP (luogo di destino) per quanto riguarda il trasporto. 

Incoterms 2010 e obblighi assicurativi

Gli incoterms 2010 fanno riferimenti ad un'assicurazione merci “minima”.

Lo standard preso come riferimento assicurativo è il citato clausolario  C delle Institute Cargo Clauses , la cui ultima edizione è recentissima perché datata 2009 (“complying at least with the minimum cover provided by Clauses (C) of the Institute Cargo Clauses or any similar clause”), salvo diverso accordo contrattuale.

Estensione dei danni coperti da assicurazione e rischi connessi

La prima considerazione va fatta in merito alla copertura assicurativa C,  che potrebbe risultare insufficiente alle esigenze della compravendita. Tale clausolario copre, al contrario della copertura fornita dal clausolario di tipo A, solo i rischi espressamente richiamati

Potrebbe essere quindi opportuno che le parti decidessero di ricorrere ad una maggiore copertura, come quella prevista nel clausolario A, corrispondente alla “all risks”, e/o valutassero caso per caso se assicurare anche rischi specifici come ad es. war risks, strike risks.

La seconda considerazione riguarda l’edizione della copertura assicurativa  stipulata dall’esportatore ad adempimento degli obblighi derivanti degli Incoterms comportanti tale obbligo. Come già accennato precedentemente, gli Incoterms 2010 fanno riferimento all’introduzione  a partire dal 1.01.2009 delle Institute Cargo Clauses (“ICC”), che vedono la luce ad oltre 25 anni di distanza dall’edizione del 1982.

Risulta fondamentale che l’esportatore, al fine di adempiere agli obblighi connessi con la pubblicazione 2010 dei termini di resa, verifichi che la compagnia di assicurazione abbia la possibilità di assicurare le merci come indicato nelle varie clausole a,b e c della ultima edizione del 2009.

Differenza tra ICC 1982 e 2009

È notevole il passo avanti nella copertura assicurativa fornita a favore dell’acquirente/ricevitore della merce con le Institute Cargo Clauses 2009. La nuova disciplina, che meglio rispecchia le dinamiche connesse alla vendita internazionale di merci, sarà accolta con favore dagli operatori del settore.
Le Institute Cargo Clauses 2009 (formulario A all risk, B e C) hanno apportato le seguenti modifiche al regime preesistente:

  • nuova definizione di ‘assicurato’ (clausola 15.1);
  • modifiche delle clausole di esonero dalla responsabilità dell’assicuratore in relazione (si analizzano le più significative):
     
    • all’insufficienza o inadeguatezza   dell’imballaggio (clausola 4.3);
    • all’insolvenza o alle difficoltà finanziarie del vettore (clausola 4.6);
    • all’inidoneità alla navigazione della nave, inidoneità del container o di altro mezzo di trasporto (clausola 5);
    • estensione della copertura assicurativa ‘warehouse to warehouse’ (clausola 8).

Principali cambiamenti

Insufficienza o inadeguatezza dell’imballaggio (clausola 4.3)

L’operatività della clausola di esonero dalla responsabilità da parte dell’assicuratore nel caso di insufficienza o inadeguatezza dell’imballaggio è stata limitata alle sole ipotesi in cui l’imballo sia insufficiente o inadeguato relativamente al tipo di trasporto oggetto del contratto di assicurazione ed esclusivamente nell’ipotesi in cui l’attività d’imballaggio della merce sia stata posta in essere dall’assicurato o dai suoi dipendenti. 

Tale modifica avrà due importanti conseguenze pratiche:

  • l’insufficienza dell’imballaggio della merce (in cui è ricompreso anche lo stivaggio) dovrà essere valutata sulla base di criteri fattuali rapportati allo specifico trasporto in oggetto e non sulla base di dati meramente formali. Inoltre, l’esonero da responsabilità opererà solo nel caso in cui l’assicurato o i suoi dipendenti abbiano posto in essere l’attività di imballaggio (o stivaggio).
     
  • Si potranno, quindi, considerare coperti tutti quei danni cagionati dalla negligenza di soggetti intermedi preposti allo svolgimento di tali attività e non alle dipendenze dell’assicurato (personale di bordo, terminal e società responsabili per la ‘palletizzazione’). 

Eventuale estensione della copertura assicurativa 

Il rischio a carico dell’assicuratore sorge nel momento in cui le merci vengono trasportate nel deposito in cui saranno custodite fino a quando saranno caricate sulla nave. Continua per tutta la durata del trasporto e termina 

  • all’atto del completamento delle operazioni di scarico della merce dal mezzo di trasporto al deposito finale, così come indicato dal contratto di assicurazione, o, eventualmente, in luogo diverso indicato dall’assicurato o da uno dei suoi dipendenti per la successiva distribuzione;
     
  • nel caso in cui l’assicurato o uno dei suoi dipendenti decidano di usare il mezzo di trasporto come luogo di deposito. La copertura assicurativa è stata estesa a quei danni che potrebbero risultare dalla movimentazione delle merci nel deposito. 

Altri obblighi assicurativi derivanti dagli Inconterms  (tratta assicurata e valore)

La copertura minima, a parte quanto già detto per riguardo al clausolario C e salvo diversi accordi contrattuali prevede:

  • una copertura per il 110% del valore CIF o CIP della merce
  • assicurazione della parte di trasporto a rischio dell’importatore, secondo quanto stabilito dagli Incoterms 2010
  • l’importatore dovrà essere beneficiario dell’assicurazione; tale obbligo verrà adempiuto  con la girata (endorsement) della polizza assicurativa.

Dott. Marco Bertozzi

Tag dell'informativa

Altre tematiche
Export una guida per partire
Export una guida per partire
La Farnesina - in collaborazione con le Regioni, ICE, SACE e SIMEST – ha elaborato una guida digitale, per  far conoscere gli strumenti pubblici a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese.
Come muoversi sui mercati esteri nel post Covid-19
Come muoversi sui mercati esteri nel post Covid-19
Secondo Gita Gopinath, capo economista del FMI, l'emergenza provocata dalla pandemia causerà "una perdita complessiva per l'economia mondiale di oltre 12.000 miliardi di dollari" fra il 2020 e il 2021. 
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Anche se il momento più critico dell’emergenza Covid-19 sembra superato, restrizioni e protocolli restano in vigore e le imprese devono osservarli scrupolosamente.
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Le imprese possono ottenere i finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione offerti da SIMEST a fondo perduto fino al 40%.
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Fase 2, Fase 3... lentamente si riparte. Per andare dove? Il mondo ai tempi del corona virus è cambiato. E di conseguenza i mercati, non solo dalla prospettiva geografica, ma soprattutto per quanto riguarda le modalità di delivery dei prodotti - servizi e le tipologie di clientela.
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
Cassa Depositi e Prestiti ha approvato la sottoscrizione di ulteriori quote nel fondo di investimento “FOF Private Equity Italia” gestito da Fondo Italiano d’Investimento Sgr.
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
In questa fase di incertezza rilevante sugli andamenti economici dei nostri paesi target colpiti dal virus, si impongono alcune riflessioni sull’opportunità di riconfigurare o riorientare le esportazioni.  
L’economia digitale
L’economia digitale
Pubblichiamo una sintesi della newsletter “Focus on” realizzata da Banca d’Italia che offre interessanti riflessioni sull’economia digitale. 
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Covid-19 e trasporti: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Nell'articolo verranno analizzati i seguenti Paesi: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera.