Institute Classification Clause

di lettura
La “Institute Classification Clause” è una clausola di uso comune nei contratti di assicurazione merci e subordina la prestazione della garanzia assicurativa, per quanto riguarda il trasporto marittimo, all’imbarco delle merci in navi elencate in speciali registri.

Si tratta di registri navali ai quali le navi vengono iscritte per ottenere una determinata classificazione in base alle caratteristiche tecniche e allo stato di navigabilità.

Oltre al “Lloyd’s Register of Shipping”, ente che fa universalmente testo in materia di classificazione delle navi, esistono altri registri: “Bureau Veritas”, “American Bureau of Shipping”, “Germanischer Lloyd - Det Norske Veritas”, “Rina” (Registro navale italiano). Le navi vengono iscritte dopo aver subito severe visite e controlli secondo un criterio di valutazione che le suddivide in classi secondo le varie tipologie, il diverso grado di efficienza e le fasce di età.

Il mantenimento degli standard certificati nel registro viene assicurato attraverso visite annuali e quadriennali ai motori, agli eventuali mezzi di sollevamento, alle strutture che, essendo di metallo, vengono rapidamente sottoposte a corrosione in ragione dell’ambiente in cui si trovano a operare.

La classe assegnata ha generalmente la durata di 4 anni, ma può essere sospesa al verificarsi di particolari situazioni (esercizio della navigazione oltre i limiti stabiliti all’atto dell’assegnazione, immersione della nave più di quanto consentito dal bordo libero, ecc.). A livello internazionale è stata elaborata una sorta di codice di condotta con parametri standard a cui tutti i registri dovrebbero uniformarsi. La sospensione o perdita della classe ha come immediata e principale conseguenza la sospensione di ogni tipo di copertura sia per la nave che per il carico.

In alcuni casi i clienti stranieri possono porre come condizione documentaria la spedizione a mezzo di vettori di un certo standing, garantito, appunto, dalla iscrizione a uno di questi registri approvati dagli assicuratori. E’ assai probabile che questo adempimento sia stato a sua volta imposto al cliente dal suo assicuratore il quale presta la garanzia assicurativa solo alle condizioni previste dalla “Institute Classification Clause” che fa riferimento ai registri di cui sopra.

Quando la scelta del vettore spetta al venditore, gli acquirenti stranieri possono, in certi casi, richiedere l’imbarco su una nave con massimo 15 anni di età per garantire una miglior copertura assicurativa alle merci.

I capitolati utilizzati per le coperture assicurative delle merci stabiliscono, infatti, che “in nessun caso questa assicurazione copre perdite, danni o spese che saranno conseguenza di insolvenza o difficoltà finanziarie (in genere strettamente correlate all’avanzata età della nave) dei proprietari, gestori, noleggiatori o operatori della nave“.

Giovanna Bongiovanni

Tag dell'informativa
Classificazione delle navi a scopi assicurativi

Altre tematiche
Porti di Genova e Savona punto di riferimento per le PMI del Nord Italia
Porti di Genova e Savona punto di riferimento per le PMI del Nord Italia
L’accordo Ports of Genoa - Promos Italia vuole favorire il recupero in capo all’impresa italiana di quote di logistica per trattenere e sviluppare il valore delle merci scambiate.
Sequestro conservativo europeo dei conti correnti: prime applicazioni
Sequestro conservativo europeo dei conti correnti: prime applicazioni
La procedura di ordinanza europea di sequestro conservativo su conti bancari del debitore, da dicembre 2020, può essere effettivamente richiesta anche in Italia.
Italian Maritime Economy 2020
Italian Maritime Economy 2020
Il report annuale Italian maritime economy di SRM analizza l’impatto del Covid-19 sul trasporto marittimo.
Crolla la puntualità dei vettori marittimi
Crolla la puntualità dei vettori marittimi
L’indice di puntualità delle compagni marittime, introdotto nel 2011, rileva i ritardi e le performance delle compagnie marittime.
Il trasporto di merci dopo la Brexit
Il trasporto di merci dopo la Brexit
Per effetto della Brexit e del Covid 19 i costi di trasporto verso la Gran Bretagna sono quadruplicati (fonte Transporeon).
CDP: concluso l’impiego del Panda Bond per finanziare le imprese italiane in Cina
CDP: concluso l’impiego del Panda Bond per finanziare le imprese italiane in Cina
Con l’ultimo finanziamento diretto in valuta cinese a favore del Gruppo Danieli, CDP completa gli impieghi delle risorse raccolte con il Panda Bond a supporto della crescita delle imprese italiane in Cina.
L’impatto del Covid sui prezzi dei trasporti di merci in container
L’impatto del Covid sui prezzi dei trasporti di merci in container
La diminuzione di container disponibili e le spese accessorie stanno provocando un aumento dei prezzi dei trasporti via mare tra Cina, UE e USA.
Il comportamento dei consumatori multicanale
Il comportamento dei consumatori multicanale
Dall’ultima Ricerca dell’Osservatorio Multicanalità, emergono nuovi profili di utenti Internet che utilizzano la rete con modalità diverse sia nella quotidianità, sia nel loro approccio con i brand.
Il Business Model Canvas nelle scelte di internazionalizzazione
Il Business Model Canvas nelle scelte di internazionalizzazione
Il dubbio amletico Business Plan or Business Model?   in un percorso di internazionalizzazione acquisisce ancor più criticità e valenza.
Fusione di SIA in Nexi
Fusione di SIA in Nexi
Nasce la Paytech leader nei pagamenti digitali in Europa con una capitalizzazione di borsa tra le maggiori 10 in Italia.