L’impatto del Covid sui prezzi dei trasporti di merci in container

di lettura

La diminuzione di container disponibili e le spese accessorie stanno provocando un aumento dei prezzi dei trasporti via mare tra Cina, UE e USA.

Image

La crisi sanitaria ha portato un aumento di prezzi e possibili ritardi nella organizzazione di trasporti verso la Cina con partenza dall’Unione Europea e da altri paesi (USA).

L’impatto del Covid 19 ha generato un crescente sbilanciamento tra i volumi di merci diretti verso Ovest (Unione Europea e USA in primis) e quelli aventi come destinazione il paese asiatico.

Tale sbilanciamento, che si osserva principalmente per contenitori 40 piedi e 40 piedi hc (High Cube),   provoca la mancanza di merci di ritorno (container vuoti) dalla UE alla Cina.

Per questo motivo, i vettori hanno recentemente deciso di sospendere temporaneamente l'accettazione di container da 40 piedi box e 40 piedi hc (mentre restano accettabili container da 20 piedi) dall'Italia verso le seguenti destinazioni: Giappone, India, Bangladesh, Pakistan, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Oman, Qatar, Giordania, Kuwait, Australia, Sri Lanka e Filippine.

Tale situazione ha portato a un aumento di prezzi dei trasporti di merci in container, per di più aggravata da costi aggiuntivi denominate “pick up charges”.

Tali spese sono un costo, addebitato alla compagnia di navigazione (con susseguente riflesso sul costo di trasporto per il richiedente), rappresentato da un importo “una tantum” per ogni container che viene ritirato presso il luogo di carico (POL – Place of Loading).

A solo titolo esemplificativo, le tariffe applicate dal 1 Novembre 2020 e quelle applicabili dal 15 Novembre 2020 hanno avuto un incremento del 25% circa considerando una media dei maggiori porti Europei. Tale aumento è in linea con quanto pubblicato dallo  SCFIS (Shanghai Shipping Exchange) che monitora, tra l’altro, il  livello medio delle tariffe contrattate nel mercato spot del trasporto di container per le rotte Shanghai-Europa e Shanghai-costa occidentale degli Stati Uniti. Il report ha evidenziato importanti variazioni considerando la media degli scostamenti mensili:

  • noli verso i porti del Mediterraneo 23%
  • noli verso porti Europei 21%.

Tale situazione, in continua evoluzione impone, oltre a riflessioni riguardanti politiche che riducano l’impatto di tali dinamiche sulla catena logistica (prezzi e attrezzature), una maggiore attenzione da parte dei singoli operatori.

Come affrontare la situazione

  • Valutare il termine di resa inserito nel contratto di vendita per le esportazioni/importazioni. Considerato che gli incoterms 2020 indicano che l’utilizzo dei termini FOB, CFR e CIF sono inadeguati per il trasporto navale, al fine di non esporre l’esportatore a un aumento del costo di trasporto difficilmente valutabile al momento della conclusione del contratto, prediligere un termine FCA. Con tale termine i costi di trasporto sono obbligazione dell’importatore.  Tale indicazione dovrà essere armonizzata con eventuali strumenti di pagamento concordati nel contratto. In importazione, al contrario, prediligere termini con costo di trasporto a carico del fornitore a fronte di un prezzo concordato non revisionabile in base alle variazioni dei noli marittimi e operazioni accessorie.
  • Revisione dei prezzi all’esportazione. Inserire all’interno del contratto di compravendita clausole di revisione dei prezzi per aumento dei noli marittimi e operazioni connesse e, se possibile, evitare di concordare date di arrivo a destino. Come evidenziato, infatti, la scarsità di container potrebbe comportare ritardi nell’imbarco e, di conseguenza, il mancato rispetto della data di arrivo della merce.

Marco Bertozzi
 

Convegno: Import-Export marittimo di merci containerizzate: un futuro da schiavi?

Import export di merci contaneirizzate

Controllo italiano ed interessi esteri nel rilancio internazionale dell’Italia post-Covid

Segnaliamo l’evento in programma il 15 dicembre alle ore 9.15 a Genova, presso Terrazza Colombo, che potrai seguire in diretta sul sito di Primocanale

9.15 - Saluti iniziali

  • Filippo Gallo, Presidente C.I.S.Co

9.30 - Introduzione

  • Alessandro Panaro, Responsabile servizio maritime & energy SRM / “Presentazione dello studio SRM/Ports of Genoa sulla diffusione dell’EX W delle aziende esportatrici italiane”
  • Sergio Bologna, Consigliere C.I.S.Co. / “Le ragioni della debolezza della logistica italiana nel commercio internazionale”

10.00 - Tavola rotonda

Modera: Matteo Cantile, Primocanale

  • Ivano Russo, Direttore Generale CONFETRA
  • Barbara Beltrame Giacomello, Vice Presidente per l’Internazionalizzazione Confindustria
  • Marcello Minenna, Direttore Generale Agenzia Dogane e Monopoli
  • Alessandro Morelli, Direttore tecnico SIAT (Gruppo UNIPOL)
  • Alessandro Pitto, Presidente Spediporto
  • Paolo Pessina, Presidente Assagenti

Sezione istituzionale

  • Luigi Attanasio, Presidente Camera di Commercio di Genova
  • Paolo Emilio Signorini, Presidente Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale
  • Rappresentante del MAECI, Chiusura dei lavori

Per informazioni

Ufficio Stampa - Camera di Commercio di Genova
Tel. 010 2704.282
relazioni.esterne@ge.camcom.it

Altre tematiche
Bonus partecipazione fiere internazionali in Italia
Bonus partecipazione fiere internazionali in Italia
Il Bonus fiere è un buono del valore massimo di 10.000 euro, erogabile in favore delle imprese aventi sede operativa in Italia, per la partecipazione alle manifestazioni fieristiche internazionali organizzate in Italia.
Brevetti+, Marchi+ e Disegni+:  46 milioni di euro di contributi
Brevetti+, Marchi+ e Disegni+: 46 milioni di euro di contributi
Diventano operativi i nuovi bandi 2022 per la concessione delle misure agevolative denominate Brevetti+, Disegni+  e Marchi+.
Germania: nuovi obblighi sugli imballaggi
Germania: nuovi obblighi sugli imballaggi
Con decorrenza primo luglio 2022 è stata introdotta in Germania una nuova normativa inerente alla gestione degli imballaggi introdotti sul territorio tedesco.
Sostegno alle imprese esportatrici con approvvigionamenti da Ucraina - Federazione Russa - Bielorussia
Sostegno alle imprese esportatrici con approvvigionamenti da Ucraina - Federazione Russa - Bielorussia
A seguito della crisi in atto in Ucraina, Simest ha presentato un secondo intervento per fronteggiare gli impatti negativi sulle imprese esportatrici derivanti dalle difficoltà o rincari degli approvvigionamenti.
Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre agevolazioni per imprese ed enti di ricerca
Blockchain e intelligenza artificiale: da settembre agevolazioni per imprese ed enti di ricerca
Il Fondo per lo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di intelligenza artificiale, blockchain e internet of thing, istituito presso il Mise, ha una dotazione di 45 milioni di euro.
Finanziamenti agevolati per le imprese esportatrici colpite dalla crisi in Ucraina
Finanziamenti agevolati per le imprese esportatrici colpite dalla crisi in Ucraina
La circolare 1/394/2022 di Simest presenta l’intervento a sostegno delle impese italiane con esportazioni dirette verso Ucraina e/o Federazione russa e/o Bielorussia, che hanno perso fatturato estero nei tre mercati coinvolti.
Costi del trasporto internazionale di merci nel 2021
Costi del trasporto internazionale di merci nel 2021
Banca d’Italia ha pubblicato i dati sui trasporti internazionali di merci dell’Italia relativi al 2021.
Corporate Sustainability Due Diligence e doveri degli amministratori di società
Corporate Sustainability Due Diligence e doveri degli amministratori di società
L’Unione Europea è pronta ad adottare nuove misure a tutela dei diritti umani, delle condizioni di lavoro e dell’ambiente.
Arbitrato e mediazione nelle controversie sulla proprietà intellettuale
Arbitrato e mediazione nelle controversie sulla proprietà intellettuale
Le controversie riguardanti la Proprietà Intellettuale solitamente coinvolgono questioni relative alla titolarità, validità, appropriazione indebita di un diritto di PI.
Cdp: Brief sicurezza energetica in Italia
Cdp: Brief sicurezza energetica in Italia
L’Italia, con quasi tre quarti dell’energia importata, è tra i Paesi più dipendenti dall’estero, con un valore superiore alla media UE (57%).