Le nuove regole ICC Incoterms 2020

di lettura

L’azione più significativa della ICC diretta a facilitare gli scambi internazionali attraverso la standardizzazione delle pratiche commerciali è stata quella di codificare nel tempo una serie di regole, prassi e modelli, ormai accettati universalmente. 

Le nuove regole ICCIncoterms 2020

Tra questi vanno citate le regole Incoterms®, contrazione di International Commercial TERMS, ossia le regole della ICC per l’utilizzo dei termini commerciali che individuano le responsabilità, le spese ed i rischi connessi alla consegna della merce nelle compravendite internazionali.
La presenza della International Chamber of Commerce in oltre 120 Paesi conferma il suo ruolo di leader mondiale nella promozione e nello sviluppo di standard, regole e guide di riferimento per il commercio internazionale.

La nuova edizione delle regole Incoterms®

Le regole Incoterms®, adottate per la prima volta nel 1936 ed affermatesi nelle transazioni di tutto il mondo, sono state regolarmente aggiornate nel tempo (1953, 1967, 1976, 1980, 1990, 2000, 2010) per tenere il passo con gli sviluppi del commercio internazionale, come la creazione di aree di libero scambio ed unioni doganali, gli importanti cambiamenti intervenuti nelle tecniche di trasporto e conseguente incremento dei traffici containerizzati, l’accresciuta diffusione delle comunicazioni elettroniche e le nuove esigenze di sicurezza nei trasporti.
L’ottava revisione iniziata nel 2016 ha condotto ad una nuova edizione delle regole Incoterms® che entreranno in vigore il 1° gennaio 2020.
Il lavoro di revisione per le nuove regole Incoterms® 2020 è servito sostanzialmente a migliorare l’edizione precedente e a fornire alcune precisazioni di dettaglio che ne consentono un uso più preciso, con particolare riferimento ai collegamenti esistenti tra contratto di compravendita e contratti di trasporto e di assicurazione, facilitando in tal modo lo svolgimento degli scambi internazionali di merci, assicurando agli utilizzatori certezza di regole e d’interpretazione ai termini commerciali più diffusi al mondo.

Queste in sintesi le principali novità della nuova edizione:

  • Introduzione più dettagliata per un corretto utilizzo dei termini da parte degli operatori al fine di ridurre malintesi e contestazioni  
  • Aggiornamento della nota esplicativa per ciascuna regola e maggior enfasi sulla scelta appropriata del termine
  • Riordino degli articoli per rendere più visibili i vari  profili in cui, secondo le singole clausole, si articolano le posizioni delle parti 
  • Diverso livello di assicurazione per CIP e CIF 
  • Prevista opzione del trasporto in conto proprio per alcune rese
  • Cambiamento dell’acronimo  da DAT a DPU
  • Inclusione requisiti di security applicabili alla catena logistico- trasportistica

Nella nuova versione 2020 viene ribadito energicamente che gli Incoterms® sono condizioni del contratto di compravendita, e non del contratto di trasporto, evidenziando ancora una volta il grave equivoco in cui spesso incorrono gli operatori commerciali i quali confondono il fatto che le clausole Incoterms comportano determinate conseguenze sulla stipulazione del contratto di trasporto, con il fatto che si tratti di condizioni di trasporto.

Come per le precedenti edizioni è necessaria un’attenta ed accurata lettura della pubblicazione ICC 2020  prima di adottare una qualunque della clausole che vi sono contenute per capire lo spirito dell’aggiornamento, evitare pericolosi abbagli o incorrere in errori ed equivoci che rendono più difficoltosa l’attività export-import, traducendosi di sovente in duplicazioni di costi o, talvolta, in quei danni indiretti   rappresentati da qualunque turbativa delle relazioni con controparti estere.

Di utilizzo facoltativo, si rammenta che le regole Incoterms® assumono valore legale solo se volute e richiamate espressamente: occorre analizzare perciò bene la portata della clausola che si intende utilizzare ed il significato e poi, se del caso, inserirla esplicitamente nel contratto di compravendita, indicandola con la dizione corretta suggerita dalla stessa pubblicazione della ICC.

Anche l’edizione 2020 degli Incoterms®, come le precedenti, ha coinvolto attivamente il Comitato Nazionale Italiano della ICC nel lavoro di revisione e di successiva traduzione nella lingua italiana del testo originale inglese, attraverso il Gruppo di lavoro “Incoterms” di ICC Italia.

Giovanna Bongiovanni

Tag dell'informativa

Altre tematiche
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Fase 2, Fase 3... lentamente si riparte. Per andare dove? Il mondo ai tempi del corona virus è cambiato. E di conseguenza i mercati, non solo dalla prospettiva geografica, ma soprattutto per quanto riguarda le modalità di delivery dei prodotti - servizi e le tipologie di clientela.
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
Cassa Depositi e Prestiti ha approvato la sottoscrizione di ulteriori quote nel fondo di investimento “FOF Private Equity Italia” gestito da Fondo Italiano d’Investimento Sgr.
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
In questa fase di incertezza rilevante sugli andamenti economici dei nostri paesi target colpiti dal virus, si impongono alcune riflessioni sull’opportunità di riconfigurare o riorientare le esportazioni.  
L’economia digitale
L’economia digitale
Pubblichiamo una sintesi della newsletter “Focus on” realizzata da Banca d’Italia che offre interessanti riflessioni sull’economia digitale. 
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Covid-19 e trasporti: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Nell'articolo verranno analizzati i seguenti Paesi: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera.
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Coronavirus e trasporti: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Analizziamo la situazione in alcuni Paesi di interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. 
Coronavirus e trasporti: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia,  Slovenia
Coronavirus e trasporti: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia, Slovenia
Ministero Affari Esteri ed ANITA hanno pubblicato aggiornamenti sulla situazione trasporti in: Albania, Bosnia, Bulgaria, Croazia, Moldavia, Romania, Macedonia, Serbia e Slovenia.
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Progettare un piano di export significa innanzitutto mappare lo “stato dell’arte” del singolo mercato di sbocco e valutarne le potenzialità, non soltanto sotto il profilo della domanda finale ma anche e, talora, soprattutto della domanda intermedia ovvero dei buyer e delle strutture distributive in essere.
Aggregarsi per l'export
Aggregarsi per l'export
Il sistema industriale italiano ha un numero altissimo (circa 3 milioni) di piccole o micro aziende. La media non raggiunge i 4 dipendenti per azienda, quando in Germania è circa il triplo.