Le nuove regole ICC Incoterms 2020

di lettura

L’azione più significativa della ICC diretta a facilitare gli scambi internazionali attraverso la standardizzazione delle pratiche commerciali è stata quella di codificare nel tempo una serie di regole, prassi e modelli, ormai accettati universalmente. 

Image

Tra questi vanno citate le regole Incoterms®, contrazione di International Commercial TERMS, ossia le regole della ICC per l’utilizzo dei termini commerciali che individuano le responsabilità, le spese ed i rischi connessi alla consegna della merce nelle compravendite internazionali.
La presenza della International Chamber of Commerce in oltre 120 Paesi conferma il suo ruolo di leader mondiale nella promozione e nello sviluppo di standard, regole e guide di riferimento per il commercio internazionale.

La nuova edizione delle regole Incoterms®

Le regole Incoterms®, adottate per la prima volta nel 1936 ed affermatesi nelle transazioni di tutto il mondo, sono state regolarmente aggiornate nel tempo (1953, 1967, 1976, 1980, 1990, 2000, 2010) per tenere il passo con gli sviluppi del commercio internazionale, come la creazione di aree di libero scambio ed unioni doganali, gli importanti cambiamenti intervenuti nelle tecniche di trasporto e conseguente incremento dei traffici containerizzati, l’accresciuta diffusione delle comunicazioni elettroniche e le nuove esigenze di sicurezza nei trasporti.
L’ottava revisione iniziata nel 2016 ha condotto ad una nuova edizione delle regole Incoterms® che entreranno in vigore il 1° gennaio 2020.
Il lavoro di revisione per le nuove regole Incoterms® 2020 è servito sostanzialmente a migliorare l’edizione precedente e a fornire alcune precisazioni di dettaglio che ne consentono un uso più preciso, con particolare riferimento ai collegamenti esistenti tra contratto di compravendita e contratti di trasporto e di assicurazione, facilitando in tal modo lo svolgimento degli scambi internazionali di merci, assicurando agli utilizzatori certezza di regole e d’interpretazione ai termini commerciali più diffusi al mondo.

Queste in sintesi le principali novità della nuova edizione:

  • Introduzione più dettagliata per un corretto utilizzo dei termini da parte degli operatori al fine di ridurre malintesi e contestazioni  
  • Aggiornamento della nota esplicativa per ciascuna regola e maggior enfasi sulla scelta appropriata del termine
  • Riordino degli articoli per rendere più visibili i vari  profili in cui, secondo le singole clausole, si articolano le posizioni delle parti 
  • Diverso livello di assicurazione per CIP e CIF 
  • Prevista opzione del trasporto in conto proprio per alcune rese
  • Cambiamento dell’acronimo  da DAT a DPU
  • Inclusione requisiti di security applicabili alla catena logistico- trasportistica

Nella nuova versione 2020 viene ribadito energicamente che gli Incoterms® sono condizioni del contratto di compravendita, e non del contratto di trasporto, evidenziando ancora una volta il grave equivoco in cui spesso incorrono gli operatori commerciali i quali confondono il fatto che le clausole Incoterms comportano determinate conseguenze sulla stipulazione del contratto di trasporto, con il fatto che si tratti di condizioni di trasporto.

Come per le precedenti edizioni è necessaria un’attenta ed accurata lettura della pubblicazione ICC 2020  prima di adottare una qualunque della clausole che vi sono contenute per capire lo spirito dell’aggiornamento, evitare pericolosi abbagli o incorrere in errori ed equivoci che rendono più difficoltosa l’attività export-import, traducendosi di sovente in duplicazioni di costi o, talvolta, in quei danni indiretti   rappresentati da qualunque turbativa delle relazioni con controparti estere.

Di utilizzo facoltativo, si rammenta che le regole Incoterms® assumono valore legale solo se volute e richiamate espressamente: occorre analizzare perciò bene la portata della clausola che si intende utilizzare ed il significato e poi, se del caso, inserirla esplicitamente nel contratto di compravendita, indicandola con la dizione corretta suggerita dalla stessa pubblicazione della ICC.

Anche l’edizione 2020 degli Incoterms®, come le precedenti, ha coinvolto attivamente il Comitato Nazionale Italiano della ICC nel lavoro di revisione e di successiva traduzione nella lingua italiana del testo originale inglese, attraverso il Gruppo di lavoro “Incoterms” di ICC Italia.

Giovanna Bongiovanni

Altre tematiche
Conftrasporto: il futuro dei trasporti e della logistica
Conftrasporto: il futuro dei trasporti e della logistica
Secondo i dati presentati a Roma al Convegno di Conftrasporto-Confcommercio, valichi alpini e porti sono le principali vie di accesso del nostro Paese al commercio internazionale.
Il rilancio del Porto di Ravenna
Il rilancio del Porto di Ravenna
Il porto di Ravenna è il solo porto commerciale dell’Emilia Romagna e movimenta ogni anno oltre 27 milioni di tonnellate.
Emirati Arabi Uniti: introdotta l’imposizione fiscale delle società
Emirati Arabi Uniti: introdotta l’imposizione fiscale delle società
E’ stata emanata la nuova legge sull’imposta delle società (Legge Federale n. 47 del 2022). Le disposizioni della c.d. CT Law si applicheranno ai periodi di imposta che iniziano il 1° giugno 2023.
Guida: La libera circolazione dei servizi nell’UE
Guida: La libera circolazione dei servizi nell’UE
Tra le quattro libertà di circolazione sulle quali si fonda il mercato interno dell’Unione europea, quella relativa ai servizi è di importanza fondamentale per imprese, lavoratori autonomi e professionisti.
10 interventi chiave per l’efficienza energetica
10 interventi chiave per l’efficienza energetica
Uno studio indipendente suggerisce 10 interventi che aiutano il mondo produttivo a migliorare da subito l’efficienza energetica.
Porto di Genova e Savona: dati 2021 e prospettive di sviluppo
Porto di Genova e Savona: dati 2021 e prospettive di sviluppo
Genova è da tempo il porto marittimo di riferimento per le imprese manifatturiere della Lombardia. L’area di attrazione dell’hub ligure si sta allargando anche al Veneto e all’Emilia Romagna.
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Secondo appuntamento della rubrica dedicata alle azioni che l'Unione Europea finanzia al di fuori dei suoi confini attraverso i bandi europei indetti dalla Direzione dei Partenariati Internazionali della Commissione Europea (DG INTPA).
Tutela del marchio in Arabia Saudita
Tutela del marchio in Arabia Saudita
L’Arabia Saudita non ha aderito agli accordi di Madrid, pertanto la registrazione del marchio in questo paese è possibile solo depositando la domanda di registrazione del marchio nazionale presso il Ministero del Commercio e degli Investimenti saudita (MCI).
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Le forniture di beni e servizi alla maggior parte delle aziende possedute dal governo sono disciplinate dalla Legge sulle gare d'appalto e sugli appalti pubblici, emanata nel 2006.
SACE Annual review 2021
SACE Annual review 2021
Il Gruppo SACE offre soluzioni di assicurazione del credito diversificate in base alle esigenze delle aziende e alla complessità dell’operazione.