Nuova Direttiva (UE) 2016/943 sui segreti commerciali

di lettura

Imprese ed enti di ricerca investono sempre più risorse nello sviluppo e nell’applicazione di know-how e informazioni (relative a clienti, fornitori, piani aziendali, strategie di mercato). Conoscenze tecnologiche e informazioni commerciali, infatti, costituiscono un capitale intellettuale che incide  sulla competitività delle imprese e sull'innovazione nel mercato stesso.

Nuova Direttiva (UE) 2016/943 sui segreti commerciali

L’8 giugno 2016 è stata adottata la Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla protezione del know-how riservato e delle informazioni commerciali riservate contro l’acquisizione, l’utilizzo e la divulgazione illeciti. 
Obiettivo della direttiva è l’armonizzazione delle varie normative nazionali in tema di tutela dei segreti commerciali:

  • sia per quanto riguarda l’identificazione di questi ultimi,
  • che per l’individuazione degli strumenti di diritto civile da utilizzare per la loro protezione. 

La tutela di cui alla direttiva, ha specificato il legislatore europeo, verrà comunque accordata nel rispetto dell’attività giornalistica d’inchiesta e non pregiudicherà l’utilizzo di esperienze e competenze onestamente acquisite dai lavoratori dipendenti nello svolgimento del loro lavoro.
Per quanto concerne specificatamente il testo della direttiva, esso si compone:

  • di una prima parte dedicata all’oggetto e all’ambito di applicazione;
  • di una seconda parte dedicata alla definizione delle condotte illecite di acquisizione, utilizzo e divulgazione dei segreti commerciali; 
  • di una terza, relativa alle forme di tutela, e di più sezioni dedicate alle misure cautelari, al risarcimento del danno ed alle sanzioni.

Oggetto e ambito di applicazione

Il “segreto commerciale” è definito come: informazioni che soddisfano tutti i seguenti requisiti:

  • sono segrete nel senso che non sono, nel loro insieme o nella precisa configurazione e combinazione dei loro elementi, generalmente note o facilmente accessibili a persone che normalmente si occupano del tipo di informazioni in questione;
  • hanno valore commerciale in quanto segrete;
  • sono state sottoposte a misure ragionevoli, secondo le circostanze, da parte della persona al cui legittimo controllo sono soggette a mantenerle segrete;

Condotte illecite

La direttiva anzitutto stabilisce quando l’acquisizione, utilizzo e divulgazione dei segreti debba considerarsi lecita; quindi prosegue specificando quando tali condotte debbano invece considerarsi illecite. 

In particolare, per quanto riguarda l’acquisizione dell’informazione segreta, le condotte considerate ”illecite” consistono nell’accesso non autorizzato/appropriazione/copia non autorizzata di documenti, oggetti, materiali, sostanze o file elettronici sottoposti al controllo del legittimo detentore del segreto, nonché ogni altra condotta che possa considerarsi contraria alle leali pratiche commerciali. 

Riguardo invece all’utilizzo o divulgazione del segreto, essi vengono considerati illeciti quando l’acquisizione è avvenuta illecitamente; o in violazione di un accordo di riservatezza (o di qualsiasi altro obbligo di non divulgare il segreto commerciale); o in violazione di un obbligo contrattuale o di altra natura che impone limiti all’utilizzo del segreto commerciale; o da persona che sa, o dovrebbe sapere, che il segreto commerciale è stato ottenuto illecitamente da un terzo. L’ovvio presupposto è che l’acquisizione, l’uso o la divulgazione avvenga senza il consenso del detentore.

Strumenti di tutela

Lasciando agli Stati membri la definizione di azioni civili contro l’acquisizione ed utilizzazione illecita dei segreti commerciali, la direttiva indica i criteri ai quali dovrà comunque essere ispirata l’adozione di tali strumenti di tutela. Tali strumenti dovranno infatti essere:

  • leali, equi e proporzionali all’offesa
  • non dovranno essere inutilmente complessi o costosi 
  • dovranno essere concretamente efficaci e dissuasivi. 

Anche la disciplina della prescrizione dell’azione è demandata agli Stati membri, salvo stabilire che la relativa durata non deve superare i sei anni. 

Il legislatore europeo ha poi deciso di estendere la tutela del segreto commerciale anche all’ambito dei procedimenti giudiziari in materia di illecita divulgazione. Di fronte ad informazioni dichiarate riservate da parte di un giudice a seguito della richiesta motivata dell’interessato, gli Stati membri devono assicurare che tali informazioni non siano utilizzate dalle parti in giudizio, dai loro avvocati, testimoni, esperti e così via. 

Misure cautelari e misure a seguito di una sentenza 

La direttiva individua con precisione le misure cautelari da adottarsi in caso di violazione: 

  • dalla cessazione e divieto provvisori di divulgazione/utilizzazione del segreto
  • al sequestro delle merci sospettate di costituire violazione
  • fino al divieto di produzione/importazione/esportazione di merci costituenti violazione. 

In caso di decisione giudiziaria che accerti l’illiceità dell’acquisizione/utilizzo/divulgazione di un segreto commerciale, gli Stati membri dovranno poi anche assicurare l'adozione delle opportune misure correttive per quanto riguarda le merci costituenti violazione (che comprendono il richiamo delle merci dal mercato, nonché la loro eliminazione e distruzione) e la distruzione (o consegna all’attore) di tutti i documenti e materiali che contengono o incorporano un segreto commerciale.

In aggiunta alle misure di tutela di cui sopra, il legislatore europeo accorda inoltre al legittimo detentore del segreto il diritto di ottenere il risarcimento del danno, in misura adeguata al pregiudizio effettivamente subito a seguito dell’illecito, tenendo conto di tutti i fattori pertinenti (ivi inclusi «il lucro cessante subito dalla parte lesa, i profitti realizzati illecitamente dall'autore della violazione e, ove opportuno, elementi diversi dai fattori economici, quale ad esempio il pregiudizio morale causato al detentore del segreto commerciale dall'acquisizione, dall'utilizzo o dalla divulgazione illeciti del segreto commerciale»).
Gli Stati membri dovranno infine assicurare la disciplina possibile concessione di ulteriori misure, quali la pubblicazione della sentenza ovvero sanzioni pecuniarie.

Conclusioni

Pur essendo questa materia già disciplinata nell’ordinamento italiano (in particolare, dagli artt. 98-99 del codice italiano della proprietà industriale, che coprono una nozione più ampia di “informazioni segrete”), deve senz’altro vedersi con favore l’obiettivo di ampliarne la disciplina ed uniformarla tra i vari Paesi europei. 

Sarà tuttavia essenziale vedere come verranno recepite tali disposizioni nell’ordinamento italiano (e negli altri ordinamenti europei), stante la necessità di trovare il giusto equilibrio tra le due contrapposte esigenze: 

  • tutelare adeguatamente ed efficacemente il detentore del segreto
  • ma evitare anche abusi ed eccessive limitazioni alla circolazione delle informazioni.

Gli Stati membri avranno due anni di tempo dall’adozione della direttiva, per recepirne il contenuto. 

Avv. Silvia Bortolotti
Dott.ssa Giulia Levi

Tag dell'informativa
Altre tematiche
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia,  Slovenia
Coronavirus e trasporti internazionali: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia, Slovenia
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Progettare un piano di export significa innanzitutto mappare lo “stato dell’arte” del singolo mercato di sbocco e valutarne le potenzialità, non soltanto sotto il profilo della domanda finale ma anche e, talora, soprattutto della domanda intermedia ovvero dei buyer e delle strutture distributive in essere.
Aggregarsi per l'export
Aggregarsi per l'export
Il panorama industriale italiano gode di un numero altissimo (circa 3 milioni) di piccole o addirittura micro aziende (rispettivamente con meno di 50 o 10 dipendenti). La media non raggiunge i 4 dipendenti per azienda, quando in Germania, ad esempio, è circa il triplo.
Il piano di business internazionale in 6 passi
Il piano di business internazionale in 6 passi
L’elaborazione di un piano marketing per l’estero serve a formalizzare un approccio pianificato che permetta di ridurre tempi, costi e rischi del processo di internazionalizzazione, evitando di procedere per tentativi o in base ad una valutazione superficiale dei mercati esteri e dei punti di forza e di debolezza dell’impresa.
L’importanza di tutelare la proprietà intellettuale
L’importanza di tutelare la proprietà intellettuale
Con il termine proprietà intellettuale (PI) si indica un sistema di tutela giuridica dei beni immateriali frutto dell’attività creativa e inventiva dell’uomo, come le opere artistiche e letterarie, le invenzioni industriali e i modelli di utilità, il design e i marchi.
Proprietà intellettuale e sorveglianza doganale
Proprietà intellettuale e sorveglianza doganale
La piaga economico-sociale della contraffazione preoccupa e occupa ogni giorno moltitudini di imprese in tutto il mondo.
Trasporto internazionale su strada e lettera di vettura CMR
Trasporto internazionale su strada e lettera di vettura CMR
La Convenzione di Ginevra del 1956, conosciuta come Convenzione CMR, disciplina i trasporti stradali internazionali di merce. Ne restano pertanto esclusi i trasporti in conto proprio, quelli realizzati dall’esportatore con veicoli propri e i trasporti nazionali che sono regolati da principi dell’ordinamento interno.