Pagamenti Internazionali: Settlment, Risk Mitigation o Financing?

di lettura

Numerose sono le forme di pagamento attivabili in un'operazione di compravendita internazionale. Scopri nell'articolo le principali e come utilizzarle al meglio nelle attività di import export.

Image

Nell’ambito dell’ICC Model International Sale Contract proposto dalla International Chamber of Commerce (ICC) di Parigi, sono riportate le seguenti Payment Conditions:

  • Payment on open account
  • Open account backed by demand guarantee or standby letter of credit
  • Payment in advance
  • Payment in advance backed by advance payment guarantee
  • Documentary collection (D/P – D/A)
  • Irrevocable documentary credit 
  • Irrevocable Bank Payment Obligation
  • Other: (e.g. cheque, bank draft, electronic funds transfer to designated bank account of seller)

 

Numerose, dunque, sono le forme di pagamento attivabili in una operazione di compravendita internazionale. Il mercato dei pagamenti internazionali è stato strutturato per proporre strumenti e soluzioni per venire incontro alle innumerevoli esigenze di un venditore e di un compratore. In particolare, tutte queste forme di pagamento possono svolgere, al più, 3 “funzioni”:

  • settlment,
  • risk mitigation
  • e/o financing.

Per “settlment” si intende strumento di pagamento, per “risk mitigation” si intende strumento di pagamento che consente di mitigare il rischio di credito per il venditore e per “financing” si intende strumento di pagamento che consente a un compratore il pagamento dilazionato ma, al contempo, al venditore un incasso a vista.

Di seguito una scheda riepilogativa:

Come si può notare, il pagamento in open account (o a mezzo assegno bancario/chèque) svolge la mera funzione di “settlment”, in quanto il venditore si assume il rischio di mancato pagamento della controparte. Un assegno circolare (Cashier’s Chèque), oltre alla funzione di settlment, svolge anche la funzione di risk mitigation in quanto è emesso da una banca. Una cambiale tratta/Bill of Exchange (o un pagherò/Promissory Note), invece, è uno strumento che svolge la mera funzione di settlment, a meno che non sia avallata. In tal caso, svolge anche la funzione di risk mitigation, in quanto il venditore sa che la cambiale sarà onorata dalla banca avallante qualora il trassato non dovesse onorarla. Una cambiale, inoltre, avallata o meno, può essere oggetto di sconto consentendo al venditore un incasso a vista (pro-soluto o pro-solvendo) e, al contempo, al compratore un pagamento dilazionato. (Si precisa che il Bill of Exchange Act del 1882 che disciplina le cambiali internazionali, codifica la c.d. “demand draft”, la cambiale a vista.)

L’incasso documentario (Documentary Collection), invece, è solo uno strumento di settlment ma, nel rispetto di alcune condizioni, può diventare uno strumento di risk mitigation e di financing. Vediamo come.
Nella formula D/P (Documents against Payment o più comunemente CAD Cash Against Document) con pagamento a vista, lo strumento è solo di settlment, ma nella versione D/A (Documents against Acceptance di.. una Bill of Exchange), lo scenario cambia. Diverse sono, infatti, le c.d. financing facilities che consentono all’incasso documentario di diventare uno strumento di risk mitigation e di financing. Vediamo quali.

Foreign Bills for Negotiation (FBNs)

Il venditore/esportatore potrebbe essere interessato a ricevere subito i fondi della compravendita chiedendo alla remitting bank di acquistare, pro-soluto o pro-solvendo, la Bill of Exchange o i documenti (to negotiate) non ancora accettati dal trassato/importatore. Tale soluzione può essere attuata qualora l’esportatore abbia una linea di fido attiva con la remitting bank. In tale situazione, il beneficiario della Bill of Exchange sarà la remitting bank. Con questa soluzione, l’incasso documentario svolge la funzione di financing e/o di risk mitigation in dipendenza della tipologia di sconto attuata dalla remitting bank (se lo sconto è pro-solvendo non c’è copertura del rischio di credito).

Avalisation

Per garantire il pagamento, l’esportatore potrebbe richiedere, nella collection instruction, alla collecting bank di aggiungere la propria garanzia (o avallo) alla Bill of Exchange accettata dal compratore. Con questa soluzione, l’incasso documentario svolge, oltre alla funzione di settlment anche la funzione di risk mitigation.  

Discounting

In una prima opzione, l’esportatore potrebbe richiedere, nella collection instruction, che la Bill of Exchange, dopo l’accettazione del trassato/importatore, sia scontata a cura della presenting bank. Ovviamente, la presenting bank può decidere, in autonomia, se effettuare lo sconto o meno e su quali basi. In alternativa, l’esportatore può richiedere che la tratta accettata, magari avallata, sia restituita alla remitting bank a cui l’esportatore può chiedere di effettuare lo sconto pro-soluto o pro-solvendo. L’esportatore potrebbe, alternativamente, anche valutare di scontare la Bill of Exchange sul libero mercato.
Si precisa che, nell’incasso documentario, le descritte funzioni di risk mitigation e di financing sono solo potenziali, nel senso che il venditore/esportatore necessita della disponibilità della propria banca (remitting) a scontare la Bill of Exchange (o ad “acquistare” i documenti), e/o della disponibilità del proprio cliente ad accettare la Bill of Exchange e della collecting/presenting bank di avallare la tratta. 
Le lettere di credito, le standby letter of credits e la Bank Payment Obligation (che non sarà più operativa dal 2020), infine, svolgono tutte e tre le funzioni. Le c.d. demand guarantees, invece, svolgono solo la mera funzione di Risk mitigation. Una garanzia bancaria, infatti, non può essere indicata come uno strumento di pagamento né di financing in quanto, se disciplinate dalla normativa URDG 758 ICC, tale normativa prevede solo impegni di pagamento a vista. Le standby letter of credits, invece, svolgono funzioni di settlment in quanto può essere indicata come forma di pagamento autonoma, senza pertanto prevedere una forma di pagamento sottostante. In tal caso, il venditore/beneficiario potrà escutere la standby dichiarando di aver adempiuto ai propri obblighi contrattuali (e non che il compratore/applicant non abbia adempiuto ai suoi). Una standby letter of credit può essere scontata qualora disciplinata dalle UCP 600 ICC o dalle ISP98. Ciò in quanto tali normative disciplinano, a differenza della URDG 758 ICC, i pagamenti differiti.
Di seguito una scheda riepilogativa:

Dr. Domenico Del Sorbo 
Articolo pubblicato sulla testata "Diritto24" de "Il Sole 24 Ore”

Tag dell'informativa

Altre tematiche
Fedespedi: Traffico container e cargo in Italia nel 2021
Fedespedi: Traffico container e cargo in Italia nel 2021
Centro Studi Fedespedi ha pubblicato i dati 2021 sullo shipping internazionale e sul traffico aereo cargo in Italia.
PNRR – SIMEST: il finanziamento “Transizione digitale ed ecologica” apre alle medie imprese
PNRR – SIMEST: il finanziamento “Transizione digitale ed ecologica” apre alle medie imprese
Dal 27 aprile si allarga la platea dei beneficiari e aumenta il tetto massimo richiedibile del finanziamento agevolato che SIMEST eroga attraverso il Fondo 394/PNRR a valere su risorse europee.
Mentor II: Rete mediterranea per la formazione e l'orientamento all’immigrazione regolare
Mentor II: Rete mediterranea per la formazione e l'orientamento all’immigrazione regolare
Promos Italia è partner del Progetto MENTOR II che promuove percorsi di mobilità circolare e opportunità di tirocini professionali nel Nord Italia a giovani provenienti da Marocco e Tunisia.
Egitto: obbligo di credito documentario e nuove regole per l’importazione
Egitto: obbligo di credito documentario e nuove regole per l’importazione
La Banca centrale egiziana ha reso noto che, a seguito della decisione del 13 febbraio 2022 riguardante la disciplina delle operazioni di importazione, dal 22 Febbraio 2022 non è più consentito importare merci in Egitto utilizzando il sistema CAD, istituendo così l’obbligo di utilizzare esclusivamente il credito documentario (salvo le eccezioni previste).
La riforma del contratto di spedizione
La riforma del contratto di spedizione
La Legge n. 233/2021, di conversione del D.L. n. 152/2021 (Disposizioni urgenti per l’attuazione del PNRR), apporta significative modifiche alle norme del Codice Civile che disciplinano il contratto di spedizione.
Trasporti marittimi e portualità nel 2021
Trasporti marittimi e portualità nel 2021
ASSOPORTI e SRM hanno pubblicato sulla newsletter semestrale  Port Infographic  statistiche e dati aggiornati sui trasporti marittimi e la portualità.
Attività SIMEST 2021: sostenuto l’export di oltre 60 imprese
Attività SIMEST 2021: sostenuto l’export di oltre 60 imprese
Nel corso del 2021, SIMEST ha sostenuto le esportazioni di beni strumentali (impianti e macchinari) attraverso il “Contributo Export su Credito Fornitore” registrando un incremento del  60% rispetto all’anno precedente.
Il pericolo peste suina africana
Il pericolo peste suina africana
Il 7 gennaio 2022 è stato confermato il riscontro del virus della Peste suina africana in una carcassa di cinghiale rinvenuta a Ovada (Alessandria).
Brevetti italiani in Europa
Brevetti italiani in Europa
Secondo l’analisi Unioncamere - Dintec cresce l’Italia innovativa che fa ricerca e produce brevetti a livello europeo.
Vademecum  Marchio UKCA
Vademecum Marchio UKCA
Federazione Anima Confindustria ha aggiornato il vademecum “L’impatto della Brexit sulle Aziende: introduzione e utilizzo del marchio UKCA”.