Pagamento CAD (Cash against documents)

di lettura

L'espressione C.A.D. (cash against documents) indica una delle forme utilizzate per il regolamento del prezzo che avviene alla consegna dei documenti condizionanti il ritiro della merce.

Pagamento CAD (Cash against documents)

Con questa forma di pagamento, infatti, l'esportatore, spedita la merce, consegnerà i documenti rappresentativi e non (compresi quelli necessari all'importatore per sdoganare la merce) alla banca di sua fiducia affinchè questa, attraverso un corrispondente operante sulla piazza del compratore, possa presentarli all'importatore curando l'incasso dell'importo dovuto ovvero ottenendo l'accettazione della/e tratta/e.

Le istruzioni dell'esportatore dovranno stabilire le modalità attraverso le quali la banca incaricata sarà tenuta a consegnare la documentazione all'importatore.

  • Consegna contro pagamento "a vista" a prima presentazione (documents against payment=D/P) La banca estera non potrà rilasciare i documenti al compratore se non contro pagamento per contanti di quanto dovuto al venditore. Ad incasso avvenuto la banca cessionaria trasferirà a favore della banca cedente il netto ricavo. 
  • Consegna contro accettazione di una o più tratte ad una scadenza prefissata, o a "certo tempo data" o "a certo tempo vista" (documents against acceptance=D/A). I regolamenti cambiari per l'incasso dei crediti all'estero possono prevedere o il rilascio di pagherò da parte del debitore (promissory note) o, più frequentemente, l'emissione di una tratta (bill of exchange) contenente l'ordine scritto, da parte del traente esportatore spiccato nei confronti del compratore, a pagare un determinato importo ad una scadenza prestabilita. La banca estera non potrà rilasciare i documenti attinenti alla merce al compratore se non contro accettazione della bill of exchange o contro sottoscrizione di promissory note a scadenza.

Con il regolamento a mezzo rimessa documenti il compratore sa di effettuare il pagamento o di assumere un preciso impegno a pagare (accettando la tratta) quando la merce si trova già in viaggio o è già pervenuta nel paese di destinazione. Il rischio per l'importatore è quello di compiere l'esborso, o di impegnarsi cambiariamente, senza avere la possibilità di esaminare la merce che può giungere danneggiata o non corrispondente agli accordi contrattuali.

Il venditore sa che la merce sarà consegnata solo dopo che il suo cliente avrà ritirato i documenti e cioè dopo aver pagato quanto dovuto o dopo che avrà formalizzato la promessa a pagare mediante l'accettazione della tratta. In entrambi i casi, però,  il venditore corre il rischio che il compratore non ritiri i documenti (per esempio per aver potuto accertare l'esistenza di riserve sulla polizza di carico, per sopravvenute difficoltà finanziarie o per l'eccessivo ritardo con cui sono pervenuti nel paese di destinazione i documenti mentre nel frattempo sono maturate ingenti spese di sosta che fanno desistere l'acquirente dal ritirare le merci stesse).

In tale ipotesi il venditore si trova di fronte a queste situazioni:

  • la merce può essere messa all'asta dalle autorità portuali o doganali del paese di destinazione
  • un altro acquirente può comprare la merce a prezzo di realizzo
  • la merce può essere rimpatriata sopportando tutti gli oneri del caso (spese di andata, giacenza e ritorno).

Nella forma " documenti contro accettazione " vi è infine per il venditore l'ulteriore rischio che il compratore non onori alla scadenza la tratta accettata. Tale rischio può essere superato soltanto nel caso in cui la tratta sia stata accettata dalla banca del compratore oppure accettata dall'acquirente, ma con l'avallo della sua banca (questo vale soltanto per quei paesi che, nel proprio ordinamento giuridico, hanno previsto l'istituto dell'avallo; inoltre va verificata la possibile esecutività del titolo che non è la stessa nei vari paesi) o assistita da garanzia di primaria banca.

Il ruolo delle banche

Per quanto riguarda la posizione della/e banca/che che intervengono nell'operazione va sottolineato il fatto che la responsabilità si limita unicamente alla buona esecuzione delle istruzioni ricevute dal mandante.

Il servizio di incasso prevede a favore degli istituti bancari oltre al rimborso delle spese vive (postali, telegrafiche, etc.) il pagamento di una commissione commisurata al valore della fattura.

Va detto infine che questa forma di pagamento è da sconsigliare nel caso in cui le merci vengano inviate su strada. Il documento di trasporto stradale non è rappresentativo della merce e quindi non è indispensabile per ottenere dal vettore la consegna della merce.

Giovanna Bongiovanni

Tag dell'informativa
I rischi per il venditore

Altre tematiche
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Anche se il momento più critico dell’emergenza Covid-19 sembra superato, restrizioni e protocolli restano in vigore e le imprese devono osservarli scrupolosamente.
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Le imprese possono ottenere i finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione offerti da SIMEST a fondo perduto fino al 40%.
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Fase 2, Fase 3... lentamente si riparte. Per andare dove? Il mondo ai tempi del corona virus è cambiato. E di conseguenza i mercati, non solo dalla prospettiva geografica, ma soprattutto per quanto riguarda le modalità di delivery dei prodotti - servizi e le tipologie di clientela.
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
Cassa Depositi e Prestiti ha approvato la sottoscrizione di ulteriori quote nel fondo di investimento “FOF Private Equity Italia” gestito da Fondo Italiano d’Investimento Sgr.
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
In questa fase di incertezza rilevante sugli andamenti economici dei nostri paesi target colpiti dal virus, si impongono alcune riflessioni sull’opportunità di riconfigurare o riorientare le esportazioni.  
L’economia digitale
L’economia digitale
Pubblichiamo una sintesi della newsletter “Focus on” realizzata da Banca d’Italia che offre interessanti riflessioni sull’economia digitale. 
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Covid-19 e trasporti: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Nell'articolo verranno analizzati i seguenti Paesi: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera.
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Coronavirus e trasporti: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Analizziamo la situazione in alcuni Paesi di interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. 
Coronavirus e trasporti: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia,  Slovenia
Coronavirus e trasporti: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia, Slovenia
Ministero Affari Esteri ed ANITA hanno pubblicato aggiornamenti sulla situazione trasporti in: Albania, Bosnia, Bulgaria, Croazia, Moldavia, Romania, Macedonia, Serbia e Slovenia.