Il pagamento contestuale COD

di lettura

Il pagamento contestuale o «cash on delivery» (COD) si ha quando il regolamento del prezzo della fornitura avviene contestualmente alla consegna della merce.

In questo caso, si incaricherà uno spedizioniere di consegnare la merce solo se riceverà per la stessa:

  • banconote, oppure
  • assegno bancario o assegno circolare, oppure
  • "pagherò" cambiario, oppure
  • firma di accettazione su di una tratta, oppure
  • dichiarazione bancaria di aver ricevuto ordine di pagamento, oppure
  • dichiarazione bancaria di blocco dei fondi, oppure
  • attestazione bancaria di avvenuto trasferimento dei fondi, irrevocabile ed incondizionato, a favore del venditore.

Nonostante lo sviluppo dei nuovi strumenti informatici il COD è un sistema di pagamento ancora diffuso presso molti operatori, soprattutto se le spedizioni riguardano merci di beni di largo consumo di importi non rilevanti. Il COD può essere utilizzato per le spedizioni via camion in ambito europeo soprattutto in considerazione delle brevi distanze e, quindi, dei ristretti tempi di inoltro delle merci.

Essendo l'unico modo per vincolare la consegna dei prodotti (per spedizioni via terra) evitando i tempi lunghi dovuti al passaggio dei documenti tra banche di Stati diversi, è opportuno che gli operatori prestino le dovute cautele nel definire con il proprio partner tale sistema di pagamento.

Contrariamente al significato del termine («contanti alla consegna»), il pagamento contestuale si realizza soltanto nel caso di rilascio di banconote in cambio di merce. Nella pratica accade, invece, che la consegna della merce è vincolata al ritiro di documenti. 

Soltanto l'attestazione bancaria di avvenuto trasferimento dei fondi o il ritiro di un assegno emesso da primaria banca assicura il pagamento della fornitura. Tutte le altre possibilità sopra descritte, invece, presentano una serie di rischi che rendono sconsigliabile il sistema COD:

  • l'assegno di conto corrente bancario potrebbe non essere coperto o potrebbe essere trafugato o contraffatto
  • anche la cambiale potrebbe non essere coperta 
  • la dichiarazione bancaria di blocco dei fondi non è un bonifico, è revocabile da parte del cliente e spesso trascorre molto tempo prima che il blocco dei fondi venga trasformato in pagamento
  • l'ordine di pagamento dato alla banca non implica l'esecuzione dello stesso da parte della banca (nulla, infatti, garantisce che vi siano fondi).

Quando si utilizza il sistema di pagamento COD non bisognerebbe scegliere il termine di resa della merce «Ex works». E’ più prudente ricorrere a quelli che assicurano al venditore la gestione del trasporto fino a destinazione. Nel caso questo non fosse possibile, bisognerebbe:

  • ritirare lo strumento di pagamento (assegno bancario firmato da primaria banca o attestazione bancaria di avvenuto trasferimento via swift dei fondi) al momento della consegna della merce alla partenza
  • aver stipulato una polizza assicurativa contro il rischio di mancato pagamento
  • aver ceduto «pro soluto» il proprio credito ad un factor.

Tag dell'informativa
Cash on delivery
Altre tematiche
Guida Pratica: Il trasporto internazionale
Guida Pratica: Il trasporto internazionale Quando un’impresa decide di commercializzare i suoi prodotti all’estero, non può assolutamente esimersi da un’attenta gestione del trasporto e dei rapporti giuridici con i soggetti coinvolti i quali giocano un ruolo importantissimo anche in relazione ad eventuali problematiche doganali.
Conai: la dichiarazione ed il versamento per gli importatori
Conai: la dichiarazione ed il versamento per gli importatori CONAI è il Consorzio Nazionale Imballaggi e si occupa di recuperare, riciclare e/o smaltire i rifiuti derivanti da materiali da imballaggio in Italia.
La nuova normativa europea sul trattamento dei dati personali
La nuova normativa europea sul trattamento dei dati personali Il nuovo Regolamento Privacy sarà applicabile su tutto il territorio dell’Unione europea a partire dal 25 maggio 2018 ed abrogherà la quasi totalità della legge italiana attualmente vigente (Codice Privacy).
Regolamento 2018/1807 e dati non personali: via libera dall’UE alla libera circolazione
Regolamento 2018/1807 e dati non personali: via libera dall’UE alla libera circolazione Il nuovo Regolamento UE 2018/1807 si inserisce nel più ampio quadro della disciplina europea relativa alla regolamentazione del trattamento di dati e aggiunge un ulteriore tassello alla strategia per il mercato unico digitale.
Unione europea: aggiornato il regolamento di blocco
Unione europea: aggiornato il regolamento di blocco A distanza di 22 anni dalla sua pubblicazione, il legislatore unionale ha inteso modificare il Reg. (CE) n. 2271/96 del Consiglio (c.d.
E-commerce: proposte di direttive UE a di tutela del consumatore
E-commerce: proposte di direttive UE a tutela del consumatore La Commissione Europea, nell’ambito di un pacchetto denominato “New deal for consumers – Un new deal per i consumatori”, ha presentato due proposte di direttiva volte a rafforzare la tutela del consumatore.
Come superare le criticità della resa EXW
Come superare le criticità della resa EXW Nell’articolo un approfondimento sui termini di resa, con particolare riferimento alla resa Franco Fabbrica e alle modalità di ridurre i rischi della mancata prova dell’esportazione.  
Il franchising internazionale come opportunità di sviluppo all’estero
Il franchising internazionale come opportunità di sviluppo all’estero Il franchising è una formula distributiva che permette di integrare la filiera e di rendere più efficiente il processo di distribuzione e di vendita; è basato su un know-how proprietario e difendibile nonché su uno o più brand ed insegne, unitamente ad un’immagine omogenea agli occhi del cliente sia relativamente ai prodotti sia relativamente ai servizi ed alla qualità della relazione.
La nuova Direttiva relativa ai Servizi di Pagamento - PSD2
La nuova Direttiva relativa ai Servizi di Pagamento - PSD2 Il 13.01.2018 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (Serie Generale - Numero 10) il Decreto Legislativo n.218/2018, emesso per recepire la Direttiva UE 2015/2366 relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno, che a sua volta modifica le Direttive 2002/65/CE, 2009/110/CE, 2013/36/UE, il Regolamento UE n.
l design industriale: tra brevetto e copyright
Il design industriale: tra brevetto e copyright Il Design Industriale costituisce uno dei principali motori dell’innovazione, rappresentando per l’Italia e il made in Italy un settore di eccellenza e in costante sviluppo.